Il SudEst

Thursday
Jun 04th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cultura Cultura Anelli mancanti. Romanzo autobiografico-storico-genealogico di Maria Teresa De Donato

Anelli mancanti. Romanzo autobiografico-storico-genealogico di Maria Teresa De Donato

Email Stampa PDF

 

di DANIELE SARDELLA, Autrice & Blogger

“La Genealogia è come un virus: una volta che ti contagia non ti molla più.”

Inizio così senza troppi giri di Parola!  Oggi vi parlerò di un Romanzo Autobiografico-Storico- Genealogico. La frase, citata su, ha viaggiato nella mia testa per tutta la durante della lettura, e vi spiego perché.  Qui non si parla di una semplice Autobiografia, qui c’è Storia nel vero senso della parola.  La scrittrice ha curato ogni minimo dettaglio utilizzando tutte le sue risorse per risalire a fatti realmente accaduti e generazioni che ci trasportano nel lontano 1600.  Sto parlando di “Anelli Mancanti” scritto da Maria Teresa De Donato.

Prima di tutto parliamo di come la Scrittrice ha strutturato il libro.  Dopo la Prefazione di Edmondo Marra, che ci illustra a grandi linee il contenuto o meglio quello che andremo a scoprire nel corso di questo viaggio, L’Autrice ci spiega com’è nata l’idea del libro e cosa l’ha condotta ad imbarcarsi in questa storia.  Posso dire solo che tutto cominciò come un gioco che presto si trasformò in una vera e propria missione.  Non era importante ricercare Nomi dei suoi Avi, il Desiderio era quello di ricostruire una sorta di percorso della vita, il perché decisero di migrare in terre lontane, capire in tutto e per tutto la personalità dei suoi familiari.

A seguire Maria Teresa De Donato ci spiega il senso del Titolo: Perché Anelli Mancanti. Qui vi spiego solo, con una parola: Puzzle!  Il senso o l’obiettivo di completare un puzzle è il capire e guardare l’immagine completa, cogliere ogni sfumatura, la bellezza e i particolari.  Ecco!  Questo è Anelli Mancanti! È come una grande finestra sul passato.  Il desiderio di vedere tutto il paesaggio, catturare ogni attimo. La cosa principale era guardare il percorso dei suoi Antenati in maniera completa, cercare il Tassello Mancante, quel piccolo mattoncino che può spiegare determinate scelte che hanno influenzato o scritto il percorso della vita non solo per loro stessi, ma per i loro discendenti, lei inclusa!

Cimelio Storico. Sapete tutti cos’è! Il cimelio è un oggetto risalente ad un epoca passata, conservato come ricordo di un avvenimento storico, di un personaggio celebre o di una persona cara. Il libro è stato scritto da pochissimo, mi direte, ma qui, ovviamente, faccio riferimento al Contenuto.  Lo definisco un Cimelio perché lo è Davvero!  All’interno non troviamo una banale lista di nomi, tipo la classica foto dell’Albero genealogico.  Qui troverete La Storia della nostra Nazione: L’Italia. Persone che hanno combattuto per essa, rialzandola e ricostruendola con impegno e dignità. Conosceremo personaggi di grande spessore che si sono fatti strada nella società, regalando tutto il loro sapere, persone che hanno affrontato con coraggio le due Guerre che hanno piegato l’Italia con violenza, hanno affrontato fame e disperazione, ma che nonostante tutto, quella gente, ha saputo lottare con ardore.  La scrittrice ci fa vivere tutto questo tramite gli occhi dei suoi Antenati.  Uno dei tanti è Vittorio Trotta, nonno della Scrittrice.  Fin da giovanissimo decise di intraprendere la carriera militare.  Si arruolò nell’Arma dei Granatieri, che oltre ad essere la più antica, fondata nel 1659 da Carlo Emanuele II, era nata come Reggimento delle Guardie Reali.  In seguito partecipò alla Prima Guerra Mondiale. Oltre ad essere un militare, dal racconto conosciamo il lato artistico di Vittorio Trotta che lo ha condotto alla via Imprenditoriale.  Abbiamo altre presenze importanti, come il Bisnonno paterno Vincenzo Pennetti. Avvocato specializzato in Diritto Internazionale e Professore.  Collaborò a diverse testate giornalistiche, Autore di molti libri di Diritto e, udite, udite, collaboratore e amico di Gabriele D’Annunzio.

Conosceremo i genitori della nostra cara Autrice: Vincenzo Trotta Michela Fuccio.  Anch’essi hanno vissuto un periodo difficile.  Classificarlo così credo sia riduttivo, visto che era in corso la Seconda Guerra Mondiale.  Erano tempi duri, dove la cattiveria dei Tedeschi superava ogni limite.  Uno dei passi che mi ha davvero colpito è il modo come agivano questi ultimi verso la popolazione.  Giravano con i camion pieni di vivere inscenando Aiuto in modo da attirare le povere anime in tranello e concludere con azioni spietate, ovvero mitragliare ogni essere vivente, ma del resto lo scopo era quello di sterminare tutti!  Oltre a questo, il modo in cui descrive i suoi genitori, come persone estremamente capaci non solo di affrontare le difficoltà della vita, ma di svolgere il proprio lavoro.  Erano ammirati e rispettati, e nonostante avessero problemi seri, anche estremamente delicati, mostrarono sempre forza di volontà in ogni situazione.

Ci sarebbe tanto altro da dire ma di certo non voglio cadere nella trappola dello Spoiler perché non sarebbe giusto!  Ogni lettore deve avere il diritto di scoprire con i propri occhi cosa offre la lettura, deve vivere e sentire le sensazioni che riesce a suscitare la storia in modo da apprezzare tutto!

Personalmente ho trovato questo scritto Entusiasmante Stimolante. Gli eventi narrati sono avvincenti e prendono più valore essendo curati nei minimi dettagli e questo rivela il lavoro Certosino svolto dall’autrice.  Non ha lasciato nulla al caso! Qui si nota un lavoro incredibile, senza sbavature.  Tutti i tasselli si incastrano a dovere facendo luce su ogni punto.  Come dicevo all’inizio, non si parla solo di nomi, ma di Vita vissuta, di Scelte che hanno segnato il percorso di molte persone. Possiamo capire come la nostra personalità, i nostri talenti e le nostre passioni ci hanno raggiunto.  Le ricerche portano a verità nascoste, possono fornire risposte, fare luce sul proprio cammino e magari aiutarci a prendere decisioni adatte.

Io vorrei ringraziare Maria Teresa De Donato per avermi regalato la possibilità di conoscere la sua vita, i suoi affetti e le sue origini fatte di persone e avvenimenti incredibili.  Mi ha fatto capire ancora di più l’importanza delle nostre origini dando loro il giusto Valore!  Se amate la Storia questo è il libro che fa per voi, io ne consiglio la lettura e aggiungo i miei sinceri complimenti alla Scrittrice.