Il SudEst

Monday
Aug 03rd
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Ambiente Ambiente Foggia: Il Festival d’arte Apuliae

Foggia: Il Festival d’arte Apuliae

Email Stampa PDF

 

di ALESSANDRA PALLADINO*

Non soli, ma ben accompagnati continua con il quarto appuntamento domenica 2 agosto

In scena lo spettacolo “Dada”, allegorica commistione di stili e generi proposto dall’eclettico musicista foggiano Roberto De Nittis e dal suo ensemble

Tutti i musicisti in scena con strumenti-giocattolo.

Ma il gioco è solo l’apparenza!

Continua con successo il programma di Foggia Estate 2020, manifestazione organizzata dall’amministrazione Comunale – Assessorato alla Cultura che, ogni domenica, presenta la rassegna del Festival d’arte Apuliae “Non soli, ma ben accompagnati”. Dopo il virtuosismo dei Volosi, la splendida voce di Tosca, l’omaggio dell’Ensemble “Umberto Giordano” a Beethoven davanti ad una Villa Comunale gremita ed entusiasta, il festival prosegue domenica 2 agosto con “Dada”, spettacolo originalissimo ideato dal musicista foggiano Roberto De Nittis. Tutti i musicisti sul palco si esibiscono su strumenti-giocattolo o micro-strumenti: De Nittis al toypiano, mini hammond e diamonica, Zoe Pia al clarinetto piccolo e flautino, Davide Tardozzi alla mini chitarra elettrica e ukulele tenore, Glauco Benedetti al tubino, Sebastian Mannutza al baby drum e baby violino, Marcello Benetti alla batteria e percussioni, Dj Fuzteen al mini giradischi. Ad arricchire lo spettacolo la voce di Ada Montellanico.

“Dada” è fatto della materia dei sogni dei bambini, delle loro prime sillabe, evocate da strumenti e strumentini che parlano più di mille parole; è un lavoro dal taglio molto originale nel quale De Nittis, premio Top Jazz 2019 come Miglior Nuovo Talento Italiano assegnato dalla rivistaMusica Jazz, sintetizza gli studi e le precedenti esperienze musicali, divertendosi a mescolare stili e generi musicali diversi, colorando il tutto con arrangiamenti per giocattoli e micro-strumenti. L’ascolto rivela composizioni che sovvertono gli stilemi tradizionali, in un gioco di contrari e allegorie, in cui si alternano composizioni originali e riletture di classici del jazz, della musica classica e della contemporanea. Il jazz e lo swing sono, dunque, la base di partenza per una ricerca sonora a tutto tondo che si muove su atmosfere immaginifiche, quasi felliniane.

Frutto di una ricerca e di una sperimentazione tutta made in Italy, “Dada” mette in luce l’ecletticità del pianista e compositore di origine foggiana e del suo ensemble con uno spettacolo estroso, stravagante e fuori dall’ordinario, certamente capace di incuriosire e stupire il pubblico con una proposta originalissima.

Anche questo appuntamento della rassegna è ad ingresso gratuito su prenotazione, scelta fortemente sostenuta dal sindaco Franco Landella e dall’assessore alla cultura Anna Paola Giuliani al fine di aprire a tutti la partecipazione agli eventi.

In linea e nel rispetto delle prescrizioni anti Covid, è possibile prenotare gratuitamente il proprio posto a sedere sul sito del teatro Giordano www.teatrogiordano.it (nella sezione Estate in Villa 2020) a partire dal lunedì precedente ad ogni concerto. Dopo aver effettuato la prenotazione, stamparla o salvarla sul proprio telefono cellulare e mostrarla prima dei concerti al personale. L’ingresso sarà consentito dalle ore 20.15 o da via Scillitani o da via M. Mazzei (ex via Galliani); l’inizio degli spettacoli è previsto per le ore 21.00. Si prega il gentile pubblico di venire dotato di propria mascherina e di rispettare le norme sul distanziamento.

La cittadinanza è invitata a partecipare.

*Ufficio Stampa