Il SudEst

Tuesday
Oct 27th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home

Il Piano Paters e il ruolo del Psi nel rapimento Moro

Il Piano Paters e il ruolo del Psi nel rapimento Moro

 

di PIERDOMENICO CORTE RUGGIERO

La testimonianza dell' On Accame

Leggi tutto...
 

La TAV e il governo del cambiamento

La TAV e il governo del cambiamento

 

di NICO CATALANO

Cambiano gli esecutivi, arrivano al governo persino quelli che si autodefiniscono “governo del cambiamento” ma gli equilibrismi degni dell’epoca d’oro di Bisanzio rimangono a contrassegnare la politica del nostro Paese.

Leggi tutto...

La Costituzione è un bene comune da tutelare

 

Redazionale

Convegno nazionale Venerdi 22 marzo 2019, Roma sala della Federazione Nazionale della Stampa, corso Vittorio Emanuele 349

inizio alle ore 14, termine previsto ore 18

Leggi tutto...

Lo sciopero generale delle donne

Lo sciopero generale delle donne

 

di MICHELANGELA BARBA

È stato l'8 marzo e tutte le principali piazze italiane hanno visto sfilare cortei a manifestare per le ricorrenza della “Giornata Internazionale della Donna".

Leggi tutto...

Lettere al Direttore \Per fortuna le forze che si battono per la democrazia non sono in disarmo

 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Caro direttore, il giornalista e scrittore Bernard Guetta ha scritto un articolo molto pessimistico sulla nostra epoca. Secondo lui: “…stiamo uscendo, senza nemmeno esserne consapevoli, dalla lunga epoca iniziata nel XVIII secolo. Dai tempi dell’Illuminismo, della Rivoluzione francese e da quella americana nessuno ha messo più in discussione i valori di libertà, democrazia, rispetto delle minoranze e diritti dell’individuo…Le dittature si fanno pochi scrupoli a definirsi per quel che sono, mentre sempre più intellettuali, correnti politiche e governi respingono e criticano il liberalismo, accusato di essere un semplice strumento di supremazia delle potenze occidentali (Il bunker delle libertà; La Repubblica, 10/3/2019). La mia opinione è che Guetta sia troppo pessimista perché è vero che in questa epoca si stanno mettendo in discussione i valori positivi da lui sottolineati ma è anche vero che non stiamo uscendo oggi dall’epoca iniziata nel XVIII secolo e che l’esito dello scontro in atto non è scontato. Guetta dimentica che la storia ha sempre agito con flussi e riflussi e che a partire dal XVIII i riflussi (ad esempio nel XX secolo l’avvento al potere di ideologie autoritarie come fascismo, nazismo e comunismo) ci sono già stati. Ma questo non ha impedito ai popoli di rialzarsi e alle democrazie di affermarsi. Non è scontato, poi, che negli Stati Uniti non si riesca a sconfiggere Trump così come non è scontato che in Europa si affermino i populismi. Per fortuna le forze che si battono per la democrazia e la libertà non sono in disarmo e faranno sentire la loro voce.

Cordiali saluti

Franco Pelella – Pagani (SA)

Leggi tutto...
Pagina 26 di 28