Il SudEst

Saturday
Sep 26th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Attualità Attualità Franca Valeri addio all'attrice dell’emancipazione femminile

Franca Valeri addio all'attrice dell’emancipazione femminile

Email Stampa PDF

di SARA LAURICELLA

100 anni appena compiuti per Franca Valeri, attrice ed autrice comica ed ironica che tanto ha scritto e raccontato dell’emancipazione femminile, tema che ha voluto fosse il filo conduttore dei monologhi mandati in filodiffusione durante la camera ardente. Il proscenio del palco del Teatro Argentina è stato il luogo dell’ultimo saluto con il pubblico e con gli amici e colleghi, con la bara a diretto contatto con le tavole, a traspirarne l’odore fino all’ultimo secondo, e  con indosso l’abito di scena di “Non tutto è risolto” del suo amico e fidato stilista Roberto Capucci presente all’estremo saluto. Una vita per l’arte, per il teatro, per il racconto di un secolo d’Italia, della condizione delle donne con quell’ironia che l’ha accompagnata fino alla fine avvenuta, a detta della figlia adottiva, in maniera tranquilla in quanto sopita già da qualche settimana.

Un via vai composto di cittadini, amici e colleghi, con la Loren che ha voluto omaggiare la grande Franca Valeri inviandole delle splendide orchidee e rose rosa, ma anche Tullio Solenghi, Urbano Barberini, Simona Marchini, Pino Strabioli, Leopoldo Mastelloni, Kaspar Capparoni, Francesco Rutelli con la moglie Barbara Palombelli, le volontarie dell’Associazione animalista Franca Valeri Onlus. Proprio per l’associazione è stato uno degli ultimi pensieri della grande attrice che ha chiesto, per voce della figlia adottiva Stefania Bonfadelli, di non far pervenire fiori ma devolvere il denaro per gli animali.  Il funerale si svolgerà in forma privata e l’attrice porterà con se la stella di David che la figlia le portò vent’anni fa da un viaggio a Gerusalemme e che lei non si tolse più. Il rito sarà una semplice benedizione cattolica per permettere a Franca Valeri di riposare, come di sua volontà, accanto al compagno Maurizio Rinaldi. Ci mancherà un’altra figura fondamentale della storia dello spettacolo italiano, una donna che ha parlato alle donne ed agli uomini con sagacia, ironia, con parole mai fuori posto, che ha saputo e potuto fare spettacolo fino alla fine anche durante le ultime interviste rilasciate, un’autrice di testi che ha detto tanto ed espresso concetti forti con il grande dono della moderazione. Un’icona di scrittura e di interpretazione senza corrispondenza attuale, una parte di sipario della storia italiana che si chiude.