Il SudEst

Tuesday
Sep 17th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cultura Cultura

Cultura

Con e oltre Marx: il materialismo storico tra inattualità ed emancipazione

Con e oltre Marx: il materialismo storico tra inattualità ed emancipazione


di GIUSEPPE ROTONDO

Obbedendo all'interpretazione marxiana della storia ogni epoca risulta caratterizzata dal dominio materiale più o meno oppressivo di una classe sull'altra: "La storia di ogni società sinora esistita è la storia delle lotte di classe. Libero e schiavo, patrizio e plebeo, barone e servo della gleba, mastro artigiano e garzone, in breve oppressori e oppressi sono sempre stati in contrasto fra di loro, hanno sostenuto una lotta ininterrotta, a volte latente a volte aperta.."[1] Per mantenere latente la possibile lotta rivoluzionaria, ogni classe dominante ha storicamente elaborato delle forme di legittimazione ideologica del proprio potere, avvalendosi di un apparato culturale in grado di fortificare il consenso delle classi dominate, mascherandone infine le condizioni di oppressione o subordinazione : "La religione è la teoria generale di questo mondo, il suo compendio enciclopedico, la sua logica in forma popolare, il suo point d'honneur spiritualistico, il suo entusiasmo, la sua sanzione morale, il suo solenne compimento, il suo universale fondamento di consolazione e di giustificazione[...]. La miseria religiosa è insieme l'espressione della miseria reale e la protesta contro la miseria reale. La religione è il sospiro della creatura oppressa, il sentimento di un mondo senza cuore, così come è lo spirito di una condizione senza spirito. Essa è l'oppio del popolo."[2] La religione ha avuto per Marx il ruolo storico di giustificare la miseria terrena delle classi subordinate, proiettando nel mondo celeste l'aspirazione all' emancipazione e alla felicità che avrebbe potuto realizzarsi nel mondo terreno.

Leggi tutto...
 

Elsa Morante e La Storia

Elsa Morante e La Storia


di MARIAPIA METALLO

 

“La natura è di tutti i viventi… era nata libera, aperta, e loro l’hanno compressa e anchilosata per farsela entrare nelle loro tasche.

Leggi tutto...

Antico Egitto – Re Snefru e le rematrici reali

Antico Egitto – Re Snefru e le rematrici reali


di MARIA PACE

Quando si parla di questo Sovrano, fondatore della IV° Dinastia, lo si fa soprattutto in relazione alle sue tre Piramidi… forse anche quattro.

Di lui si può t...

Leggi tutto...

La ragione dialettica hegeliana e il ristabilimento dell'unità tra essere e pensiero

La ragione dialettica hegeliana e il ristabilimento dell'unità tra essere e pensiero


di GIUSEPPE ROTONDO

I termini di Verità, Giustizia e Libertà possono coesistere tra loro? Oppure simboleggiano una contraddizione irrisolvibile, un oceano metafisico impos...

Leggi tutto...

La sfida alla contemporaneità del Liceo Classico

La sfida alla contemporaneità del Liceo Classico


di GRAZIA PROCINO

In una società come quella di oggi protesa all’utile e all’effimero,

Leggi tutto...

Djoser.... Il Magnifico

Djoser....  Il Magnifico


di MARIA PACE

Secondo Sovrano della III° Dinastia può essere, in verità, considerato il vero fondatore per aver condotto il Paese verso uno dei periodi più illuminati di t...

Leggi tutto...

Ghetto Italia nello sconfinamento di vedente e visto, di visibile e invisibile

Ghetto Italia nello sconfinamento di vedente e visto, di visibile e invisibile


di ANNA CAPRIATI

“Il caporalato si allunga nel tempo e nello spazio, ridefinendosi dentro i confini nazionali con una crudeltà impensabile ” sono parole che ci s-velano l’um...

Leggi tutto...
Pagina 45 di 48