Il SudEst

Monday
Jun 26th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Ambiente Ambiente Portale della Salute e Sanità digitalizzata

Portale della Salute e Sanità digitalizzata

Email Stampa PDF

 


Redazionale

Presentati nei giorni scorsi i nuovi servizi online sul Portale salute.puglia.it

Puglia tra le prime regioni ad avere il Fascicolo Sanitario Elettronico

“Sono particolarmente lieto di annunciare una cosa bella in cui non ho avuto nessun coinvolgimento diretto se non di accompagnarla nella fase finale. Certamente il portale della salute che presentiamo oggi racconta una Puglia innovativa con una sanità sempre più digitalizzata, rappresenta una Puglia che compie un grande salto dal punto di vista gestionale. Per i pugliesi invece il Portale rappresenta un’opportunità preziosa”.

Così il direttore del Dipartimento della Politiche della Salute e benessere sociale della Regione Puglia Giancarlo Ruscitti che questa mattina, insieme con il direttore generale di Innovapuglia, Francesco Surico, con il dirigente della Sezione Risorse strumentali e tecnologiche della Regione Puglia, Vito Bavaro e con il commissario dell’Aress Giovanni Gorgoni,  ha presentato i nuovi servizi online del Portale Salute. Un unico portale del Servizio Sanitario regionale pugliese, tra le prime esperienze nel panorama nazionale, dedicato alla salute e al benessere dei cittadini ma soprattutto alla semplificazione della vita sanitaria di ciascuno di noi.

“Il portale – ha proseguito Ruscitti - si inserisce nel percorso di innovazione della comunicazione tecnologica che la Regione Puglia ha intrapreso negli ultimi anni. Prossimamente agganceremo al portale tutto ciò che oggi viene prodotto in termini di analisi, di consulenze specialistiche e di immagini in modo tale che alla fine il cittadino pugliese, tramite l’accesso al Fascicolo Sanitario Elettronico, avrà una sua cartella clinica virtuale che ciascuno porterà con sè in modo immateriale con tutte le proprie informazioni”.

Ruscitti ha anche ricordato che “questo non è un portale solo per le acuzie, è fondamentalmente un portale per  le criticità”.

“Un portale utile – ha spiegato il Direttore - per coloro che hanno patologie croniche che vengono sottoposti a controlli frequenti e monitorizzati. Attraverso il portale potranno seguire l’andamento della propria patologia. Dai dati statistici la nostra regione sta invecchiando in modo molto rapido. Poter utilizzare uno strumento potente come questo per poter verificare la propria salute diventa una grandissima opportunità, per coloro che sono distanti dal punto di vista logistico dai centri di riferimento, di avere in tempo reale una relazione con il proprio dato o con chi ci sta seguendo. Con il portale della salute la Puglia compie un grande salto dal punto di vista gestionale”.

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha detto che “il Portale della Salute è una cosa bella e importante perché la nostra regione in questo caso dimostra che possiamo non essere gli ultimi, ma anzi possiamo essere tra i primi a livello nazionale ad attuare quelle politiche di formazione, condivisione e partecipazione che vengono raccomandate da sempre sia a livello italiano che europeo”.

Il dirigente della Sezione Risorse strumentali e tecnologiche della Regione Puglia Vito Bavaro ha poi presentato (in allegato le slides) concretamente tutti i servizi online del Portale (tra questi, la scelta e/o la revoca del medico, il calendario vaccinale etc), la nuova App di Puglia salute, con le informazioni e una parte dei servizi (nel corso del 2017 ci sarà l’implementazione di tutti i servizi online) e il Fascicolo Sanitario Elettronico.

“La Puglia è una delle prime sette regioni italiane ad avere il Fascicolo Sanitario Elettronico – ha sottolineato Bavaro – con funzioni molto importanti ed utili per il cittadino. Il Fascicolo mette in rete infatti gli operatori sanitari e sociosanitari per condividere le informazioni, con l’obiettivo finale di compiere la vera de materializzazione della documentazione sanitaria”.

Per il direttore di Innovapuglia Francesco Surico, “il Portale salute è un vero HUB di servizi che pone al centro il cittadino, con l’obiettivo di migliorare la sua vita. E’ il risultato di un grande e complesso lavoro di squadra che ha visto compiere un imponente sforzo tecnologico e innovativo”.

Per Gorgoni “la digitalizzazione progressiva dei servizi legati alla salute è un percorso irreversibile non solo per una questione economica e di efficienza, ma anche e soprattutto per il miglioramento dei servizi”.

Infine il commissario dell’Aress ha anche annunciato che “una delle novità della rete oncologica è che tutti i pazienti oncologici abbiano la possibilità di consultare e condividere con chi lo vorranno i propri documenti sanitari ovunque si trovino attraverso proprio lo strumento  Fascicolo sanitario elettronico, un punto di arrivo ma contestualmente anche un punto di partenza”.

Nel corso della conferenza stampa è stata presentata anche la campagna di comunicazione del Portale salute che, per il mese di maggio, prevede una serie di incontri sul territorio pugliese mirati proprio a far conoscere le potenzialità del servizio. Il 15 maggio a Lecce, il 16 a Taranto, il 17 a Foggia, il 18 a Bari, poi il 24 a Brindisi e il 25 nella Bat.

________________________

nuovo portale PugliaSalute www.salute.puglia.it è on line, completamente ridisegnato, facile da usare, con nuove funzionalità. PugliaSalute è anche un APP per un accesso più rapido ai servizi in mobilità.

Sono disponibili a tutti le informazioni su emergenza, farmacie di turno, guardia medica, strutture sanitarie, prevenzione e procedure per l’assistenza. Inoltre con le credenziali personali, distribuite con tutte le cautele del caso trattandosi di dati sensibili riguardanti la propria salute, o con SPID il Sistema Pubblico di Identità Digitale, www.salute.puglia.it diventa la porta d'accesso per i servizi sanitari digitali ai  cittadini pugliesi.

Sul portale PugliaSalute puoi:

  • Prenotare e pagare il ticket per le visite specialistiche nelle strutture del servizio sanitario nazionale (ASL, aziende ospedaliere), sia con ricetta rossa che con ricetta dematerializzata. In caso di impedimento, disdettare on line le prenotazioni già effettuate per non incorrere nel pagamento della penale.
  • In maniera riservata, per proteggere i tuoi dati e garantirti la privacy, accedere con le credenziali personali o SPID per attivare o consultare il Fascicolo Sanitario elettronico, che contiene prescrizioni, ricoveri, referti specialistici. Il Fascicolo sarà immediatamente disponibile anche per i medici ai quali consentirai l’accesso che potranno avere in un solo colpo d’occhio la tua storia clinica e prendere decisioni appropriate.
  • Stampare direttamente a casa tua le ricette delle prescrizioni del medico di medicina generale e presentarle in farmacia per il ritiro dei farmaci, senza doverle andare a ritirare nello studio del medico.
  • Richiedere o revocare l’assistenza del medico di base o del pediatra.
  • Gestire il calendario dei vaccini dei tuoi figli
  • Cercare in tempo reale la farmacia più vicina a te e trovare tutte le informazioni su farmacie di turnoguardia medica, strutture sanitarie.
  • Avere tutte le informazioni di cui hai bisogno sulle emergenze e conoscere in tempo reale quale sia la situazione dei pronto soccorso in Puglia, quanti siano i pazienti in attesa e con quale gravità.
  • Avere le informazioni aggiornate su quanto accade nel mondo sanitario regionale, un vero e proprio magazine con news, eventi, interviste e approfondimenti.

I servizi sono ora disponibili anche sull’APP Puglia salute per smart phone e tablet. Scaricala direttamente dalla homepage del portale o sugli store di apple e android.

PugliaSalute ti ascolta: segnalazioni, contatti per l’assistenza sui servizi online, questionari di gradimento sono a tua disposizione per il tuo parere, le tue segnalazioni ci aiutano a migliorare sempre più i servizi

ü  Riduzione dei costi

Il portale della salute ha un costo medio per sito istituzionale di circa  € 43.000 per anno, laddove, ciascun sito, gestito separatamente comportava quando è stato dismesso nel 2011, circa € 80.000.