Il SudEst

Monday
Jul 22nd
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Attualità Attualità Isola dei Famosi 2019: Vince lo sport, il meno trash e l’amore

Isola dei Famosi 2019: Vince lo sport, il meno trash e l’amore

Email Stampa PDF

 

di SARA LAURICELLA

Un’Isola dei famosi, quella del 2019, in cui il fondo è stato grattato più in basso che mai.

 

Qualcuno ha azzardato ad intitolarla “L’isola dei trash” ma, forse, almeno alla fine un pizzico di normalità è uscita fuori. La normalità di uno sportivo che non ha avuto bisogno di grossi litigi artefatti, di accuse più o meno veritiere ed altro, ben sapendo che l’ambiente e la situazione non portano certo a manifestazioni di affetto e gioia. Ha vinto Marco Maddaloni, l’ex judoka napoletano, battendo la pluripronosticata Marina La Rosa. A seguire Luca Vismara, Sarah Altobello e Aaron Nielsen. La finale, in prima serata su Canale 5, ha visto i finalisti ritornare a Milano 2, dopo aver lasciato le spiagge di Cayo Paloma, per combattersi per le ultime sfide e commentare, insieme alla conduttrice Alessia Marcuzzi ed alle due ospiti Alba Parietti ed Alda D’Eusanio, le gesta dei primi due classificati, contornati dall’irriverenza della Gialappa’s Band. Quest’anno il programma, prodotto da Mediaset e Magnolia, giunto alla 14ma edizione ha rischiato anche la chiusura (o forse sono state solo voci di corridoio) per le tante polemiche ed accuse riguardo, una tra le tante, all’attacco di Fabrizio Corona a Riccardo Fogli e di tutto ciò che ne è conseguito. Tutto questo trash (di cui ci domandiamo se ne avessimo realmente bisogno) è stato, almeno in finale ed almeno in parte, messo in pace dalla vincita di Maddaloni il quale ha dimostrato umanità e tenacia sportiva durante il percorso e nella stessa finale. Il campione ha affermato che userà, infatti, parte della vincita per pagare il forte debito familiare per la palestra Star Judo con sede a Scampia, quartiere di Napoli non certo facile ma che, proprio per questo, ha bisogno di dare ai giovani le regole e gli esempi dello sport. «Educare i bambini attraverso la pratica dello sport all’interno delle scuole grazie ad un “matrimonio” tra il Coni e con il Miur» è il progetto dello judoka e del papà Gianni. Ed a proposito di matrimonio il vincitore, dopo i festeggiamenti con i soliti momenti di gioia ed euforia, ha emozionato il pubblico in sala ed i telespettatori chiamando la madre dei suoi figli Romina Giamminelli ed inginocchiandosi davanti a lei per chiederle, in diretta, di sposarsi. Un gesto inaspettato accolto con gioia dalla già moglie (ma solo al civile) del campione che si prepara, quindi, ad indossare l’abito bianco in chiesa portando con loro i due figli della coppia. Lacrime e commozione per un’edizione dell’Isola trascinata alla finale con grande fatica ma conclusasi con un epilogo dall’aspetto umano e, si potrebbe anche dire, educativo.   Chiudiamo con una frase di Marco Maddaloni … vorrei vincere “per dare un futuro solido ai miei figli. E poi per Scampìa, dove sono nato, può essere un messaggio forte: anche partendo da lì si può arrivare lontano”.