Il SudEst

Sunday
Jul 12th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Ambiente Consumatori

Consumatori

Aggiungi un posto a tavola

Aggiungi un posto a tavola

di ANGELO GIANFRATE

 

La storia della cucina italiana ha subito l’influenza di tutti i popoli che, nel corso dei secoli, hanno lasciato il loro segno, non solo artistico e culturale ma anche gastronomico. Romani, greci, arabi sono solo alcuni dei popoli che hanno contribuito a creare una tradizione culinaria che dura ormai da secoli.


La tradizionale cucina italiana ha ricevuto apprezzamenti in tutto il mondo e i suoi prodotti di grande gusto e genuinità hanno riscosso diversi riconoscimenti. Gran parte dei prodotti italiani, infatti, possono vantare la certificazione DOCG (denominazione di origine controllata e garantita).

La stroscia -  Liguria

(Un dolce antichissimo e di facile preparazione che si può aromatizzare in moltepici maniere scegliendo un liquore per l’impasto, ma dove regna sovrano l’olio extravergine di olive taggiasche. Questo dolce è caratteristico della Valle di San Lorenzo ma è diffuso anche nelle altre valli come la Val d’Arroscia e la Valle Argentina).

Brevi cenni, l’origine

Tipico dolce ligure caratterizzato dal gusto dell’olio extra vergine di olive taggiasche della provincia di Imperia.Focaccia dolce secca dall’intenso profumo di limone e delle erbe aromatiche presenti nel vermut. Torta davvero insolita, non la conoscevamo, ma ci ha subito conquistato col suo inebriante profumo di buon olio ligure. Come per la sbrisolona mantovana, la stroscia non va tagliata ma spezzata con le mani; da qui il nome della torta, infatti strosciare in ligure significa spezzare, rompere. Questa particolarità la rende un dolce molto pratico per terminare in dolcezza un picnic all’aria aperta.

Ingredienti per 4 persone

500g. di farina tipo 00; 250 gr. di olio extravergine di olive taggiasche; 200 gr di zucchero (125 per l’impasto il resto per la granellatura); la scorza di un limone o se preferite un’arancia; ½ bustina di lievito vanigliato per dolci; due bicchieri di un liquore aromatico a Vostra scelta.

Preparazione

In una casseruola unite farina, lievito e 125 gr. di zucchero, mescolate bene per amalgamare le polveri, versate a filo l’olio extravergine continuando ad impastare. Quindi aggiungete il liquore e finite con la scora dell’agrume scelto grattugiata. Lavorate bene il composto. Stendete l’impasto in una tortiera dandogli uno spessore di circa 2/3 cm. Cospargete abbondantemente di zucchero e, se si vuole, con qualche zesta di agruma. Infornate per 30’ a 180°.

Tempo stimato: 60’ – Difficoltà: Facile.

L’abbinamento enologico: Ormeasco di Pornassio

 

Sono due le tipologie dell’Ormeasco di Pornassio che si sposano bene con questa torta. L’Ormeasco Passito, con quelle sue note di frutto rosso in confettura, completa l’offerta dolce e di nerbo al palato che è proposta nella preparazione mentre l’Ormeasco Passito Liquoroso e cioè di gradazione ancora più sostenuta, può tranquillamente essere ingrediente del dolce al posto del Vermouth o accompagnarlo in degustazione.

Pallotte cacio e ova - Abruzzo

(E’ un piatto omnibus: potete proporlo come antipasto, come primo o come secondo, magari accompagnato da un contorno consistente. Semplicissimo da realizzare, fa parte dell’antica tradizione gastronomica abruzzese. Se, invece che col sugo al pomodoro, lasciate le pallotte semplici semplici e le accompagnate con verdure pastellate potete realizzare un ottimo aperitivo).

Brevi cenni, l’origine

Anche se è in dialetto, sono certa che hai capito di che piatto sto parlando, soprattutto se sei del centro-sud: le pallotte cacio e uova, un'eccellenza della tradizione gastronomica abruzzese e alto- molisana, una sorta di monumento della cucina contadine. Come tante altre ricette popolari, la loro origine è povera, legata a una cucina di sussistenza e strettamente legata ai prodotti del territorio, come il formaggio e le uova, che permettevano di dare vita a piatti semplici ma molto sostanziosi, in grado di sfamare le famiglie anche in periodi di difficili e di grandi restrizioni, causate sia dalle calamità naturali che dalle guerre.

Le storie che si tramandano oralmente raccontano che, durante la II Guerra Mondiale, a causa dei saccheggi delle case e dei casali di campagna, si nascondevano il formaggio, qualche uovo e il pane, sotto le travi del pavimento o dietro i mattoni dei muri, ingredienti che le sapienti mani delle donne seppero trasformare in questa delizia. Dopo la guerra le massaie hanno continuato a cucinare questo piatto, ma per altre necessità, infatti durante le lunghe giornate in campagna serviva un pasto veloce, sostanzioso e ricco di gusto che rifocillasse i contadini. Pensa che secondo alcuni storici, le "pallotte cac'e ove" hanno anche ispirato gli spaghetti alla Carbonara.

Ingredienti per 4 persone

200 gr. di formaggio di vacca semi stagionato; 100 gr. di pecorino stagionato; 6 uova; 3 fette di pane raffermo; 250 ml. di latte; prezzemolo e sale q.b.

Per la salsa: 600 gr. di passata di pomodoro; 1 cipolla bianca; 1 peperone verde; olio extravergine d’oliva, sale e pepe q.b.

Preparazione: Ammollate il pane nel latte poi strizzatelo. Sbattete le uova in una terrina, aggiungete il pane ammollato e i due formaggi grattugiati. Qualora il composto risultasse troppo molle, aggiungete un altro po’ di formaggio e del pangrattato. Lasciate riposare per ¼ d’ora. Quindi preparate la salsa: in una padella fate imbiondire la cipolla tagliata finemente con il peperone ridotto a cubetti, aggiustate di sale e pepe, aggiungete la salsa di pomodoro e fate sobbollire. Realizzate cin l’impasto di uova e formaggio delle polpettine (pallotte) che friggerete in abbondante olio extravergine d’oliva. Scolatele e ripassatele nella salsa.

Tempo stimato: 45’ – Difficoltà: Facile.

L’abbinamento enologico: Montepulciano d’Abruzzo Cerasuolo

Con questo piatto che è corposo e sapido serve un vino capace di sgrassare ma anche di sostenere. Ed ecco che la cantina abruzzese ci offre un abbinamento straordinario: affidatevi ad un Montepulciano d’Abruzzo Cerasuolo. La minore macerazione sulle bucce conferisce al vino maggiore freschezza, ma nulla toglie alla sapidità e alla struttura; in compenso l’acidità che pulisce bene il palato.

 

Jazz italiano: il "mare" inventato da Paolo Di Sabatino

Jazz italiano: il

di ROSAMARIA FUMAROLA

Una decina di anni fa, ascoltando annoiata l'ennesima edizione del Festival di Sanremo, fui colpita da un lungo assolo di piano, che rimandava ad un ...

Leggi tutto...

L’Agenda del SudEst.it

L’Agenda del SudEst.it

A cura di ANGELO GIANFRATE

Settimana dal 11 al 17 Luglio 2020

Luglio soleggiato, vino assicurato

Sole Luna

1° sorge alle 05.28 – tramonta alle 20.39           sorge alle 16.48...

Aggiungi un posto a tavola

Aggiungi un posto a tavola

di ANGELO GIANFRATE

 

La storia della cucina italiana ha subito l’influenza di tutti i popoli che, nel corso dei secoli, hanno lasciato il loro segno, non solo artistico e cul...

L’Agenda del SudEst.it

L’Agenda del SudEst.it

A cura di ANGELO GIANFRATE

Settimana dal 4 al 10 Luglio 2020

Luglio soleggiato, vino assicurato

Sole Luna

1° sorge alle 05.28 – tramonta alle 20.39           sorge alle 16.48 ...

Jan Garbarek: "Tutti i linguaggi sono miei"

Jan Garbarek:

di ROSAMARIA FUMAROLA

Esiste un numero altissimo di persone che decidono di dedicare la loro vita alla musica.

Leggi tutto...

Aggiungi un posto a tavola

Aggiungi un posto a tavola

di ANGELO GIANFRATE

 

La storia della cucina italiana ha subito l’influenza di tutti i popoli che, nel corso dei secoli, hanno lasciato il loro segno, non solo artistico e cul...

Pagina 1 di 11