Il SudEst

Wednesday
Jul 26th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cultura

Cultura

Napoli, I racconti del possibile "eccezionali storie normali"

Napoli, I racconti del possibile


Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Un format di Marcello Milone e Rita Felerico

con il patrocinio del Comune di Napoli e Ordine dei Giornalisti della Campania

5 e 19 FEBBRAIO - 5 e 19 MARZO 2017 | ore 11

al PAN Palazzo delle Arti di Napoli

(via dei Mille 60, Napoli)

ingresso libero fino ad esaurimento posti

«I  RACCONTI DEL POSSIBILE - eccezionali storie normali», format ideato dai giornalisti Marcello Milone e Rita Felerico, viene adottato e proposto dalla Fondazione Govoni,  impegnata  nel campo dello studio e della  ricerca per la cura dell’autismo e delle altre comunicopatie, al fine di sensibilizzare la pubblica opinione verso temi di impegno sociale, ma anche più strettamente culturali.

Le tematiche relative alla disabilità e alla diversità sono talmente complesse e delicate che non è possibile affrontarle relegandole solo in un ambito puramente sanitario, richiedono invece un approccio culturale profondo, che collochi l’individuo al centro dell’interesse di una comunità evoluta.  La massificazione e l’omologazione dei comportamenti e delle intelligenze sta portando le persone verso una lenta quanto inesorabile solitudine dell’individuo, ormai sacrificato in nome di una comunità virtuale che cannibalizza tutto e tutti  in nome del business.

I racconti del possibile aiuteranno a svelare cosa c’è dietro l’apparente normalità di  uomini o donne che, per raggiungere  un obiettivo, hanno compiuto scelte di vita  a volte  diametralmente opposte  a quelle più conformi, comunemente e quotidianamente adottate, e  che  si offrono alla nostra sensibilità e attenzione   testimoniando   una eccezionale verità: «realizzare ciò che si desidera e si ama è sempre possibile». Uomini e donne, dunque, alla  ricerca della felicità, attraverso percorsi di  solidarietà, comprensione dell’altro, dialogo, e impegnati a costruire una società senza differenze. Ogni incontro  inizia con una videointervista del protagonista e viene sviluppato e dibattuto attraverso le testimonianze degli ospiti presenti.

Il primo incontro affronta il tema de L’indifferenza, sentimento sempre più diffuso nonostante il bombardamento massmediatico di notizie riguardanti tragedie umane senza precedenti. Protagonista del primo incontro è Antonio Ebreo, medico chirurgo da anni in prima linea per alleviare le sofferenze dei più deboli nel mondo.

Il secondo e il terzo incontro hanno un tema  “a specchio” , ovvero Partire per avere successoRimanere per avere successo, tema molto vissuto dai giovani, soprattutto in questi ultimi anni di grande crisi economica. Protagonista del secondo incontro è Giuseppe Esposito, papà dell'ormai noto Salvio Esposito, interprete del personaggio di successo “Genny Savastano” nella serie televisiva “Gomorra”, mentre il terzo incontro vede protagonisti due giovani chef napoletani, Luca Esposito, chef patron della “Locanda del Testardo”, e Tobia Scamardella, chef pasticciere di “Sciardac” .

Infine il quarto e ultimo incontro ha il titolo La diversità è negli occhi di chi guarda solo con gli occhi e protagonista è Augusto Barone, medico sportivo, la cui storia personale si intreccia con quelli degli atleti paraolimpici. 

Domenica 5 febbraio - ore 11

L'INDIFFERENZA

incontro con Antonio Ebreo, medico chirurgo

Domenica 19 febbraio - ore 11

PARTIRE PER AVERE SUCCESSO

incontro con Giuseppe Esposito, padre dell'attore Salvio Esposito,

interprete del personaggio di successo Genny Savastano della serie tv Gomorra

Domenica 5 marzo - ore 11

RIMANERE PER AVERE SUCCESSO

incontro con Luca Esposito, chef patron della Locanda del Testardo

e Tobia Scamardella, chef pasticciere di Sciardac

Domenica 19 marzo - ore 11

LA  DIVERSITÀ È NEGLI OCCHI DI CHI GUARDA SOLO CON GLI OCCHI

incontro con Augusto Barone, medico sportivo


una produzione Digital Box e Tugheder Comunicazione

ingresso libero fino ad esaurimento posti

Leggi tutto...
 

Manuela Sáenz: storia e mito di una donna eccezionale

Manuela Sáenz: storia e mito di una donna eccezionale

di MADDALENA CELANO

 

Manuela Sáenz nacque a Quito nel 1797, figlia illegittima di un mercante spagnolo e ufficiale municipale e di una madre creola e nobile.

Leggi tutto...

George Bernard Shaw e la sua idea – innovativa – di intendere il teatro

George Bernard Shaw e la sua idea – innovativa – di intendere il teatro

di MARIA PIA METALLO

“Non sa niente, e crede di saper tutto. Questo fa chiaramente prevedere una carriera politica .” George Bernard Shaw

Leggi tutto...

Roma antica: I Gemelli Albani

Roma antica: I Gemelli Albani

di MARIA PACE

Conosciamo tutti il mito latino di Romolo e Remo, i gemelli figli di Marte e Rea Silvia, così come ci é stato tramandato da Dionigi, Tito Livio, Plutarco… Ma...

Leggi tutto...

I libri di Oèdipus, febbraio 2017

I libri di Oèdipus, febbraio 2017


Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Due incontri librari a Napoli e Firenze, una conversazione salernitana, l’uscita di quattro nuovi volumi e la prese... Leggi tutto...

Alberto Moravia, il “Balzac italiano”

Alberto Moravia, il “Balzac italiano”

di MARIA PIA METALLO

“Non ho partito, odio i partiti. Non mi ci iscriverei neppure morto.

Leggi tutto...

Io voglio vivere. Il diario di Èva Heyman

Io voglio vivere. Il diario di Èva Heyman

Redazionale

Inizia così "Io voglio vivere. Il diario di Èva Heyman", morta ad Auschwitz all'età di tredici anni. Un documento commovente ed estremamente significativo.

Leggi tutto...

Modena, Premio nazionale di Poesia edita e inedita Tra Secchia e Tanaro

Modena, Premio nazionale di Poesia edita e inedita Tra Secchia e Tanaro


Redazionale

La Fonte d’Ippocrene, in collaborazione con il “Comitato Villaggio Giardino e Artigiano”, con il patrocinio del Comune di Modena e della Provincia di Modena, o...

Leggi tutto...

Ne Il giovane Holden di Salinger l’incapacità dello scrittore di adattarsi alle regole e alla ipocrisia della società

Ne Il giovane Holden di Salinger l’incapacità dello scrittore di adattarsi alle regole e alla ipocrisia della società

di MARIA PIA METALLO

“È impossibile non sentire più l’odore dei corpi bruciati, non importa quanto a lungo tu viva”. Jerome David Salinger, Il giovane Holden

Leggi tutto...
Pagina 8 di 15