Il SudEst

Wednesday
Sep 19th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home

Il "garantismo" come grimaldello del patriarcato

Email Stampa PDF

di MADDALENA CELANO

In questi ultimi anni non di rado vengono emesse sentenze "al ribasso" (ad esempio prima una assoluzione per non attendibilità della donna, poi solo 3 anni per stupro di gruppo, poi  successive richieste per ulteriori ammorbidimenti),

 

laddove quasi subito si mettono in moto macchine mediatiche per convincere della legittimità delle decisioni in merito, della sacralità delle "istituzioni", ovvero per convincere della coerenza interna del sistema giuridico, come se fossero le sue interpretazioni (spesso pure discutibili: costrizione a bere è soltanto un imbuto infilato a forza in gola?) e non un intero sistema ancora profondamente patriarcale a dibattito. In ambienti di choice feminism neoliberista o pseudolibertari s’insiste spesso sul fatto che non si debba puntare alle pene, che non servirebbero a nulla. Ebbene, quando si critica il sistema carcerario in ottica femminista, si fa avendo in mente il fatto che le carceri sono in genere strapiene di disgraziati (criminalizzazione della povertà) e non sottintendendo che chi detiene il privilegio nella nostra società, anche rispetto alle donne, debba continuare a avere tutela sistemica sia in ambito giuridico che economico che politico che sociale. E quando si parla di pene per stupri o femminicidi, sempre parallelamente ad altri approcci, lo si fa in quanto qui e ora non si vogliono sottrarre alle vittime (parola spesso non gradita in ottica di risignificazione dello status quo in termini positivi) i pochi strumenti a disposizione per tutelare se stesse e altre potenziali vittime dello stesso stupratore, che di certo non si desidera vedere posto  allo stesso livello di un povero ladro di biciclette o rame, dopo pochi giorni seduto di fronte al bar davanti casa, come se nulla fosse o come se fosse questione di costumi. Tenendo anche presente che non si vedono volontari per azioni extra giudiziali, come si vede magari in altri campi per combattere "il potere". Perché parliamo di tutela dell'oppressore a ogni livello? Perché la cultura vigente è quella che parte dallo scoraggiare la vittima a sporgere denuncia, dal momento che è risaputo che in un processo di stupro il victim blaming diventa la regola e non l'eccezione, perché in un processo la vittima subisce una seconda violenza, le parti si invertono, la vita privata viene sezionata, lo stile di vita, il modo di vestire, i gusti sessuali, il modo in cui si è reagito allo stupro ...e questo per anni, per poi arrivare magari a sentenze al ribasso. Non si tratta quindi di interpretare l'esistente, ma di ribaltarlo e contestarlo alla radice. Quindi non si può che rilevare la serenità con cui si accetta la tutela giuridica dell'appropriazione delle donne creando fantasmi inesistenti.

I dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha stimato che il 35% delle donne di tutto il mondo ha subito violenze sessuali da partner o violenze sessuali da persone diverse dal partner, durante la loro vita. Tuttavia, per le donne che si trovano in conflitto con la legge, le statistiche sono preoccupanti. L'Internazionale della Riforma Penale ha rilevato che in Tunisia il 49% delle donne in carcere sono sopravvissute a violenze domestiche, mentre questa cifra è del 37% in Uganda e del 38% in Kirghizistan . I risultati in Kirghizistan e in Kazakistan hanno anche indicato che un terzo delle donne in prigione fu vittima di abusi sessuali.

È probabile che queste cifre siano conservative e sottovalutative della realtà. Le donne spesso non denunciano la violenza, a causa dello stigma delle società patriarcali. Il legame tra violenza e donne in carcere è stato sintetizzato dal Relatore speciale delle Nazioni Unite sulla violenza contro le donne, che ha dichiarato :

'l'innegabile collegamento tra violenza e carcere, e anche il continuum della violenza durante e dopo l'incarcerazione, è una realtà per molte donne a livello globale'.

Combattere la violenza contro le donne significa quindi affrontare il continuum di violenza in cui si trovano le donne nel sistema giudiziario.

Riconoscere il trauma

In molti casi, la violenza è causa diretta della detenzione delle donne, dal momento che cercano di difendere se stesse o i loro figli dal loro aggressore. Ma anche quando il collegamento non è diretto, è certamente questa la causa. Una ricerca condotta a New York ha scoperto in precedenza che nove donne su 10 condannate per aver ucciso un partner intimo erano state abusate dal partner intimo. L'enorme numero di sopravvissute nelle prigioni di tutto il mondo non dovrebbe essere svalutato come una banale coincidenza.

Un rapporto di PRI e Linklaters, donne che uccidono in risposta alla violenza domestica, ha rilevato che, nella maggior parte delle giurisdizioni esaminate, non esiste una base legislativa specifica per le storie di abuso da considerare come un fattore attenuante. Questo nonostante il fatto che l' articolo 61 del Regolamento di Bangkok stabilisca che i tribunali debbano avere il potere di considerare i fattori attenuanti in tale contesto.

Al posto delle specifiche basi legislative, i quadri del diritto penale esistenti sono stati invece usati per proteggere i sopravvissuti. Ma spesso le difese esistenti come “l'autodifesa” e la “provocazione” si sono dimostrate inadatte alla situazione di una donna che soffre della "sindrome della donna maltrattata" o di una reazione lenta alla violenza che devono affrontare. Anche quando esistono dei precedenti utili, all'interno del diritto penale, per tenere conto dell'impatto della violenza domestica, la mancanza di basi legislative può significare che le prove di abuso sono trattate in modo incoerente tra i casi.

È più esatto dire che questo trauma è trattato in modo punitivo, piuttosto che riconosciuto in senso attenuante. In Afghanistan, quasi la metà di tutte le donne (e praticamente tutte le ragazze) in carcere sono state giudicate colpevoli di "crimini morali". I crimini morali in questo contesto includono l'aborto, l'adulterio e la "fuga". "La fuga" si riferisce a quando le donne lasciano le loro case senza permesso - spesso per sfuggire agli abusi domestici. Invece le sopravvissute che hanno riconosciuto il loro trauma, sono punite.

Quando la protezione è offerta alle donne, è solo sotto l'aspetto patriarcale. Vediamo che decine di donne sono detenute in carceri "protettivi", dove sono rinchiuse per garantire la loro protezione da minacce, come i crimini d'onore, ma anche per assicurare che testimonino contro il perpetratore in tribunale. Tale detenzione è stata segnalata come protrattasi fino a 14 anni dal Relatore speciale delle Nazioni Unite in Giordania.

Violenza all'interno delle carceri

Human Rights Watch ha rilevato che, storicamente, "le donne detenute sono frequentemente sottoposte a una serie di abusi da parte dei loro carcerieri". Amnesty International USA ha messo contestato il fatto che le donne imprigionate siano "in gran parte invisibili agli occhi del pubblico", il che significa che si fa poco quando la punizione della detenzione è "aggravata da stupro, violenza sessuale, aggressioni sessuali durante le perquisizioni corporali e incatenamento durante il parto”. Fuori dalle mura della prigione, troppi occhi ciechi sono rivolti al maltrattamento delle donne. All'interno delle mura della prigione, la loro vista è comunque oscurata.

I metodi violenti dell'amministrazione penitenziaria riportano un forte impatto di genere. Ad esempio, le perquisizioni sul corpo si trasformano in un atto di umiliazione, che ha portato il Regolamento di Bangkok a richiede misure efficaci per garantire che "la dignità e il rispetto siano protetti durante le perquisizioni personali, che devono essere eseguite solo da personale femminile". Le Regole penitenziarie europee chiedono ugualmente che le perquisizioni non siano “umiliati”. Le Regole Nelson Mandela seguono la guida delle Regole di Bangkok nel proibire l'uso di restrizioni sulle donne durante il travaglio, il parto e immediatamente dopo il parto.

L'American Civil Liberties Union ritrae un quadro molto duro nel suo rapporto sull'isolamento delle donne. La ricerca psichiatrica accettata stabilisce che la confinazione solitaria aggrava le condizioni di salute mentale delle sottoposte. Questo è precisamente il motivo per cui l'articolo 45 della Nelson Mandela Rules proibisce l'uso della detenzione in isolamento che esacerberebbe la condizione di qualcuno con una disabilità mentale.

Combinando questo con il fatto che a quasi il 75 per cento delle donne in carcere è diagnosticata una malattia mentale, il rapporto descrive l'impatto di genere dagli effetti nocivi dell'isolamento.

Circa 3 anni fa a New Delhi, iniziò un processo per i sei uomini accusati di aver picchiato e stuprato una giovane donna che in seguito sarebbe morta a causa delle ferite riportate. Subito dopo questo crimine grottesco, gli indiani sono scesi in piazza per esprimere la loro indignazione e insistere sul fatto che gli uomini vengano accusati, perseguiti e puniti per i loro crimini. La stampa americana ha riportato la storia rilevando l'incapacità dell'India di proteggere le donne, chiedendosi se il sistema giudiziario indiano avesse il compito di perseguire gli uomini per i loro crimini sulle donne.  È stato un attacco a "loro" come popolo, come popolo indiano.  Come disse John Green, autore e video-blogger, “there is no ‘them,’ there are only facets of ‘us.’”

Violenze nei tribunali

Lo stupro non è solo o unicamente un problema indiano o un problema del "terzo mondo". È un flagello globale cui gli Stati Uniti non sono immuni. Gli Stati Uniti pretendono di avere un sistema legale funzionante ma a livelli inferiori si registra corruzione della polizia e falliscono altrettanto miseramente nel prevenire e punire lo stupro come la controparte indiana.

Un recente documentario, "The Invisible War", nominato all'Oscar, racconta la storia catastrofica dell'assalto sessuale sulle forze armate americane. A.O. Scott del The New York Times riassume ciò che il film ha scoperto:  Il Dipartimento della Difesa stima che 22.800 crimini sessuali violenti siano stati commessi nell'esercito solo lo scorso anno, e i produttori del film ritengono che 1 donna su 5, durante il servizio militare, sia stata vittima di violenza sessuale. "The Invisible War" presenta altri numeri, per lo più tratti dai documenti militari, che rendono ancora più allarmante il quadro dell’ abuso pervasivo. Molti crimini non vengono mai denunciati - questo è vero per lo stupro, nella vita civile così come tra i militari - solo una piccola parte degli stupri viene trattata in modo significativo. È fiorita una cultura dell'impunità, e il film suggerisce che i militari hanno principalmente risposto con tentativi patetici di prevenzione (attraverso manifesti e annunci di servizio pubblico) e rituali burocratici di autoprotezione.  I produttori di "The Invisible War" sono aperti sull'agenda politica del loro film: cercano non solo di far luce sulla cultura degli assalti sessuali negli Stati Uniti, ma di effettuare cambiamenti fondamentali. Come riporta Alyssa Rosenberg al Daily Beast, ci sono segnali che potrebbero raggiungere il loro obiettivo. All'inaugurazione di “The Invisible War", l'azione federale sulle aggressioni sessuali nelle forze armate ha invece deciso di accelerare il proprio impegno. Il 23 gennaio, il comitato dei servizi armati della Camera ha tenuto delle udienze sull'inchiesta della base aeronautica di Lackland: un sergente di stanza di stanza è stato condannato per stupro e violenza sessuale l'estate scorsa e 32 istruttori sono stati accusati di avere rapporti sessuali coatti con i loro studenti che violano le norme militari. Il “New York Times” ha scritto che i militari “lo stanno facendo (impegnarsi contro la violenza)” ma è in gran parte merito di “The Invisible War”. Mentre i leader nazionali cominciano a fare i conti con lo scandalo dello stupro militare, rischiando di identificare l'assalto sessuale come problema prettamente militare. Non lo è. Non stiamo parlando solo di un deficit nella giustizia militare. Il sistema legale civile che dovrebbe proteggere le donne è permeato da apologeti dello stupro e negazionisti. Sebbene le aggressioni sessuali siano diminuite dalla metà degli anni '90, negli Stati Uniti avviene uno stupro ogni due minuti. Lo stupro è ancora un crimine scandalosamente sottorappresentato, con oltre la metà degli assalti mai denunciati alle autorità. Il sistema di giustizia penale non prescrive conseguenze consistenti per gli aggressori: solo 3 stupratori su 100 trascorrono anche un solo giorno in prigione. Questi dati trovano un'orribile illustrazione in un caso recente successo a Steubenville, nell’Ohio. Una ragazza è stata violentata da una banda e trascinata, incosciente, tra una festa all'altra, da un gruppo di ragazzi delle scuole superiori e le autorità in gran parte hanno coperto il caso perché era una faccenda brutta e scomoda. È stato scoperto solo recentemente affrontato, attraverso un articolo del New York Times scritto da una blogger, Alexandria Goddard, che si è rifiutata di lasciare che il caso venisse spazzato sotto il tappeto. Goddard ha descritto il crimine per mesi prima che i media mainstream riprendessero il caso (e vale la pena notare che è stata citata in giudizio da un giocatore di football di Steubenville per averlo fatto). Mentre la vittima fortunatamente è sopravvissuta a quest’attacco, l'atrocità di questi crimini è alla pari dello stupro di Nuova Delhi. La sua brutalità è esacerbata dal fatto che per tutta la notte i ragazzi hanno twittato sullo stupro e pubblicato video, tra cui uno scoperto dal gruppo hacker Anonymous. La cultura di stupro istituzionalizzata negli Stati Uniti va ben oltre Steubenville. In una dimostrazione ancora più evidente dei difetti del sistema legale statunitense, un giudice del Nebraska nel 2008 ha vietato a una donna di usare le parole come "stupro" o "violenza sessuale" o descrivere se stessa come una "vittima" o l'imputato come un "aggressore". Il giudice, che non è l'unico ad aver emesso ordini di questo tipo, ha spiegato la sua decisione citando il diritto del convenuto a una presunzione di innocenza. Questo ragionamento è assurdo, naturalmente: un giudice non proibirebbe mai a un testimone di usare la parola "ladro" nel caso di un presunto furto. Ma l'ordine del giudice parla della tendenza della nostra società a scusare lo stupro, a sminuire le accuse di stupro, criminalizzare la vittima e proteggere il criminale. Quando gli uomini controllano un sistema legale che rifiuta di prendere sul serio le accuse di stupro, congiunto a una feticizzazione dell'aggressività, lo stupro è sempre incoraggiato, non scoraggiato. L'istituzionalizzazione della misoginia nei tribunali, così come gli atteggiamenti scombinanti nella società verso la sessualità, determina una percentuale incredibilmente bassa degli stupri denunciati, nonostante 1 donna su 5, negli Stati Uniti, affermi di essere stata aggredita sessualmente.

 

La nostra incapacità di fornire giustizia alle donne vittime di violenza di genere non si limita alle situazioni che comportano stupro. Una situazione sorprendentemente parallela può essere vista nel modo in cui la nostra società tratta le donne maltrattate nei tribunali. In una sentenza della Corte Suprema del New Jersey del 1984, la testimonianza di esperti sulla “sindrome della donna maltrattata” è risultata pertinente sul caso di una donna che ha ucciso suo marito durante un litigio, dopo aver subito sette anni di innumerevoli abusi. Le dichiarazioni dell'accusa, in quel caso, erano accondiscendenti per l'imputata tuttavia palesemente misogine. La sentenza avrebbe potuto offrire una speranza che questo tipo d’ingiustizia non fosse più tollerato. Apparentemente quella speranza sarebbe ingenua e priva di fondamento: le donne maltrattate sono ancora maltrattate dal sistema giudiziario e perseguite iniquamente. Cosa sta succedendo nelle aule di tribunale? Perché le donne maltrattate sono trattate con ostilità e disparità nei nostri tribunali? Perché le vittime di stupro sono spesso ignorate e denigrate? Gli atteggiamenti istituzionali nei confronti dell'abuso coniugale e dello stupro sono entrambi radicati in una cultura patriarcale e misogina. In ogni caso, la società formula giudizi analoghi, inaccurati e ingiusti per le donne in questione, e il sistema legale accetta piuttosto che correggerli. L'ipotesi che le donne maltrattate siano masochiste è direttamente correlata all'accusa che una vittima di stupro “se la sia cercata”. I due problemi hanno innescato diversi livelli di copertura mediatica mainstream - c'è un movimento femminista attivo che parla della cultura dello stupro e che ottiene attenzione, mentre le donne maltrattate ricevono poco, ma sono inestricabilmente legate l'una all'altra e alla misoginia consolidata e istituzionalizzata.