Il SudEst

Saturday
Nov 18th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home

La solitudine delle madri

La solitudine delle madri

 

di DALE ZACCARIA

Intervista all’arte-terapeuta Marilde Trinchero

Leggi tutto...
 

La posizione dell’Associazione Italiana di Public History in merito al diffondersi della “controstoria neoborbonica”

 

di WALTER TUCCI

Il Consiglio Direttivo dell’Associazione Italiana di Public History (AIPH) condivide le vive preoccupazioni dei docenti del Dipartimento Studi Umanistici dell’Università di Bari come anche di tanti storici aderenti alla SISSCO (Società Italiana per lo studio della Storia Contemporanea) in merito alla mozione approvata dal Consiglio della Regione Puglia il 4 luglio scorso per l’istituzione di una nuova giornata della memoria “atta a commemorare i meridionali morti in occasione dell’unificazione italiana”. La data scelta è il 13 febbraio in ricordo del giorno del 1861 in cui, dopo la capitolazione di Gaeta assediata dalle truppe sabaude, Francesco II di Borbone fu deposto, segnando così la fine del Regno delle Due Sicilie. Per il movimento dei cosiddetti neoborbonici quella data è l’inizio della storia di un Sud non più indipendente e vittima delle prepotenze dei vincitori che si macchiarono di massacri e stragi. In quel momento avrebbe avuto inizio il declino economico del meridione a vantaggio delle regioni del Nord d’Italia.

Leggi tutto...

La morte provocata dall’inquinamento del capitale

La morte provocata dall’inquinamento del capitale

 

di DALE ZACCARIA

Dalla Terra dei Fuochi alle centrali a carbone in Puglia sino all’Ilva di Taranto quando a uccidere è l’industria, il malaffare e il capitale

Leggi tutto...

Pisapia tra incongruenza e vacuità

 

di NICO CATALANO

Mentre il Paese o almeno quella parte di esso che  non si fa distrarre dalle varie armi mediatiche di distrazione di massa,

Leggi tutto...

Statistiche ACI- ISTAT riguardo gli incidenti stradali: i dati

 

Ufficio stampa

Incidenti stradali:

Meno morti  (-4,2%)

più incidenti  (+0,7%), feriti  (+0,9%) e feriti gravi  (+9%)

Giovani tra 20 e 24 anni prime vittime.

Morti:

aumentano bambini (+25,6%), ciclomotoristi (+10,5%)

e ciclisti (+9,6%);

diminuiscono motociclisti (-15%) e pedoni (-5,3%)

Calano i decessi in autostrada (-10,2%)

Mobilità in ripresa.

Leggi tutto...
Pagina 6 di 8