Il SudEst

Sunday
Jan 21st
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cultura Cultura Dialogo di un venditore d'almanacchi e di un passeggere tratto dalle Operette Morali di Giacomo Leopardi (1798-1837)

Dialogo di un venditore d'almanacchi e di un passeggere tratto dalle Operette Morali di Giacomo Leopardi (1798-1837)

Email Stampa PDF

di MARIA PIA METALLO

Si tratta di un dialogo tra un venditore di calendari e un passante.


Nell'epoca dell'Internet ci sono i calendari virtuali, nell'Ottocento i calendari (almanacchi e lunari) venivano venduti per strada, con significato augurale per l'Anno Nuovo.

Leopardi immagina una conversazione centrata sul tema della speranza nella felicità, una delle ottimistiche illusioni degli uomini, per natura portati a sperare in un futuro migliore.
Anche il venditore crede che l'anno nuovo sarà migliore di quelli passati, ciò nonostante non ve n'è uno in cui possa affermare di essere stato felice.

Nella visione leopardiana, la felicità non esiste, vi è soltanto l'illusoria attesa di essa. Nessuno, avendone la possibilità, ripercorrerebbe la propria esistenza come una copia carbone della stessa, ma ne accoglierebbe una nuova con tutte le incognite e i rischi che comporterebbe.

Gli esseri umani, in definitiva, antepongono la speranza alla ragione. Il leopardiano significato dell'esistenza e la bellezza di questa consistono nella illusoria attesa della felicità.

Ebbene, nonostante tutto, continuiamo a sperare in un 2015 migliore!

VENDITORE. Almanacchi, almanacchi nuovi; lunari nuovi. Bisognano, signore, almanacchi?
PASSEGGERE. Almanacchi per l’anno nuovo?
VENDITORE. Sì signore.
PASSEGGERE. Credete che sarà felice quest’anno nuovo?
VENDITORE. Oh illustrissimo sì, certo.
PASSEGGERE. Come quest’anno passato?
VENDITORE. Più più assai.
PASSEGGERE. Come quello di là?
VENDITORE. Più più, illustrissimo.
PASSEGGERE. Ma come qual altro? Non vi piacerebb’egli che l’anno nuovo fosse come qualcuno di questi anni ultimi?
VENDITORE. Signor no, non mi piacerebbe.
PASSEGGERE. Quanti anni nuovi sono passati da che voi vendete almanacchi?
VENDITORE. Saranno vent’anni, illustrissimo.
PASSEGGERE. A quale di cotesti vent’anni vorreste che somigliasse l’anno venturo?
VENDITORE. Io? non saprei.
PASSEGGERE. Non vi ricordate di nessun anno in particolare, che vi paresse felice?
VENDITORE. No in verità, illustrissimo.
PASSEGGERE. E pure la vita è una cosa bella. Non è vero?
VENDITORE. Cotesto si sa.
PASSEGGERE. Non tornereste voi a vivere cotesti vent’anni, e anche tutto il tempo passato, cominciando da che nasceste?
VENDITORE. Eh, caro signore, piacesse a Dio che si potesse.
PASSEGGERE. Ma se aveste a rifare la vita che avete fatta nè più nè meno, con tutti i piaceri e i dispiaceri che avete passati?
VENDITORE. Cotesto non vorrei.
PASSEGGERE. Oh che altra vita vorreste rifare? la vita ch’ho fatta io, o quella del principe, o di chi altro? O non credete che io, e che il principe, e che chiunque altro, risponderebbe come voi per l’appunto; e che avendo a rifare la stessa vita che avesse fatta, nessuno vorrebbe tornare indietro?
VENDITORE. Lo credo cotesto.
PASSEGGERE. Né anche voi tornereste indietro con questo patto, non potendo in altro modo?
VENDITORE. Signor no davvero, non tornerei.
PASSEGGERE. Oh che vita vorreste voi dunque?
VENDITORE. Vorrei una vita così, come Dio me la mandasse, senz’altri patti.
PASSEGGERE. Una vita a caso, e non saperne altro avanti, come non si sa dell’anno nuovo?
VENDITORE. Appunto.
PASSEGGERE. Così vorrei ancor io se avessi a rivivere, e così tutti. Ma questo è segno che il caso, fino a tutto quest’anno, ha trattato tutti male. E si vede chiaro che ciascuno è d’opinione che sia stato più o di più peso il male che gli è toccato, che il bene; se a patto di riavere la vita di prima, con tutto il suo bene e il suo male, nessuno vorrebbe rinascere. Quella vita ch’è una cosa bella, non è la vita che si conosce, ma quella che non si conosce; non la vita passata, ma la futura. Coll’anno nuovo, il caso incomincerà a trattar bene voi e me e tutti gli altri, e si principierà la vita felice. Non è vero?
VENDITORE. Speriamo.
PASSEGGERE. Dunque mostratemi l’almanacco più bello che avete.
VENDITORE. Ecco, illustrissimo. Cotesto vale trenta soldi.
PASSEGGERE. Ecco trenta soldi.
VENDITORE. Grazie, illustrissimo: a rivederla. Almanacchi, almanacchi nuovi; lunari nuovi.