Il SudEst

Thursday
Oct 19th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home

L' appetito vien leggendo: alla (ri)scoperta dell'antico mangiare

Email Stampa PDF

di GIUSEPPE CARRIELLO

La Quinoa

Nel 2013 l’assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato l’Anno Internazionale della Quinoa: il cereale che gioca a sostegno della biodiversità, di alto valore nutritivo, a sostegno dell'eliminazione della povertà.


La quinoa, noto come cereale, in realtà è una pianta erbacea appartenente alla stessa famiglia degli spinaci e delle barbabietole, tipica dell’America del Sud, originaria del territorio del lago Titicaca e coltivata nelle regioni andine da più di 5000 anni.

Era definita da Inca e Maya “grano de oro”. Queste popolazioni ne avevano compreso le notevoli proprietà nutrizionali: gli Incas consideravano la quinoa un cibo sacro con proprietà soprannaturali. 
I suoi chicchi, simili a quelli del miglio, erano la base della loro alimentazione, a base di patata e mais.  I conquistadores spagnoli, nel sedicesimo secolo, ne vietarono l’uso, specialmente per eliminare i rituali sacri che vennero considerati sacrileghi e per distruggere la cultura di questi guerrieri andini.

Ogni famiglia contadina, però, salvò i semi di nascosto e mantenne nel tempo le tradizioni, permettendo alla quinoa di resistere all’invasore e di ritornare dopo anni sulle tavole di quei popoli.

E’ un alimento privo di glutine quindi adatta anche a chi soffre di allergie. E’ composta da proteine, carboidrati, grassi, fibra alimentare ed è anche ricca di minerali come fosforo, ferro, sodio, magnesio e zinco, il che la rende un alimento piuttosto completo. Inoltre contiene due aminoacidi molto importanti la lisina che interviene nei processi di crescita delle cellule cerebrali e la metionina importante per la metabolizzazione dell’insulina.

Ricetta

Ingredienti

150 gr di farina di quinoa

100 gr di mandorle

75 gr di zucchero grezzo di canna

1 uovo intero e un albume

50 gr di gocce di cioccolato

un cucchiaino di cannella

Procedimento

Nel mixer frullate le mandorle e riducetele in farina, aggiungete lo zucchero di canna, ma tenetene da parte un paio di cucchiai.

Prendete la farina ottenuta e mischiatela con quella di quinoa in un recipiente capiente. Aggiungete la cannella e mescolate con un cucchiaio di legno.

Separate gli albumi dal tuorlo e sbattete quest’ultimo con lo zucchero che era rimasto. Quando sarà diventato spumoso versatelo nelle farine e girate.

A parte montate gli albumi a neve fermissima. Incorporatelo all’impasto con movimenti lenti, che vanno dal basso verso l’alto, per fare in modo che l’aria entri un po’ alla volta.

Aggiungete le gocce di cioccolato e mescolate tutto accuratamente.

Rivestite una teglia con carta forno. Con l’aiuto di due cucchiai, leggermente unti di olio, prendete un po’ di composto e lasciatelo scendere sulla teglia. Infornate i biscotti di quinoa a forno già caldo a 160° per 12/14 minuti. Servite freddi.