Il SudEst

Tuesday
Jun 19th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home

La politica degli Stati Uniti verso Cuba e la politica di Cuba verso gli Stati Uniti

Email Stampa PDF

di MADDALENA CELANO

L’Ambasciata della  Repubblica di Cuba in Italia, il giorno 15 maggio 2018, alle ore 19:00, ha tenuto una Conferenza con il prof. Elier Ramírez Cañedo, storico e Deputato dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare, dal titolo “La politica degli Stati Uniti verso Cuba e la politica di Cuba verso gli Stati Uniti”. Il professore cubano è anche coauture del libro: “De la confrontacion a los intentos de normalizacion. La politica de los Estados Unidos hacia Cuba”. Il prof. Elier Ramírez Cañedo ha illustrato circa 70 anni di  congiure, intrighi, complotti, violenze e boicottaggio subite da Cuba, subito dopo la Rivoluzione Cubana e l’ adozione di un modello socialista. All’ incontro, ha partecipato anche la Presidenza dell’ Ass. La Villetta per Cuba, tra cui il presidente Luciano Iacovino che ricevette, il giorno 11 maggio 2018, la Chiave della Provincia cubana d’ Artemisa, dalle mani di una delegazione cubana tornata a Cuba questo 17 maggio. Nel frattempo, l’ Ass. a Villetta per Cuba invierá, questo 30 maggio 2018,  un cargo di medicinali, cancelleria e prodotti tecnologici alla provincia cubana di Artemisa, per aiutare i cubani a superare i danni lasciati dall’ uragano Irma.

 


Il professore ha illustrato la storia del “Progetto Cubano”, più noto come “Operazione Mongoose”. Progetto che fu un'operazione segreta della CIA, commissionata nel marzo 1960 durante l'ultimo anno dell'amministrazione del presidente Dwight D. Eisenhower. Il 30 novembre 1961, le operazioni segrete contro il governo di Fidel CastroCuba furono autorizzate ufficialmente dal presidente Kennedy, dopo essere state nominate "Operazione Mongoose" in una precedente riunione della Casa Bianca il 4 novembre 1961. L'operazione fu guidata dalla United States Air.

L'operazione Mongoose fu un programma segreto contro Cuba volto a rimuovere i comunisti dal potere, il quale fu il principale obiettivo dell'amministrazione Kennedy.  Un documento del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti conferma che il progetto mirava a "aiutare Cuba a rovesciare il regime comunista", incluso il leader Fidel Castro, e mirava "a una rivolta che può aver luogo a Cuba nell'ottobre 1962" . I politici nord-americani volevano anche vedere "un nuovo governo con il quale gli Stati Uniti potessero vivere in pace".

Nel 1959, la CIA predisse che Castro avrebbe avuto difficoltà a gestire il potere. Il principale timore iniziale fu che Castro potesse chiedere un affitto molto più alto agli Stati Uniti per l’occupazione di Guantanamo Bay.  All'inizio vi fu un approccio attendista per giudicare se Castro fosse un comunista o meno. Il generale CP Cabell notò nel novembre 1959 che Castro concedeva l'opportunità al Partito Comunista di Cuba di crescere e diffondere il suo messaggio. Un rapporto ufficiale della CIA afferma che, nel marzo 1960, gli Stati Uniti avevano già deciso che Fidel Castro dovesse essere spodestato. A causa del timore degli Stati Uniti di ripercussioni da parte delle Nazioni Unite, il piano è stato mantenuto al più alto livello di segretezza e, pertanto, la "plausibile negabilità" è diventata un punto focale della politica di servizio segreto americano.

Il governo autorizzò ufficialmente l'operazione il 17 marzo 1960 quando il presidente Eisenhower firmò un documento della CIA dal titolo "Un programma di azione clandestina contro il regime di Castro".  Un rapporto desegretato dall'ispettore generale Lyman Kirkpatrick descrive la storia dell’operazione e afferma che l'ordine presidenziale ha dato all'agenzia l'autorizzazione di creare un'organizzazione di cubani esiliati per gestire i programmi di opposizione, iniziare una "propaganda offensiva" per attirare sostegno al movimento, creare una rete di raccolta di informazioni all'interno di Cuba e "sviluppare un forza paramilitare da introdurre a Cuba per organizzare, formare e guidare gruppi di resistenza contro il regime di Castro.  La stima del budget della CIA per questa operazione segreta era di circa $ 4,4 milioni.  Il documento firmato da Eisenhower era anche l'unico rapporto emesso dal governo durante l'intero progetto. Ciò evidenzia la segretezza del governo degli Stati Uniti nell'esecuzione dell' operazione e la sua politica di negazione plausibile. Questo programma ha richiesto all'agenzia di lavorare 24 ore su 24 e raccogliere una grande quantità d’informazioni specifiche sui dettagli, oltre a collaborare con altre agenzie.  Per garantire il sostegno finanziario necessario, il "Gruppo Bender" è stato sviluppato come un'organizzazione che fornirebbe agli uomini d'affari americani una via segreta attraverso cui negoziare con i gruppi cubani.  L'11 maggio 1960, il gruppo Bender giunse ad un accordo con il gruppo chiamato Frente Revolucionario Democratico (FRD).  L’Attività di propaganda incluse l'uso di mezzi di stampa e radio per trasmettere messaggi anti-Castristi. Questi programmi sono stati lanciati in tutta l'America Latina.  Grandi quantità di beni immobili sono stati acquistati dall'agenzia per l'uso in questa operazione. Una base operativa è stata creata a Miami il 25 maggio, utilizzando come copertura una "società di carriera e sviluppo di New York" e "un contratto del Dipartimento della Difesa".

Una stazione di comunicazione fu anche istituita il 15 giugno usando come copertura un’operazione militare.

L'agenzia ottenne anche abitazioni  sicure in tutta Miami per diversi "fini operativi". La CIA acquistò anche proprietà in diverse città degli Stati Uniti e all'estero per vari motivi.

Da marzo fino all'agosto del 1960, la CIA aveva dei piani per minare Castro e il suo appello al pubblico sabotando i suoi discorsi. Gli schemi pensati erano volti a screditare Castro influenzando il suo comportamento e cambiando il suo aspetto. Un piano che è stato discusso fu l'utilizzo di una sostanza chimica con proprietà simili all' LSD per "indurlo a fluttuare in rotazioni deliranti durante un'apparizione pubblica". Un altro complotto fu di infilare in una scatola di sigari di Castro una sostanza chimica nota per causare disorientamento temporaneo.

Dopo la rivoluzione cubanal' ascesa del comunismo castrista, il governo degli Stati Uniti era determinato a minare l'integrità della rivoluzione socialista e installare al suo posto un governo più in linea con la filosofia statunitense del capitalismo di libero mercato. Fu creato un comitato speciale per cercare nuovi metodi per rovesciare Castro quando l' invasione della Baia dei Porci fallì. Il comitato divenne parte dell'imperativo di Kennedy per mantenere una linea dura sul comunismo.

In seguito al fallimento dell'Invasione della Baia dei Porci nell'aprile del 1961, Robert Kennedy e Richard Goodwin, suggerirono al Presidente Kennedy che il governo degli Stati Uniti avrebbe avviato una campagna sostenuta d’intelligence e azioni segrete contro il governo a Cuba.  Credevano che uno sforzo centralizzato guidato da alti funzionari della Casa Bianca e da altre agenzie governative per rimuovere Fidel Castro e rovesciare il governo cubano fosse la migliore linea d'azione. Dopo un incontro alla Casa Bianca il 3 novembre 1961, questa iniziativa divenne nota come Operazione Mongoose e sarebbe stata guidata dal generale di brigata dell'Aeronautica Edward Lansdale.

Altre agenzie furono introdotte per assistere nella pianificazione e all'esecuzione dell'operazione Mongoose. Dopo la decisione di Eisenhower, si nota in una storia ufficiale dell'invasione della Baia dei Porci che "immediatamente dopo la decisione di Eisenhower di promuovere il programma anti-Castro, c'era un considerevole grado di cooperazione tra la CIA e altre agenzie interessate - il Dipartimento della Difesa, il Dipartimento di Stato, il Federal Bureau of Investigation, Immigration and Naturalization Service, e altre".  I rappresentanti del Dipartimento di Stato USA, del Dipartimento della Difesa e della CIA ricevettero ruoli più ampi nell'attuazione delle attività dell'operazione, mentre i rappresentanti dell'Agenzia d’informazione statunitense e il Dipartimento di Giustizia sono stati occasionalmente chiamati ad assistere all'operazione.  Come leader dell'operazione, il generale di brigata Lansdale ricevette istruzioni e aggiornamenti da queste agenzie e fornì informazioni  direttamente a un gruppo di alti funzionari governativi, noto come Special Group-Augmented (SG-A). Sotto Eisenhower, quattro forme principali di azione dovevano essere prese per aiutare l'opposizione anti-comunista a Cuba in quel momento. Queste dovevano: (1) fornire una potente offensiva di propaganda contro il regime, (2) perfezionare una rete d’intelligence nascosta all'interno di Cuba, (3) sviluppare forze paramilitari al di fuori di Cuba e (4) ottenere il supporto logistico necessario per operazioni militari segrete su l'isola. A questo punto, non era ancora chiaro se questi sforzi avrebbero portato all'invasione della Baia dei Porci.

Alcuni degli obiettivi delineati delle operazioni includevano la raccolta d’informazioni e la generazione di un nucleo sovversivo per minare il movimento popolare cubano, insieme allo sfruttamento del mondo sotterraneo nelle città cubane e l'arruolamento di membri della Chiesa Cattolica per portare le donne di Cuba a azioni che minerebbe il sistema di controllo comunista.  I dipartimenti di Stato, Difesa e Giustizia erano responsabili di una combinazione di questi obiettivi. Kennedy e il resto dell' SG-A speravano di disporre del regime di Castro e di apportare cambiamenti al sistema politico cubano.

Il presidente Kennedy, il procuratore generale, il direttore della CIA John McCone, Richard Goodwin e il generale di brigata Lansdale si incontrarono il 21 novembre 1961 per discutere i piani per l'operazione Mongoose. Robert Kennedy sottolineò l'importanza di un'azione dinamica immediata per screditare il regime di Castro a Cuba.  Rimase deluso dal fallimento dell'invasione della Baia dei Porci pochi mesi prima. Alla fine di novembre, il presidente Kennedy aveva messo a punto i dettagli per l'operazione Mongoose. Lansdale rimase a capo dell'operazione e l'accesso alla conoscenza dell'Operazione Mongoose rimase strettamente confidenziale e limitata. Come era comune in tutta la presidenza Kennedy, il processo decisionale sarebbe stato centralizzato e ospitato all'interno del gruppo speciale segreto (SG-A).  In quel momento, l'operazione Mongoose era in corso.

Durante la pianificazione di "OPERATION MONGOOSE", un memorandum della CIA del marzo 1962 cercava una breve ma precisa descrizione dei pretesti che i capi di stato maggiore congiunti avrebbero fornito per giustificare l'intervento militare americano a Cuba.  Il documento afferma che "un piano del genere permetterebbe la creazione di un accumulo logico d’incidenti da combinare con altri eventi apparentemente non collegati per camuffare l'obiettivo finale e creare l'impressione necessaria di avventatezza e irresponsabilità cubana su larga scala". Procede dichiarando: "Il risultato che si otterrebbe dall'esecuzione di questo piano sarebbe quello di porre gli Stati Uniti nell'apparente posizione di soffrire di risentimenti difendibili da un governo cubano avventato e irresponsabile e sviluppare un'immagine internazionale di minaccia cubana alla pace nell'emisfero occidentale".