Il SudEst

Monday
Jun 17th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cultura Cultura Il Circolo Walter Benjamin introduce la figura di Manuela Sáenz Aizpuru

Il Circolo Walter Benjamin introduce la figura di Manuela Sáenz Aizpuru

Email Stampa PDF

 

di DANILO GIANFRATE

Questo giovedì 13 giugno ore 15:00, presso la Macroarea di Lettere e Filosofia, dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, aula t12A, si è svolta la presentazione del libro “Manuela Sáenz Aizpuru: il femminismo rivoluzionario oltre Simon Bolívar”, di Maddalena Celano (Aras Edizioni 2018).

 


L’incontro è stato moderato dal prof. Paolo Quintili, con l’intervento della psicologa Maria Consiglia Santillo e la dottoressa Roberta Cordaro che hanno dialogato con l’autrice. A sorpresa, si è anche svolto un "Reading letterario" con l' attrice Francesca Romana Nascé.

Manuela Sáenz Aizpuru è stata indubbiamente uno dei personaggi più interessanti delle guerre d’indipendenza latino-americane.

Fu duramente criticata da alcuni suoi contemporanei a causa del suo atteggiamento eccessivamente estroverso e provocatorio per il tempo, così come per l'influenza politica che ha esercitato. Anche molti decenni dopo la sua morte, gli intellettuali e gli storici influenti omisero la storia delle sue battaglie di liberazione nazionale e si limitarono a una ricostruzione decorativa e romantica delle sue gesta, tessendo una leggenda erotica intorno alla sua figura, che continua ad avere peso tuttora.

Solo verso la metà del XX secolo, grazie ad un certo revisionismo storico, sono apparse biografie e saggi che cominciarono a rivendicare il suo ruolo di leader nell'impresa liberatrice di nazioni, come l’attuale Colombia, Ecuador e Perù. Negli ultimi anni Sáenz è diventata un'icona del femminismo latinoamericano e, proprio mentre continua ad avere detrattori, la sua vita è esaltata anche da scrittori e storici rispettabili.

Manuela Sáenz, grande rivoluzionaria dell'America Latina, è nata a Quito, il 27 dicembre 1797, come figlia naturale di Simón Sáenz e María Joaquina de Aizpuru. Suo padre era ricco e sposato con un'altra donna, sua madre proveniva da una famiglia benestante, ma non dalle alte sfere.

Quando la ragazza aveva solo sei anni, rimase orfana di madre. Questo evento diede forma al suo personaggio e visse circondata dai suoi due fratelli, assidui partecipanti alla rivoluzione liberatrice. Così, sempre ribelle e con grande forza, Manuelita divenne presto un’estimatrice della Rivoluzione.

Mentre tutte le ragazze erano educate a sposarsi, Manuela, a soli dodici anni, assistette attivamente alla rivolta di Quito, il 9 agosto, 1809. Questo processo è stato breve, ma le idee ribelli di Manuela l' accompagnarono per tutta la sua vita.

Nel 1814, a 17 anni, fu mandata in un convento per essere educata come tutte le donne nobili di Quito. Ma la personalità irrequieta dell'eroina non avrebbe permesso questa tregua e, in breve tempo, Manuela s’innamorò di Fausto D'Elhuyary, con il quale fuggì dal convento. Quest’amore fu piuttosto instabile e fugace e, nel 1818, sposò il dottore inglese James de Thorne, un uomo che aveva il doppio della sua età, ma che era molto ricco. Il marito le fu imposto dal padre.

Un anno dopo, la coppia in difficoltà arrivò a Lima, dove Manuelita iniziò a frequentare raduni rivoluzionari. Quella fu la sua vita sociale. Il 28 luglio 1821, Manuelita era presente quando fu dichiarata l'indipendenza del Perù e partecipò pienamente all'intero processo. Fu grazie ai suoi servizi patriottici e al suo coraggio che fu nominato Cavalliera dell'Ordine del Sole.

Nel 1822, Manuela viaggiò in Ecuador con suo padre, lasciando suo marito a Quito. Il 24 maggio, giorno del trionfo di Pichincha, Manuela ebbe l'opportunità di stringere amicizia con il generale Sucre. Incontrò anche il generale Juan José Flores e il Libertador, Simón Bolívar. Da quel momento, la giovane donna di 25 anni sarebbe diventata la fedele compagna e amante del grande eroe Bolívar.

L'anno seguente, si trasferì con Bolívar in Perù e divenne sua archivista e segretaria. Negli anni che seguirono, Manuela sarà arruolata nell'esercito liberatore. Questo particolare scandalizzò tutti, poiché usava l'uniforme da soldato per partecipare alle campagne. Trascorse un po’ di tempo nella residenza de La Magdalena, la casa segreta della coppia, dove teneva in ordine i documenti del suo amato Bolívar.

Quando il Libertador si trovò nel sud del Perù, in quella che ora è la Bolivia, il marito di Manuela cercò di riavvicinarsi a sua moglie. Manuela invia una lettera che è riportata nel mio saggio, dove spiega perché la relazione tra i due è impossibile.

Manuelita che era molto attiva e molto fedele alla causa, ma anche prudente, coraggiosa, curiosa e intelligente, salvò la vita del suo amante due volte durante l'anno del 1828, per questa ragione fu battezzata come “Libertadora del Libertador”.

Nel 1829, il Libertador viaggiò per l’Ecuador, mentre lei rimase in Perù. A Bogotá s’incontrarono di nuovo, era l'anno 1830. L'8 maggio, Bolívar la salutò per recarsi sulla costa atlantica dove morì. Fu così scioccato dalla notizia della morte del suo amato, che Manuelita tentò il suicidio facendosi mordere da un serpente ma dei contadini la salvarono e la medicarono.

Nonostante l'instabile situazione politica e l’assenza dell'amato Bolívar, Manuelita si riprese e continuò a lavorare per la rivoluzione, così quando il generale Francisco de Paula Santander (1792-1840) fu eletto presidente della Gran Colombia, la espulse dalla Nuova Granada. Esiliata, fuggì in Giamaica dove Maxwell Hyslop l'accolse, perché era una collaboratrice del defunto Libertador. L'anno seguente tornò in Ecuador, credendo di potersi fidare di Juan José Flores, ma il 18 ottobre 1835 fu espulsa dal governo di Vicente Rocafuerte.

Esiliata dalla sua terra natia, Manuelita si stabilì nel porto Paita del Perù dove visse per i 21 anni successivi, tra dure condizioni economiche, confidandosi con Flores a cui scrisse durante l'intero esilio. Sebbene suo marito provò una nuova riconciliazione e le offrì dei soldi e sebbene, nel 1837, le fosse permesso di tornare in Ecuador, lei decise di restare in esilio. Non fu mai in grado di recuperare la sua proprietà o la dote che de Thorne le offrì nel suo testamento.

Il 23 novembre 1856, nel porto peruviano, Manuela Sáenz morì di difterite senza mai più tornare nella sua terra.

Fu esclusa dalla storia del diciannovesimo secolo e, in tutto il XX secolo, la maggior parte degli storici ha evidenziato, fondamentalmente, la sua bellezza, intelligenza e generosità nell'amore, così come il suo profilo di amante [di Bolívar].

Con questa esclusione, hanno messo a tacere il suo pensiero politico, l’ attività rivoluzionaria delle donne e la loro partecipazione attiva alla lotta per l'indipendenza dei paesi Bolívariani.

Manuela Sáenz contro l’ipocrisia della società coloniale

Sáenz, può essere descritta come la combattente che ha rotto con le rigide regole in vigore in quel momento, indossava l'uniforme militare, ha imparato a usare le armi, ha sviluppato tattiche di spionaggio per aiutare il processo d’indipendenza. Inoltre è stata "una femminista ante-litteram” che disobbedì agli schemi sociali del suo tempo, imposti dalla morale tradizionale e dall'antico patriarcato: lasciò il marito per seguire l'uomo che amava, in un momento in cui la Chiesa non accettava la rottura del sacro vincolo del matrimonio.

Manuela Sáenz è nata il 27 dicembre 1795 a Quito, allora parte del vicereame del Perù, un'entità che aveva fondato la corona spagnola. Era figlia "illegittima", perché era nata da una relazione extraconiugale di suo padre, lo spagnolo Simón Sáenz. Sua madre, María Joaquina Aizpuru, morì poco dopo la sua nascita.

In un video che proiettano nel piccolo museo Manuela Sáenz, situato nel centro storico di Quito, spiegano che all'età di 14 anni, Sáenz ha vissuto l'impatto della prima rivoluzione dell'indipendenza a Quito. Nei pressi della sua abitazione, il 10 agosto del 1809, un gruppo di patrioti creoli insorge e, all'insaputa del presidente della Reale Udienza di Quito, allora, Manuel Ruiz Urriés di Castiglia, lo costringe a lasciare il palazzo del governo e proclamare la libertà della città.

Molte donne sono state coinvolte in questo movimento, dice Londoño, che sono state un esempio per l'ancora adolescente Sáenz. Si trattava di mogli, compagne, madri, sorelle o figlie di patrioti, tra cui Manuela Cañizares, Manuela Espejo, Josefa Tinajero, Mariana Mateu, Rosa Zárate, María Antonia Larrain Salinas, Rosa Larrea, Manuela Quiroga, Josefa gelo, tra le altre, comprese le suore.

Ma l'indipendenza fu di breve durata. Un anno dopo, i monarchici, che difesero la corona spagnola, tornarono al potere. Il 2 agosto 1810 avvenne la barbarie. Secondo la storia riportata dal Museo, un gruppo di residenti di Quito fece irruzione nel carcere, dove si trovavano i separatisti condannati. Prima di quella rivolta, un gruppo di soldati fece crollare il muro della prigione con un cannone e uccisero i patrioti; la notizia degli omicidi si diffuse per le strade e morirono anche altre 300 persone.

Fu questo evento tragico e i crimini che seguirono, che resero Manuelita ostile agli spagnoli, anche contro il padre.

•      La causa libertaria in Perù

All'età di 22 anni, Manuela era già stata data in sposa, dopo che suo padre l'ha ingaggiò  con il mercante inglese James de Thorne, che aveva il doppio dei suoi anni. Il matrimonio si svolse nella chiesa di San Sebastián de Lima, in Perù, luogo di residenza del suo compagno.

Si stabilì in quella città e lì iniziò formalmente le sue azioni in favore degli indipendentisti. È così che si scoprì che non era vera la diceria secondo cui l'attività militante di Manuela, nella causa libertaria dei popoli grancolombiani, cominciò durante il suo rapporto con il Libertador. A Lima, insieme a un’altra ecuadoriana, la guayaquileña Rosita Campuzano, Manuela si attiva in modalità  “multitasking” in favore della rivoluzione. Quando la notizia dei progressi indipendentisti dell’argentino José de San Martin nel Perù e di Bolívar dal nord sono stati ascoltati, queste due donne hanno rischiato la vita, filtrando le informazioni dai castelli dei viceré (attività di spionaggio), che sono stati significativi per raggiungere l'indipendenza di questa nazioni nel 1821.

Per le loro azioni, Sáenz e Campuzano ricevettero, da San Martin, il riconoscimento dall’ '"Ordine del Sole del Perù" e ricevettero il grado di "Caballeresa del Sol", che fu anche dato ad altre 111 donne.

La battaglia a Quito

Sáenz decise di lasciare suo marito "quando scoprì che la tradiva con un’ amante di lunga data con cui aveva due figli", e torna a Quito.

Arrivando nella sua città natale, stabilì un rapporto di amicizia con il generale Antonio José de Sucre, e lo raggiunse nei preparativi per la Battaglia di Pichincha, che fu combattuta il 24 maggio 1822 sulle pendici del vulcano Pichincha di Quito. Quella lotta fu vinta dai rivoluzionari e suggellò l'indipendenza definitiva del territorio che oggi è l'Ecuador. Sáenz donò muli e denari per forniture militari e svolse compiti di supporto logistico e umanitario nella battaglia, ha persino aiutato nella retroguardia alla guarigione dei feriti. Manuela stava diventando una donna eccezionale, che disprezzava i ruoli imposti dalla moralità tradizionale e dal patriarcato millenario.

•      La corona sul petto di Bolívar

Il 16 giugno 1822, pochi giorni dopo la battaglia di Pichincha, Bolívar arrivò a Quito. Bolívar era allora presidente della Gran Colombia, territorio che formò l'attuale Colombia e Venezuela e a cui poi si unì l'Ecuador.

Quando Bolívar si recò al centro storico di Quito, Sáenz, da un balcone, lancia una corona, che colpì il suo petto e lo costrinse ad alzare la testa per vedere chi ha fatto a lui una tale dimostrazione e le sorrise con un cenno del capo. Sáenz partecipò alla festa data in onore di Bolívar, hanno ballato tutta la notte e da lì  cominciò un rapporto molto criticato a causa dello stato civile di Manuela; ma Manuela assume la sfida alla doppia morale coloniale , che conosceva molto bene e che disprezzava.

Il suo rapporto con Bolívar fu pieno di difficoltà e, soprattutto, di assenze, la maggior parte delle volte restarono separati a causa dei molteplici viaggi del Libertador.

•      Eroina in battaglia e Libertadora del Libertador

Sáenz ritornò a Lima, dopo la morte del padre a Quito, e venne nominata, per ordine di Bolívar, membro dello Stato Maggiore dell'Esercito di Liberazione. In Perù, partecipò alla battaglia di Junin (dove, però, arrivò in ritardo) e di Ayacucho, insieme a Sucre, che, in una lettera inviata a Bolívar, elogia il ruolo svolto da Manuela.

Manuela divenne particolarmente nota per il suo coraggio, sin dal suo accorpamento nella divisione degli Ussari, organizzava le truppe e le riforniva di materiale bellico, curava i soldati feriti, combatteva contro i nemici.

Dopo questa battaglia, Bolívar decide di dare una promozione militare all’eroina ecuadoriana, un fatto che causò terribili problemi con il vice presidente della Colombia, il generale Francisco de Paula Santander, che ha protestato con indignazione contro tale promozione, ritenendo che fosse degradante per i militari che questo tipo di riconoscimento sia concesso a una donna.

Sáenz va in Colombia e si stabilisce a Bogotá, ma la disputa con Santander diventa palese, inizia, infatti, a monitorarlo e scopre i suoi piani per cospirare contro il Liberatore . Nel 1828, nei giardini di Quinta de Bolívar, Sáenz, a una festa, spara simbolicamente all'allora vicepresidente, colpendo una bambola che lo rappresentava, un fatto che fece arrabbiare persino il suo partner sentimentale.

Il tempo dimostrò che Sáenz non si sbagliava su Santander. A San Carlos Palace, residenza del Libertador, nel mese di settembre 1828, a mezzanotte "12 cospiratori hanno tentato di assassinare il Bolívar nel  sonno [...] Manuela, che sapeva della trama, imperterrita, inganna gli assassini, facendo scappare il suo amante.

Questa è l'impresa per la quale Bolívar, in seguito, la battezza come Libertadora del Libertador. Sicuramente Bolívar non morì il giorno della congiura settembrina, ma l'esperienza di quest’attacco brutale segnò il suo declino spirituale, la sua salute ne fu influenzata in modo significativo e fu costretto a ritirarsi ed a cedere il comando a Santander. Iniziò così la disintegrazione della Gran Colombia, anche se Manuela ha sostenuto un'insurrezione per salvare il progetto di Bolívar.

Ma il 17 dicembre 1830, Bolívar muore. La morte dell'eroe sorprese Manuela e la sua prima reazione fu di suicidarsi facendosi mordere una vipera, un morso da cui fu salvata da un gruppo di contadini.

Una volta che il Libertador morì, la separazione della Gran Colombia fu finalmente completata. Manuela ha continuato a difendere il processo, ma nel 1834 le fu intimato di lasciare Bogotá entro 13 giorni, ma lei rifiuta. La arrestarono. L'eroina fu poi espulsa dalla Colombia e andò in Giamaica.

L'anno seguente, decise di tornare in Ecuador, ma l'allora presidente Vicente Rocafuerte la espulse con accuse infamanti. Alcuni dei suoi amici si trasferirono in Perù perciò il Perù accettò di riceverla, ma la confinarono a Paita, un piccolo porto nel nord di quel paese.

Durante i suoi ultimi anni, per sopravvivere, lavorò come pasticcera, vendendo tabacco ai viaggiatori in un piccolo negozio, facendo l’ interprete per i viaggiatori inglesi o francesi che provenivano da terre lontane.

Manuela morì il 23 novembre 1856, a causa di un'epidemia di difterite che colpì il porto di Paita. Il suo cadavere fu bruciato e gettato in una fossa comune.

"Manuela Sáenz è stata una combattente per la costituzione della Prima Repubblica grancolombiana, una libera pensatrice che detestava il fanatismo religioso, fedele ai suoi principi, ai suoi impegni, ai suoi sogni.

La politica come educazione sentimentale

La liberazione di tutti i popoli oppressi richiede la distruzione del sistema politico-economico del capitalismo, dell’imperialismo e del patriarcato”, la rivoluzione socialista deve essere, per garantire un’effettiva liberazione, una rivoluzione femminista e anti-razzista.

Bisognerebbe unire la dimensione privata e pubblica, come ogni atto di liberazione si dovrebbe consumare nella fusione di ciò che è personale con ciò che è politico, quando non è possibile tracciare una separazione. Si raggiunge una forma di autodeterminazione quando non si considera più la propria vita individuale come realmente importante, quando l’attivismo personale assume importanza sociale, politica, nel rapporto con gli altri, nella lotta comune per la libertà.