Il SudEst

Wednesday
Nov 21st
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Ambiente Ambiente Mulinum: la famosa start up agroalimentare sbarca in Puglia

Mulinum: la famosa start up agroalimentare sbarca in Puglia

Email Stampa PDF

 

 


di ALESSANDRA RICCO*

L’impresa, che nascerà a Mesagne (Br) e recupera grani antichi locali, prevede di assumere sette persone e di creare una filiera con decine di imprese agricole biologiche del territorio

Mulinum allarga i suoi orizzonti e arriva anche in Puglia. A Mesagne (Br) nascerà la terza realtà della start up calabrese che recupera grani antichi locali, quelli dimenticati (come Senatore Cappelli). L’impresa, che è stata presentata oggi al castello di Mesagne, verrà realizzata nei 200 ettari dell’azienda agricola Baroni Nuovi (in via Aimonetti San Giorgio, 27), che si estende tra seminativi, vigneti e uliveti. Questo progetto ha preso il via nel mese di novembre, con la partecipazione di venti co-fondatori locali. Il progetto è già finanziato per il 70% del budget necessario per creare la struttura, la filiera e la commercializzazione. In previsione c’è l’assunzione di sette persone e la creazione di una filiera con decine di imprese agricole biologiche pugliesi.

«Sono felicissimo per questo nuovo traguardo – commenta Stefano Caccavari, ventinovenne fondatore di questa start up -. Si tratta del terzo Mulinum che riusciamo ad avviare in meno di dodici mesi dall’apertura dal nostro Mulinum a San Floro, avvenuta il 31 gennaio 2017, e di quello a Buonconvento (in Toscana), formalizzato il 23 maggio del 2017. Il nostro nuovo Mulinum verrà realizzato rispettando i criteri di costruzione in bioedilizia. Puntiamo a trasformare il grano antico Senatore Cappelli e gli altri grani antichi locali pugliesi in farina che, a sua volta, diventerà pane e andrà a dare vita ai prodotti tipici di questo territorio, come i taralli, le friselle e le pucce. Il nostro obiettivo è valorizzare al meglio i grani locali, prodotti dai nostri contadini, remando contro l’importazione dei grani esteri. E il nostro sogno – conclude Caccavari – non finisce qui: vogliamo realizzare un Mulinum in ogni regione d’Italia e poi in ogni provincia».

Mulinum ha avuto un’enorme risonanza e successo anche al di fuori dei confini nazionali. Nata nel 2016 a San Floro, alle porte di Catanzaro, a partire da zero e senza soldi pubblici, l’idea Mulinum ha “affascinato” molte persone. Il 18 settembre 2016 iniziano i lavori per realizzare questo progetto, lavori portati a termine in soli quattro mesi. Il risultato è un casolare, pensato e costruito con tecniche di bioedilizia, che sfrutta solo energia rinnovabile per il funzionamento, capace di produrre grano, farina e prodotti da forno dolci e salati.

Chi è interessato a saperne di più può visitare il sito www.mulinum.it/puglia.

*Ufficio Stampa