Il SudEst

Sunday
Dec 09th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Archivio articoli

Lavori sulle linee ferroviarie del Sud Est

Email Stampa PDF

di MICHELE PETTINATO

Più servizi per i viaggiatori?


Niente più campanelline che annunciano l’arrivo di un treno, nessuna attesa alle stazioni della tratta Putignano-Martina Franca – Taranto delle Ferrovie Sud Est ed un grande punto interrogativo sul futuro. Ferrovie Sud Est, qualche giorno fa, ha annunciato che fino all’Estate 2019, la tratta che da Putignano arriva fino a Martina Franca sarà chiusa. Secondo quanto riferito dai responsabili di Ferrovie Sud Est e dall’Assessore regionale ai trasporti Giannini, saranno effettuati degli interventi di manutenzione straordinaria per garantire dei nuovi standard di sicurezza. Si tratta di lavoro di rinnovo dei binari (rotaie, traversine e massicciata) per garantire maggiore sicurezza sulla linea. Durante il periodo di interruzione del servizio, tutti i treni saranno sostituiti con gli autobus. Fin qui la cronaca.

Tante però sono le domande rispetto a questa situazione che penalizza in modo grave l’utenza quotidiana delle FSE. La prima è relativa ai tempi dei lavori. Si riuscirà a concludere il tutto entro l’Estate 2019? Un ulteriore ritardo sicuramente, oltre ad un nuovo disagio per gli utenti potrebbe nuocere al turismo che vede sempre più appassionati giungere dall’estero per visitare i centri del Sud Est barese, fino a Taranto.

Come sarà effettivamente organizzato il servizio sostitutivo di autobus? Quante corse quotidiane ci saranno dalle singole città? Saranno aumentate in maniera cospicua in base alle necessità dei viaggiatori? Come si intende dare qualità al servizio, soprattutto in riferimento alla grande utenza di anziani che spesso trovano difficoltà a salire le scale degli autobus?

E poi, sullo sfondo, c’è il grande interrogativo sul futuro ovvero quando la linea ferroviaria sarà riaperta. Il servizio riuscirà ad essere efficiente facendo tesoro degli errori del passato? Gli utenti e tutti i viaggiatori potranno raggiungere le loro mete in maniera più comoda?

Sarà sicuramente un banco di prova per Ferrovie Sud Est, azienda che sta cercando di ripartire dopo il crac di 230 milioni di euro. Il banco di prova sono sempre i viaggiatori. Per il momento, arrabbiati, per usare un eufemismo, da troppo tempo. A giusta ragione, aggiungiamo noi.

 

Fonte Foto: BariLive.it

 

Fine modulo