Il SudEst

Friday
Feb 24th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home

Lettere al Direttore/ Matteo Renzi si è rimangiato quello che aveva detto e si alleato di nuovo col “notabile” De Luca

Lettere al Direttore/ Matteo Renzi si è rimangiato quello che aveva detto e si alleato di nuovo col “notabile” De Luca

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Caro direttore, quando qualche settimana fa Matteo Renzi, nel corso di un’intervista a La Repubblica, disse, riferendosi chiaramente a Vincenzo De Luca, “Basta coi notabili” io scrissi che Renzi non avrebbe avuto né la forza né la volontà di emarginare De Luca;

Leggi tutto...
 

Gli italiani spendono più nel gioco d’azzardo che nell’acquisto dei beni di prima necessità

di NICO CATALANO

95 miliardi di euro è il denaro speso dagli Italiani nel gioco d’azzardo durante il 2016, una cifra mostruosa,  quasi il doppio di quanto le famiglie italiane spendono ogni anno tra tasse, rette, lezioni private per i figli  trasporto scolastico e spese mediche.

Leggi tutto...

Il diritto ad abortire

di LELLA DI COSTA

Non ho mai abortito e non l'avrei mai fatto.

Leggi tutto...

Acquisto ILVA: un documento della Uil Puglia

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

“Nutriamo seri dubbi e grosse perplessità sulla reale volontà e capacità di Arcelor Mittal, manifestata da Geert Van Poelvoorde, a.d. ArcelorMittal Europe, nel corso di una conferenza stampa nello stabilimento di Gent (Gand) in Belgio, di acquisire, ma soprattutto di rilanciare l’ILVA e i suoi stabilimenti di Taranto, di Genova, di Novi Ligure e di Marghera. Semplicemente riteniamo che, con tutti i problemi che Arcelor Mittal ha in casa propria, non abbia le carte in regola per fornire le garanzie auspicate a livello produttivo, ambientale e occupazionale”.

Leggi tutto...

Petizione popolare per la Democrazia Costituzionale: restituire la sovranità agli elettori!

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Di seguito, il testo della Petizione popolare

Al Presidente del Senato

Al Presidente della Camera dei Deputati

Il risultato straordinario del referendum del 4 dicembre segna una svolta nella storia del nostro Paese.

Con questo referendum il popolo italiano non solo ha respinto la deformazione della Costituzione contenuta nella proposta Renzi- Boschi ma ha anche rifiutato l'Italicum, un sistema elettorale disegnato a misura della riforma costituzionale, espressione dello stesso disegno neoautoritario ed accentratore.

La Corte Costituzionale il 25 gennaio ha cancellato il ballottaggio demolendo un pilastro dell’Italicum, ma sono rimasti in piedi altri due pilastri che tendono a svilire le elezioni riducendole ad una mera procedura per l’attribuzione del potere di Governo ad un ristretto gruppo, attraverso il controllo del Parlamento, a scapito della rappresentanza.

Per rendere omogeneo e coerente il sistema elettorale nelle due Camere, come richiesto dal Capo dello Stato, sarebbe inaccettabile la soluzione di estendere al Senato i meccanismi dell’Italicum. Al contrario è indispensabile che, con un sussulto di dignità, il Parlamento intervenga per cancellare gli aspetti inaccettabili non rimossi dalla sentenza della Corte costituzionale.

Riteniamo

che due interventi di fondo siano assolutamente necessari per ripristinare il modello di democrazia costituzionale che le elettrici e gli elettori hanno solennemente riconfermato con il voto del 4 dicembre.

Occorre:

- assicurare con le elezioni la piena rappresentatività del Parlamento, delle province e delle aree metropolitane, ripristinando l’eguaglianza del voto dei cittadini;

- garantire la possibilità per i cittadini di scegliersi i rappresentanti, oggi designati dai capi partito.

Il premio di maggioranza rimane inaccettabile, anche con la soglia del 40 % dei voti, in quanto comporta l'attribuzione alla lista "vincitrice" di oltre 90 seggi in più rispetto ai voti ricevuti, sottraendoli agli altri partiti, dando vita ad una profonda divaricazione fra la volontà espressa dagli elettori e la composizione del Parlamento.

Ugualmente inaccettabile è il sistema dei capilista bloccati che, combinato con collegi di dimensioni ridotte, porterebbe al risultato che la stragrande maggioranza dei deputati sarebbero nominati dai capi dei partiti senza che gli elettori possano concorrere in alcun modo alla scelta dei loro rappresentanti.

In questo modo rimarrebbe confermato il carattere oligarchico dei partiti e l’impermeabilità del Parlamento alle domande che vengono dalla società e alle ragioni della giustizia sociale e dell’uguaglianza (lavoro, sanità, scuola, previdenza, ambiente).

Per questi motivi, prima che si giunga allo scioglimento delle Camere è indispensabile che siano approvate profonde modifiche alla normativa elettorale vigente.

CHIEDIAMO

che la riforma delle leggi elettorali in discussione nel Parlamento sia informata ai seguenti principi.

Il sistema elettorale deve ripristinare la rappresentanza, garantire l’eguaglianza dei cittadini nell’esercizio del diritto di voto, restituire ai rappresentati il diritto di scegliere i propri rappresentanti, ricondurre i partiti alla loro funzione costituzionale di canali di collegamento fra la società e le istituzioni, piuttosto che di strutture di potere autoreferenziali.

Questi risultati possono essere ottenuti con modelli diversi, a condizione che venga garantita l'elezione proporzionale sulla base dei voti di lista.

Per questo chiediamo fermamente:

– che si rinunci ad ogni forma di premio maggioritario;

– che si rinunci ai capilista bloccati;

– che si rinunci alle candidature multiple.

Non esistono formule magiche, ed è possibile valutare sistemi misti (come quello tedesco, per esempio): quello che conta è che sia raggiunto l’obiettivo di rendere il Parlamento realmente rappresentativo.

Occorre ripristinare la piena credibilità e rappresentatività del Parlamento perché i cittadini debbono tornare ad essere protagonisti del voto ed artefici, con il concorso dei partiti, della scelta delle rappresentanze parlamentari, come richiede il principio fondante della Costituzione che stabilisce che la sovranità appartiene al popolo.

Rivendichiamo sulla base della vittoria del No, che ha confermato la validità della Costituzione, una legge elettorale in grado di eleggere Camere pienamente rappresentative, che rispondono agli elettori del loro operato.

Roma, 9 febbraio 2016.

Primi firmatari: Alessandro Pace, Massimo Villone, Anna Falcone, Alfiero Grandi, Silvia Manderino, Domenico Gallo, Mauro Beschi, Antonello Falomi, Tommaso Fulfaro, Felice Besostri, Sandra Bonsanti, Tomaso Montanari, Pietro Adami, Vincenzo Vita, Antonio Pileggi, Antonio Caputo, Paolo Maddalena, Claudio De Fiores, Enzo Palumbo, Gaetano Azzariti, Francesco Baicchi, Lorenza Carlassare, Alfonso Gianni, Franco Russo, Giovanni Russo Spena, Mauro Sentimenti, Livio Pepino, Giovanni Palombarini, Cesare Antetomaso, Carlo Di Marco, Sergio Caserta, Mauro Volpi, Pancho Pardi, Agostino Carrino, Maria Agostina Cabiddu, Roberto Zaccaria, Franco Astengo, Vittorio Bardi, Nico Cerana, Francesco Rampone, Antonio Di Pietro, Guido Mastelotto, Gerardo Labellarte, Andrea De Pietri, Walter Pirracchio, Gianni Ferrara, Bia Sarasini

Pagina 1 di 11