Il SudEst

Thursday
Nov 26th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cultura Consumatori Aggiungi un posto a tavola

Aggiungi un posto a tavola

Email Stampa PDF

di ANGELO GIANFRATE

 

La storia della cucina italiana ha subito l’influenza di tutti i popoli che, nel corso dei secoli, hanno lasciato il loro segno, non solo artistico e culturale ma anche gastronomico. Romani, greci, arabi sono solo alcuni dei popoli che hanno contribuito a creare una tradizione culinaria che dura ormai da secoli.

 

 

La tradizionale cucina italiana ha ricevuto apprezzamenti in tutto il mondo e i suoi prodotti di grande gusto e genuinità hanno riscosso diversi riconoscimenti. Gran parte dei prodotti italiani, infatti, possono vantare la certificazione DOCG (denominazione di origine controllata e garantita).

Torta fritta (antipasti)

( Fa parte di quella collana di paste fritte che sostanziano la via Emilia, ma a differenza dello gnocco fritto modenese, la torta fritta conosce il lievito. Si mangia come antipasto accompagnata dai salumi di Parma)

Ingredienti per 4 persone: 250 gr. di farina bianca; 15 gr. di lievito di birra; 30 gr. di strutto; un cucchiaio generoso di sale; 120 ml. di acqua tiepida; abbondante olio per friggere.

Preparazione: Setacciate a fontana la farina sulla spianatoia, fate un incavo al centro, metteteci il sale, lo strutto e il lievito sciolto nell’acqua. Lavorate bene il tutto a lungo. Lasciate lievitare l’impasto coperto con un canovaccio, il luogo tiepido per circa un’ora. Stendete la pasta col mattarello o con la macchinetta in una sfoglia di circa 3 mm.. Tagliatela a rombi e friggeteli nell’olio bollente pochi per volta. Sgocciolate mano mano i pezzi gonfi e dorati e serviteli caldissimi con una spolverata di sale fino accompagnandoli con salumi e formaggi morbidi.

Tempo stimato: 90’ – Difficoltà: semplice

Il vino consigliato

Con la torta fritta e salumi l’abbinamento è con il Lambrusco. Anche Parma ha una sua importante produzione di questo vino che è una sorta di mondo a parte dell’enologia. Naturalmente frizzante, il Lambrusco ha diverse gradazioni di acidità. Nel parmense è molto coltivato il Maestri che è un Lambrusco di maggiore spessore, leggermente più tannico, perfetto per contrastare la grassezza dei salumi.