Il SudEst

Thursday
Jun 20th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Inchiesta

Elezioni in Spagna

Elezioni in Spagna

di MICHELE PETTINATO

Vince il Partito Socialista di Sanchez


Leggi tutto...
 

Venezuela: Come si mette in scena un golpe da operetta

 


di STEFANO ORSI

Uno scontro violento e pericolosissimo, no non tra Guaidò e Maduro ma tra gli USA e la Russia, lo so, scena già vista altrove.

Leggi tutto...

Il Venezuela costruisce case popolari anche con l’aiuto di Stati esteri

Rete Solidarietà Boliviana

"Finora il programma sociale Grande Missione Abitazioni Venezuela (GMVV) ha consegnato 2 milioni 604 mila 132 case, cioè la costruzione è tra 10 e 12 case al giorno per regione", di cui 94.124 case sono state completate con alleanze internazionali" ha detto il Ministro del Potere Popolare per l'Alloggio e l'Habitat, Ildemaro Villaroel.


"Continuiamo a dimostrare che siamo un paese aperto al mondo, che abbiamo alleanze nel campo delle costruzioni con la Cina, la Bielorussia, il Portogallo e nel recente passato anche con la Turchia e il Brasile", ha affermato.


Durante l'intervista con un mezzo di comunicazione privato, il titolare del ministero ha affermato che questi accordi consentono di integrare la produzione nazionale di materiali da costruzione richiesti dalla (GMVV), a causa della velocità di crescita di questo programma sociale.


Villaroel ha sottolineato che non v'è alcuna discriminazione o esclusione per il diritto a ricevere abitazioni popolari: "Nei nostri urbanismi coesistono persone che pensano a favore di Chávez e persone non chaviste".

Il Ministro per gli Alloggi ha voluto ricordare che la guerra condotta dall'estero contro la nazione bolivariana ha avuto un effetto sulla produzione dei materiali necessari, tuttavia il lavoro non si è fermato grazie a società statali, come la Corporazione Socialista del Cemento Petrocasa, la Siderúrgica e le imprese associate attraverso accordi sociali destinati alla GMVV.

http://vtv.gob.ve/venezuela-alianzas-internacionales-construido-hogares/

Leggi tutto...

La Turchia vuole occupare altre zone in Siria del Nord

 


Rete Kurdistan Italia

La Co-presidente del Consiglio del Popolo , Merwa Dirêi, dice che la politica dello Stato turco contro i curdi non sono nuove e che la politica neo ottomana ha lo scopo di occupare più aree nella Siria settentrionale.

Leggi tutto...

Aree di crisi nel mondo n. 6 del 25-4-2019

 


di STEFANO ORSI

Situazione operativa sui fronti siriani del 26-04-2019

 

Leggi tutto...

Scalpore per una nuova dichiarazione della ministra delle donne brasiliana

Rete Solidarietà Boliviana

#Brasile Una nuova dichiarazione della ministra delle donne brasiliana, Damares Alves, ha suscitato ancora una volta scalpore. Questa volta, il capo del Ministero delle donne, della Famiglia e dei Diritti Umani ha affermato che "all'interno della concezione cristiana" le donne devono essere sottomesse agli uomini nel matrimonio.

"Nella mia concezione cristiana, la donna, nel matrimonio è sottomessa all'uomo e questa è una questione di fede", è stata la dichiarazione del ministro alla Camera dei Deputati.

Interrogata da una deputata sul fatto che le donne dovrebbero essere sottomesse agli uomini, Aves, che è anche pastore evangelico, ha spiegato che "nella dottrina cristiana, nella Chiesa" si intende che nel matrimonio "l'uomo è il lider."

"Ciò non significa che tutte le donne devono essere sottomesse e abbassare la testa di fronte ai modelli (di comportamento), all'aggressore e agli uomini che sono lì", ha detto.

Indignazione nelle reti sociali

Gli utenti già espressero la loro indignazione per le dichiarazioni della ministra nel febbraio scorso che occuparono le prime pagine della stampa nazionale in cui dichiarava che per il Brasile si apriva una "nuova era" in cui "i maschietto si sarebbero vestiti di azzurro e le femminucce di rosa".

Il ministro risponde

Di fronte alle critiche, il ministro si è difeso in un tweet. "È una questione di libertà religiosa, garantita dalla Costituzione, non credere alle bugie dette riguardo a questo tema. La donna vittima della violenza non dovrebbe mai essere sottomessa, dovrebbe denunciare il suo aggressore", ha detto.

Da quando ha ricoperto l'incarico, Aves è stata protagonista di numerosi scandali. All'inizio di febbraio uno dei media l'ha accusata di aver rapito la figlia adottiva e, un altro, di mentire sui suoi titoli accademici.

https://actualidad.rt.com/…/312042-ministra-brasil-mujeres-…


 

Bollettino n. 162 del 18-4-2019

 


di STEFANO ORSI

Situazione operativa sui fronti siriani del 18-4-2019

Leggi tutto...

Dichiarazione per la stampa delle e degli internazionalisti in sciopero della fame

 


Rete Kurdistan Italia

Per iniziare vogliamo cogliere l’occasione per rivolgere qualche parola a coloro che sono in sciopero della fame nelle carceri della tortura turche, a Leyla Güven, Nasır Yağız, Yüksel Koç, Selma Irmak, Şiyar Xeli e tutte e tutti gli altri. Avete alzato la vostra voce nella resistenza e noi vi abbiamo ascoltati. Oggi ci troviamo qui con profonda solidarietà e rispetto. La vostra lotta è anche la nostra e siamo al vostro fianco.

Leggi tutto...

Felicità per il ritrovamento attraverso il DNA della 129esima figlia di desaparecidos

Rete Solidarietà Boliviana

Lei potrà incontrare suo padre e i suoi fratelli


Leggi tutto...
Pagina 3 di 42