Il SudEst

Saturday
Jul 20th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cultura Cultura Anniversari/ Buffalo Bill, un eroe del West

Anniversari/ Buffalo Bill, un eroe del West

Email Stampa PDF


di DANILO GIANFRATE

William Frederick Cody – noto al pubblico con lo pseudonimo di Buffalo Bill – divenne famoso negli Stati Uniti dopo una cruenta lotta corpo a corpo con Mano Gialla, capo indiano della tribù Cheyenne e simbolo della ribellione dei Pellerossa contro la repressione dei bianchi. Nella circostanza pare abbia esclamato: Ecco il primo scalpo per Custer.

Vero o falso che sia, William Frederick Cody ebbe dal padre una educazione anti schiavista, un uomo che per aver condannato ogni forma di razzismo dilagante, fu assassinato a colpi di pugnale dopo aver tenuto un discorso contro lo schiavismo nel Kansas.

Rimasto orfano, all’età di quattordici anni divenne uno dei corrieri a cavallo del Pony Express ma, dopo la morte della madre decise di arruolarsi nel 7° Cavalleria, partecipando alla guerra di secessione. Nel corso di una sosta al campo militare di St. Louis conobbe Louisa Frederici, una ragazza italo-americana che sposò e dalla quale ebbe quattro figli.

Alla fine del conflitto divenne un abile cacciatore di bisonti – pare ne abbia ucciso 4.000 – ed è da questo momento che per tutti fu Buffalo Bill.

Nel 1883, dà vita al Buffalo Bill Wild West Show, uno spettacolo circense con rappresentazioni western, alle quali presero parte Toro Seduto, indimenticabile capo Sioux, la leggendaria Calammity Jane, ed Alce Nero.

Lo spettacolo ebbe un successo enorme, in particolare in Italia dove Buffalo Bill si esibì in diverse città, tra cui Napoli, Roma, Brescia, Milano Udine e Torino.

Morì il 10 gennaio del 1917, all’età di settantuno anni.