Il SudEst

Wednesday
Aug 15th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Attualità Attualità Grande successo per Antonio Castrignanò

Grande successo per Antonio Castrignanò

Email Stampa PDF

di MARIA DEL ROSSO

Ospite dell’evento Rose&Rosati a Ruvo Di Puglia

Antonio Castrignanò, uno degli artisti più affermati del Salento è stato l’ospite del festival “Rose&Rosati” dedicato al vino rosè a Ruvo di Puglia.

L’ evento è nato da un’idea della Pro Loco di Ruvo di Puglia in collaborazione con

l’Amministrazione Comunale – Assessorato alla Cultura e Turismo, l’Unpli Puglia e Confcommercio con l obietto di promuovere la cultura del vino rosato.

L’ invito all’ artista è nato durante un convegno sulla missione delle Pro Loco di valorizzare le lingue territoriali nel cuore della Grecìa Salentina, a  Calimera, paese di Antonio Castrignanò, ha spiegato Rocco Lauciello nel corso della conferenza stampa a Ruvo.

Il musicista è conosciuto al grande pubblico per essere voce e tamburo de “La Notte della Taranta”  e per le sue collaborazioni importanti con artisti come Steward Copeland, Mauro Pagani, Giuliano Sangiorgi, Goran Bregovic, Ludovico Einaudi.

Inoltre, l’artista è stato il compositore della colonna sonora del film Nuovomondo di Emanuele Crialese, Leone D’ Argento alla mostra del cinema di Venezia 2006.

Il musicista è apprezzato anche all’ estero e ha suonato sui palchi prestigiosi internazionali come il teatro “Maison du Peuple” a Clermont Ferrant, nella Salle V. Hugo a Lione, al New Morning a Parigi, a Montecarlo al festival Fête de la Danse.

Castrignanò ha presentato “Fomentaproject2018” nella suggestiva Piazza Dante con

l’ abside della Cattedrale a far da sfondo all’ evento di musica popolare più atteso del weekend. Sul palco sono state proiettate le meravigliose creazioni dell’ artista Egidio Marullo  accompagnate dalle parole e dalla musica di Antonio Castrignanò.

Inoltre, dinanzi al palco non è mancato lo striscione con il motto dell’ artista :“Ci balla la pizzica nu more mai”, chi balla la pizzica non muore mai perché è una danza che trasmette energia positiva.

Il cantore si è esibito con i musicisti: Rocco Nigro, Gianluca Longo, Giuseppe Spedicato, Morris Pellizzari, Gianni Gelao, Luigi Marra.

Tanti salentini tra cui leccesi e cittadini di Alessano, molti amanti delle danze popolari sono giunti a Ruvo per trascorrere una serata all’ insegna della pizzica tra un calice di vino e la buona  musica che racconta i canti d’ amore, di lavoro, di storie quotidiane.

Antonio Castrignanò ha proposto i brani del suo repertorio musicale come “Li culuri de la terra”, “Funtana gitana”, un brano molto conosciuto anche nelle terre della Murgia, “La ciuccia nera”, “Pizzica di Uccio”, “La Papagna”.

La piazza ha ballato a ritmo di tamburello con “Fomenta”, uno dei successi dell’ artista, i bambini e gli adulti hanno suonato e danzato la pizzica con entusiasmo e con la gioia di ritrovarsi come comunità per condividere una serata alternativa tra sapori e musiche delle terre di Puglia. Una musica che porta non solo divertimento ma consapevolezza delle proprie radici e della propria storia perché solo conoscendo la propria terra si può conoscere se stessi.

L’ artista ha coinvolto il pubblico con pizziche, tarantelle, stornelli invitando la gente a danzare e a lasciarsi trasportare dal ritmo incalzante  del tamburello e i suoni di una terra del profondo salento intrisa di cultura e di arte.

Al termine del concerto, l’ artista si è concesso al pubblico per autografi e foto con i tanti fans giunti da ogni parte della Puglia.

La tappa di  “Fomentaproject2018” è stato un momento di aggregazione, di condivisione, di musica e di danza, di tradizioni e di buon vino made in Puglia.

Dopo il concerto a  Ruvo di Puglia l’ artista sarà impegnato per  il tour  estero :

Amsterdam , Bruxelles, Nijmegen.

La foto è del fotografo Vincenzo de Pinto.