Il SudEst

Saturday
Nov 18th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Attualità Attualità 15 Febbraio 1898: nasce “Totò”

15 Febbraio 1898: nasce “Totò”

Email Stampa PDF

di ANGELO GIANFRATE

Totò nasce a Napoli, nel popolare rione Sanità, e muore a Roma il 13 Aprile 1967, di venerdì: un giorno che gli è sempre stato antipatico.

Miseria e nobiltà sono i tratti caratteristici della sua origine. È figlio di una popolana e dell’ultimo erede al titolo di Principe di Bisanzio. I risultati della combinazione sono una generosità illimitata e la debolezza per i titoli nobiliari. E’ un tipo che ti regala l’orologio se gli chiedi l’ora; ma solo dopo che hai premesso “debbo chiamarLa Principe?” ti consente di dargli del tu.

Guitto nei cafè-chantant di quart’ordine, comincia a lavorare a Roma negli anni venti. E’ il Petrolini dei poveri.

Il primo dei suoi 114 film è Fermo con le mani. “…dei miei film…” dice “…si riderà con intelligenza solo dopo che sarò morto…” Pure nei copioni poveri, nei film fatti in fretta, nei suoi personaggi caratterizzati da fame atavica e abitudine a vivere d’espedienti si afferma la grandezza dell’artista.

L’uomo e l’artista non si somigliano. Il Principe Antonio De Curtis è un tipo serio, quasi triste, fedelissimo agli amici, infedele alle donne, sempre bellissime. Per lui si suicida nel 1930 la soubrette Liliana Castagnola. Di lui la moglie, Diana Rogliani di Santa Croce, non sopporta la gelosia e le infedeltà. Per lui hanno un debole Isa Berzizza e Silvana Pampanini. Ha cinquant’anni quando incontra Franca Faldini ventenne che diventa sua compagna fino alla “Fine”.