Il SudEst

Wednesday
Sep 18th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cultura Cultura "Questa sono io", un libro di Nicola Viceconti e Patrizia Gradito

"Questa sono io", un libro di Nicola Viceconti e Patrizia Gradito

Email Stampa PDF

di MADDALENA CELANO

La coppia di scrittori Nicola Viceconti e Patrizia Gradito con “Questa sono io” (Rapsodia Edizioni), alla loro seconda produzione letteraria, si concentra sul delicato tema della dittatura civico militare di Videla in Argentina negli anni ’70. L’opera è frutto di un progetto che vede il contributo di Laura Ciondolini, in arte Lalla Nowhere, una giovane artista freelance marchigiana, esperta di decorazioni pittoriche e appassionata di fumetti che ha impreziosito il testo con 16 illustrazioni più il disegno di copertina.



“Questa sono io” è un romanzo dedicato principalmente a un pubblico giovane, con la finalità di offrire spunti di riflessione sulla funzione della memoria storica e la responsabilità di una memoria non commemorativa ma attiva. Ambientato in Argentina, è un libro snello, dalla lettura scorrevole, grazie allo stile asciutto e alla struttura a metà tra thriller legale e giallo, intorno al dramma dei desaparecidos (persone arrestate in circostanze oscure e di cui si è persa traccia) e in particolare sul robo de los nietos’, il sequestro di neonati strappati ai genitori detenuti e assegnati a famiglie compiacenti il regime. L'orrore dei crimini e delle violazioni dei diritti umani subito da un'intera generazione di civili argentini negli anni tra il 1976 e il 1983, si rappresenta numericamente con cifre agghiaccianti: 30.000 scomparsi, più di 500 neonati adottati illegalmente, la detenzione di migliaia di attivisti politici e l'esilio di oltre 1 milione di persone. 130 sono i nietos (nipoti) recuperati ad oggi dalle infaticabili Abuelas de Plaza de Mayo, le nonne esemplari che da decenni lottano per la giustizia e la verità.


Una tranquilla ragazza di Buenos Aires, Mariel, scopre in piena adolescenza, sconvolgenti verità su sé stessa e sulla sua famiglia che la porteranno a scegliere un doloroso percorso di crescita. Le risposte alle domande che la giovane protagonista si pone sono tracciate tra i quartieri di Buenos Aires, le spiagge del Mar del Plata e la terra rossa di Misiones dove la narrazione si muove alternando testo e disegni. La ricostruzione coraggiosa della verità, su cui è imperniato il romanzo, intesse una ricongiunzione tra la memoria individuale e quella collettiva argentina.

Nicola Viceconti e Patrizia Gradito curano il progetto letterario, Novelas por la identidad, che pone al centro della scrittura il tema dell’identità e della memoria nelle diverse declinazioni, sul piano individuale e collettivo e che tocca più generi e forme, dalle poesie al romanzo. La produzione letteraria dei due autori offre articoli, recensioni, diversi racconti oggetto di premiazioni e riconoscimenti (come per es. “Stella stellina la notte si avvicina”, “Lettere al direttore”, “A testa in giù”) che presto saranno pubblicati in una prossima raccolta e una novella, “L’altra forma dell’assenza” (Rapsodia edizioni). Presentata all’Ambasciata del Messico a Roma ha ottenuto il premio della V ed. del “Concorso letterario Città di Fermo”, quale miglior opera etnica. Ambientata nello stato di Veracruz in Messico è caratterizzata da note legate al real maraviglioso della letteratura ispanoamericana.

La prima presentazione di “Questa sono io” è fissata per il 7 settembre a Fossano (TO), in occasione della VI edizione de “I cortili del tango”, nell’ambito della conferenza di Viceconti e Gradito intitolta “Storie di assenze palpabili, tra identità negate e percorsi di rinnovamento”.