Il SudEst

Tuesday
Aug 04th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Attualità Attualità “Un’altra estate” di Diodato è colonna sonora dell’estate

“Un’altra estate” di Diodato è colonna sonora dell’estate

Email Stampa PDF

 

 

di MARIA DEL ROSSO

“Un’ altra estate” è il brano più ascoltato dalle radio che si appresta a divenire la colonna sonora  dell’ estate 2020.

La canzone è del cantautore tarantino, Antonio Diodato, ispirata al nostro tempo incerto e inquieto che abbiamo vissuto in questi mesi di lockdown a causa della pandemia.

Molti italiani hanno suonato e cantato dai balconi, dagli ospedali, dalle terrazze e intonato il ritornello di “Fai rumore”, canzone vincitrice del festival di Sanremo, parole intense che rispecchiano il silenzio tra le strade delle città  nel periodo della quarantena.

L’ aspetto più allarmante del Covid-19 è stata la distanza sociale poiché  ha annullato il contatto fisico tra gli esseri umani.

“Un’altra estate” racconta le emozioni e i sentimenti del voler ritornare alla normalità, a riappropriarsi degli spazi, dei propri affetti e il desiderio di  tornare a quel mare che ci dona energia positiva.

“Lo vedi amico arriva un’altra estate.

E ormai chi ci credeva più che è stato duro l’inferno ma non scaldava

l’ inverno. Hai pianto troppo questa primavera”.

Le parole della canzone rappresentano l’invito  di Diodato alla rinascita del nostro Paese e delle nostre anime, ad emozionarci ancora, a non perdere la speranza per un futuro migliore, ad inseguire nuovi sogni e nuove rotte.

“E  nuoteremo con il cuore in gola fino all’ orizzonte perché in fondo noi a quell’ orizzonte ci crediamo ancora ci crediamo ancora. Tu ci credi. Io ci credo ancora”.

Per chi come Diodato è pugliese, il Sud è la culla dei sogni, il mare è la cura di ogni tempo, di ogni malessere,  di ogni malinconia. Siamo nati con il mare addosso e non lo lasciamo mai anche quando siamo lontani dalla nostra terra. Il mare è un dono di Dio, è un miracolo, è linfa vitale, ci dona nuovi orizzonti da immaginare e sogni in cui sperare.

“E ce ne andiamo al mare

Chissà che effetto fa?

Vediamo se questo tempo ci rincuora

Se questa estate ci consola”.

Tempi segnati dall’ attesa della bella stagione e la primavera vissuta in casa ad inventarsi chef e a riscoprire nuove passioni ed hobby, ad imparare a lavorare in smartworking e a riscoprire le proprie fragilità mentre fuori la natura fioriva e profumava di vita, sognando l’ estate e di poter ritornare alla libertà di camminare in riva al mare, di un caffè con gli amici al bar, di un abbraccio e di un bacio con gli affetti più cari.

L’ estate è arrivata e Diodato torna con il suo brano inedito  e autentico che   descrive  in parole e in musica non solo i momenti bui che il nostro Paese ha vissuto ma anche il coraggio di voler  ritornare a vivere, più forti e sognatori.

E come afferma Carl  Gustav Sung : “Il mare è come la musica, contiene e suscita tutti i sogni dell’ anima”.

Il cantautore Antonio Diodato è in tour “Concerti di un’ altra estate” con le seguenti tappe : il 5 agosto a Taormina (Me) al Teatro Antico e il 15 agosto a Grottaglie (Ta) al Cinzella Festival, unica data pugliese.

©Riproduzione riservata