Il SudEst

Thursday
Oct 18th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Attualità Attualità Cinque serate eccezionali per la rassegna Jazz invernale della Camerata Musicale Barese

Cinque serate eccezionali per la rassegna Jazz invernale della Camerata Musicale Barese

Email Stampa PDF

Ufficio stampa

Ritorna “Notti di Stelle” il famoso Festival della Camerata, ma in versione invernale.


Cinque appuntamenti  imperdibili per  l’edizione 2018/19 inserita nel Cartellone della 77ª Stagione.

Si comincia il 15 novembre, al Teatro Showville, con “VERDI’s MOOD” by Cinzia Tedesco,  un progetto ideato dalla vocalist considerata un vero talento del jazz italiano. Dedicato a Giuseppe Verdi, VERDI’s MOOD è“pure jazz” ma al contempo è un omaggio reale, profondamente popolare al Verdi più autentico e mai realizzato sino ad oggi in questa chiave da una vocalist. È un abito sartoriale di cui l’artista cura personalmente dettagli, sfumature e suoni, creando un mood nuovo, emozionante e che racchiude gli elementi più importanti del suo bagaglio musicale e delle esperienze di palco. Cinzia Tedesco è un talento naturale, una donna grintosa e con una presenza scenica affascinante e travolgente. Una voce che incanta ed un’artista coinvolgente ed emozionante. Sul palco la vocalist sarà accompagnata da Stefano Sabatini (pianoforte), Giovanna Famulari (violoncello), Luca Pirozzi (contrabbasso) e Pietro Iodice (batteria).

Secondo appuntamento con il Concerto di Natale, a cura di Eric Waddel & The Abundant Life Singers, che il 23 dicembre al Petruzzelli, introdurrà il pubblico nel periodo delle feste natalizie con un  tripudio di suoni e voci in perfetto stile Gospel e la perfetta cornice per gli auguri della Camerata a tutta la Città e Regione. Il gruppo proporrà un concerto di altissimo livello scoppiettante e festoso, allo stesso tempo, affidato all’abilità e alla direzione magistrale di Eric Waddell, front-man e leader del   gruppo composto  da 21 elementi tra cantanti e musicisti che, grazie a lui, ha raggiunto un livello di perfezione vocale e musicale non comuni.

Il nuovo anno si aprirà   il 29 gennaio, sempre al Teatro Petruzzelli,  con Gino Paoli, una delle leggende della musica italiana, che presenterà a Bari il suo ultimo progetto live “Paoli canta Paoli”.  Cantautore, pioniere e precursore di un movimento artistico denominato scuola genovese, che insieme a Bindi, De Andrè, Lauzi, Endrigo e tanti altri personaggi noti ha generato una fucina di talenti unici negli anni ’60,   Gino Paoli è un’icona della musica italiana in grado di attraversare numerose generazioni e consegnarci ancora oggi con le sue canzoni un intreccio di poesia e melodie unico nel suo genere. In questo nuovo spettacolo, in cui sarà affiancato da tre giganti del jazz italiano come Rita Marcotulli al pianoforte, Alfredo Golino alla batteria ed Ares Tavolazzi al basso, Paoli ripercorre la sua prolifica produzione a cominciare dai suoi più grandi successi come Il cielo in una stanza, La Gatta, Una lunga storia d’amore e tante altre eterne melodie..

Il 5 febbraio, sempre sul palcoscenico del Petruzzelli,  Fabio Concato e il Paolo Di Sabatino Trio, ovvero la certezza di ottima musica, sorprendenti rivisitazioni di successi amati con più che semplici incursioni nel jazz, sicurezza di una complicità tra i musicisti che cattura e trascina nella musica. Il cantautore milanese si esibirà, in esclusiva per la Puglia, con i musicisti  che sono ormai degli amici, ovvero il pianista teramano il cui nome risuona nel mondo, Paolo Di Sabatino, il contrabbassista Glauco Di Sabatino e il percussionista Marco Siniscalco.

Certamente Fabio Concato non ha bisogno di presentazioni essendo uno dei cantautori italiani più amati, elegante e musicalmente raffinato narratore di piccole storie della quotidianità.

La presenza del jazzista Paolo Di Sabatino con il suo Trio racconta che gli arrangiamenti dei brani di Concato saranno rivisitati in una chiave nuova: il pubblico viene accompagnato in un viaggio che inizia e torna nelle melodie delle canzoni esplorando, attraverso l’improvvisazione jazz, i mondi musicali più diversi. Fabio Concato è certamente un artista poetico e intimista, ironico e malinconico, mai sopra le righe, pacato nei modi e nelle interpretazioni, possiede una vocalità che negli ultimi album ha sfumature da interprete raffinato esattamente come il jazz di Paolo Di Sabatino.

Chiusura in bellezza  il 25 febbraio con un incontro in musica ad altissimi vertici, quello tra

Enrico Rava e Danilo Rea.

Recentemente, Enrico Rava e Danilo Rea si sono incrociati all’aeroporto di Londra e, nell’attesa di prendere il volo per Roma, chiacchierando del più e del meno, hanno deciso di dare vita ad un nuovo sodalizio con un repertorio che tenesse conto di composizioni celebri di Chet, di Miles, di Joao. Eccoci pronti ad ascoltare brani indimenticabili nella interpretazione raffinata, intensa e mai banale di due maestri del jazz.  “Enrico è un musicista incredibile – dichiara Danilo Rea – di quelli che riconosci dopo la prima nota. Se è vero che il suono è l’espressione dell’anima, allora Enrico ne è l’esempio più evidente. Molti solisti, quando suonano in duo, hanno bisogno di essere accompagnati. Con Enrico è diverso, si crea una sinergia e un suono unico, come se ci fosse una terza persona a suonare con noi. Personalmente, ho sempre pensato al jazz come un racconto di vita, l’esperienza è fondamentale. Ovviamente, puoi suonare così solo quando c’è una grande fiducia reciproca, che ti porta anche ad essere propositivo”.

“Non è la prima volta che suono con Danilo – ricorda Enrico Rava – è un pianista strepitoso, non è mai banale e riesce sempre a sorprendermi. Inoltre, ha una caratteristica che lo differenzia da molti: è un musicista che sa ascoltare e si fa ascoltare allo stesso tempo. Dalle nostre collaborazioni sono nate sempre delle cose impreviste, e questo può accadere solo quando c’è un ascolto reciproco. Abbiamo scelto dei brani per il repertorio dei concerti ma ci siamo lasciati anche molto spazio per l’improvvisazione”.

Per il ciclo dei concerti “Notti di Stelle Winter” sono disponibili abbonamenti al costo di  € 200 per la poltrona ed €150 per la poltroncina.

Continua intanto lacampagna abbonamenti per l’intera stagione o per i soli “Eventi al Petruzzelli”; gli stessi sono   disponibili  presso gli Uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141.

Oggi ultimo giorno delle promozioni “Fiera” che si potranno prenotare solo “On line”.

Iinfotel. 080/5211908 e sul sito www.cameratamusicalebarese.it