Il SudEst

Saturday
Sep 23rd
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home

Statistiche ACI- ISTAT riguardo gli incidenti stradali: i dati

Statistiche ACI- ISTAT riguardo gli incidenti stradali: i dati

 

Ufficio stampa

Incidenti stradali:

Meno morti  (-4,2%)

più incidenti  (+0,7%), feriti  (+0,9%) e feriti gravi  (+9%)

Giovani tra 20 e 24 anni prime vittime.

Morti:

aumentano bambini (+25,6%), ciclomotoristi (+10,5%)

e ciclisti (+9,6%);

diminuiscono motociclisti (-15%) e pedoni (-5,3%)

Calano i decessi in autostrada (-10,2%)

Mobilità in ripresa.

Leggi tutto...
 

L’approvazione del CETA verso un rinvio “forzato” a dopo le vacanze?

 

di NICO CATALANO

Il CETA acronimo dell’inglese Comprehensive Economic and Trade Agreement, letteralmente accordo economico e commerciale globale  è un trattato commerciale ed economico di libero scambio tra Unione Europea e il Canada che è stato approvato lo scorso febbraio in sede di Parlamento Europeo e necessita per diventare valido nell’intero territorio dell’Unione Europea di essere ratificato dal parlamento di ogni Stato membro UE.

Nel nostro Paese, dopo un disegno di legge emanato dal governo Gentiloni a fine maggio, lo schema di accordo è stato successivamente approvato in commissione Esteri di Palazzo Madama grazie sia al soccorso ricevuto dalla maggioranza di governo da Forza Italia che ha votato a favore del trattato così come dall’assenza temporanea dai lavori della commissione dei due senatori di articolo 1Mdp, il partito di Bersani e Speranza che fa parte della maggioranza ma che ultimamente si è dichiarato ufficialmente contrario alla ratifica dell’accordo.

Leggi tutto...

Alternanza scuola-lavoro: La formazione illecita

 

di LUIGINA FAVALE

 

Anno scolastico concluso. Tempo di bilanci. Alternanza scuola-lavoro  in atto.

Leggi tutto...

Paolo Borsellino, venticinque anni dopo

 

di NICO CATALANO

Sono passati  25 anni da quel tragico 19 luglio 1992, precisamente   57 giorni dopo Capaci, quando un'altra strage, stavolta a Palermo causata dall’esplosione di una Fiat 126 imbottita di materiale deflagrante, sotto la casa della madre del giudice  Paolo Borsellino in via Mariano d'Amelio,  uccideva lo stesso magistrato assieme a tutte le donne e gli uomini della sua scorta: Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.    L’Italia colpita a morte dalle stragi di inizio anni 90 è un Paese   ancora ubriacato dal clima disimpegnato e frivolo  tipico degli anni 80, anni di plastica  in cui cominciano ad emergere le conseguenze sociali, politiche ed economiche portate dalla fine della guerra fredda,  in cui prendono forma dinamici mutamenti nell'economia e nella società civile a cui però non corrispondono le azioni una classe politica che evidentemente non è più all'altezza di governare tali fenomeni, con il debito pubblico che aumenta smisuratamente  mentre alle elezioni politiche dell’Aprile 1992 una nuova forza populista, interclassista e trasversale ideologicamente emerge nel panorama politico nazionale : la Lega Nord di Umberto Bossi; intanto  un pool di giovani magistrati della procura di Milano comincia a mettere in luce l’enorme corruzione italiana, quella forma illecita   assunta a normalità  non solo dalla politica ma per comodità anche dall’intera società italiana, fenomeno  che successivamente sarà conosciuto come “tangentopoli” .

 

Leggi tutto...

Quale sinistra?

 

di NICO CATALANO

Ne parliamo con Nico Bavaro segretario regionale  pugliese di S.I.

Leggi tutto...
Pagina 4 di 17