Il SudEst

Wednesday
Oct 18th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home

Terra dei fuochi, in tre mesi morti 14 bambini di cancro

Email Stampa PDF

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Angeli Guerrieri della terra dei Fuochi

 

Il grido di allarme dei genitori

 

Lunedì scorso nei pressi della prefettura di Napoli un comitato di genitori che hanno in comune il dramma di avere un figlio affetto da cancro infantile, si è riunito presso la prefettura di Napoli per portare il proprio grido di allarme: " Nella terra dei fuochi morti di cancro 14 bambini in poco tempo”
La notizia corre veloce, arrivano le TV, si riaccende L attenzione.

Si assiste come sempre alla guerra dei numeri, agli allarmi di alcuni seguiti dalle rassicurazioni di altri.
Il Pausillipon dal canto suo nella persona del prof. Ripaldi, afferma che i bimbi morti da novembre a gennaio sono 5 e non 8 e dunque in perfetta media nazionale


Una media nazionale che già così fa tremare i denti, soprattutto di noi genitori che abbiamo perso un figlio di cancro e sappiamo che dietro quei dati, elaborati e studiati come numeri e statistiche, ci sono bimbi che non cresceranno mai, sorrisi spenti per sempre, famiglie distrutte in modo irrimediabile
Ricordiamo che la prima causa del cancro infantile è L inquinamento ambientale e dunque tutti noi siamo chiamati a fare prevenzione primaria e politiche a tutela dell’ ambiente serie in tutto il mondo perché nessun bambino merita il cancro e noi dobbiamo evitare in ogni modo che ciò avvenga
Ma torniamo a noi!


Siamo sicuri che il dato rilasciato dal Pausillipon sia stato diffuso in buona fede, anche se ci sarebbe piaciuto che, aldilà dei dati rassicuranti ,qualcuno anche da lì in camice bianco ribadisse L’ importanza di vivere in un ambiente pulito e il più possibile sano e invocasse bonifiche per la nostra terra e fondi per screening a tappeto sulla popolazione per arrivare in tempo utile a eventuali diagnosi
Noi però quei bimbi li conoscevamo, li abbiamo visti in corsia tra flebo e giochi, alcuni erano in cura fuori regione( forse per questo sono sfuggiti ai dati dell' ospedale) ma sono sempre nati e morti qui, in questa terra di nessuno, dimenticata e avvelenata.


E noi li elenchiamo per nome ed età, chiedendo a chi legge rispetto, giustizia, amore per la verità e condivisione



Davide, 7 mesi per sempre
Simone, 12 anni per sempre
Tonia, 4 anni per sempre
Sara, 12 anni per sempre
Rocco, 12 anni per sempre
Mariana, 7 anni per sempre
Maria,4 anni per sempre
Luigi, 9 anni per sempre
Italia, 10 anni per sempre
Giuseppe, 12 anni per sempre
Raffaella, bimba per sempre
Valentina, 17 anni per sempre
Francesco, 18 anni per sempre
Ciro 11 anni per sempre


Questi sono gli angeli per sempre bambini che conosciamo noi, l' elenco potrebbe dunque( e ci auguriamo di no) essere più lungo
Questa strage si è compiuta da fine novembre a gennaio qui in terra dei fuochi
Bimbi che non diventeranno mai grandi e che meritano rispetto, giustizia e verità