Il SudEst

Wednesday
Sep 18th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Attualità Attualità Alain Delon Palma d’oro alla carriera tra lacrime e polemiche

Alain Delon Palma d’oro alla carriera tra lacrime e polemiche

Email Stampa PDF

 

di SARA LAURICELLA

Alain Delon, mito intramontabile del cinema francese ed internazionale, ha ricevuto, ad 83 anni, la Palma D’Oro alla Carriera al Festival di Cannes 2019.

 

La meraviglia è che un simile attore, simbolo nel bene e nel male, non l’abbia ricevuta fino ad adesso. Ovazione del pubblico, lacrime sul palco e contestazioni da parte del mondo femminista riguardo delle sue dichiarazioni. Certo la mentalità non è quella che potrebbero (o dovrebbero) avere gli uomini attuali ma almeno in momenti di maggior cura sulle sue esternazioni, l’attore mito Alain Delon ha ringraziato più di una volta e pubblicamente le tante donne che sono state importanti nella sua vita e che sono state motori di alcune sue scelte personali ed artistiche. E così il ringraziamento a Brigitte Auber, la ragazza che lo portò a farsi un giro sul red carpet della Croisette, ancora giovanissimo ed appena tornato dal militare, quando lui non conosceva Cannes e da cui ne rimase folgorato, per continuare con le sempre amate, seppur con tante controversie, Romy Schneider e Mireille Darc. Ringraziamenti che ha voluto fare anche ai grandi registi che l’anno diretto “Non volevo questa Palma d'Oro, non spetta a me ma ai registi che mi hanno diretto. A Visconti, a Rene Clement, a Melville, a Jacques Deray. Loro non ci sono più e io l’accetto per loro", ha dichiarato commosso. Un premio che è anche un omaggio a tutto un mondo ed un modo di fare cinema che ormai non esiste più. Ed un accenno alla pesantezza della vecchiaia "è un periodo difficile, davvero duro"  e se lo dice lui c’è proprio da crederci. Accanto a lui, sul palco, la giovanissima figlia Anouchka, nata dalla relazione in età avanzata con la top model Rosalie van Breemen. Ed ancora un commovente abbraccio sul palco con Alain Delon che si commuove tra i (quasi) dieci minuti di applausi del pubblico. Controverso come lo sono spesso i grandi; amato, odiato, invidiato, esaltato e depresso (almeno così dicono). Una vita “Salvata dal cinema”, per usare le sue parole, costellata di  tanti  film e di tanti film cult, un’immagine, la sua, che rimane iconica a distanza di anni per non dire di decenni ed ancora fortemente utilizzata. Noi guardiamo l’attore, conoscere la persona è prerogativa di amici e familiari, e sulla sua carriera niente da aggiungere. Buona Palma d’Oro Monsieur Delon.