Il SudEst

Sunday
Jun 16th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Inchiesta

“Tenere insieme ciò che resta”, le donne nei conflitti armati in Africa

 “Tenere insieme ciò che resta”, le donne nei conflitti armati in Africa

Mary e Anna sono solo due delle migliaia di donne del Sud Sudan che testimoniano gli stupri subiti durante il conflitto che minaccia questo fragile Stato sin dalla sua istituzione nel 2011. Ci sono donne lasciate in vita ma orribilmente sfregiate e ferite nell'anima dalle violenze dei miliziani, altre costrette ad assistere allo stupro delle figlie, signori della guerra che si circondano di harem di spose bambine.

L'uso sistematico dello stupro come arma di guerra è infatti ormai denunciato non solo dalle ONG, ma anche dalla stessa ONU, come si legge in questo articolo del New York Times. Vi si legge, tra l'altro, che tra i soldati vige il detto "fai e prendi tutto quello che puoi", compreso il corpo delle donne e delle ragazzine.

Anche Gariwo ne parla da anni. Forse un aspetto meno noto della difficile condizione femminile in Sud Sudan è che esistono tentativi di auto-organizzazione delle donne, almeno in alcuni campi profughi. Si tratta di aree "amichevoli per le donne" istituite sotto alcune tende ad esempio nel campo di Malakal, dove le donne, che spesso non sanno più dove siano finiti i loro congiunti maschi, possono fare di tutto, dal truccarsi a vicenda a condividere problemi, traumi e progetti e aiutarsi l'un l'altra.

In questo modo le donne conservano non soltanto una propria dignità, ma anche ciò che rimane dei vincoli sociali nelle loro comunità distrutte dalla guerra. Lottano contro strutture concepite per richiedenti aiuto maschi e adulti, quando spesso in realtà il perno delle famiglie sono ragazze giovani. Se si allontanano dal campo rischiano di essere violentate o uccise dai soldati governativi, e in casi più rari da miliziani d'opposizione, ma come afferma Masumi Yamashina, una specialista dell'UNICEF sulla violenza di genere, "se cessassero di occuparsi delle famiglie verrebbe meno ogni possibilità di salvare vite umane in Sud Sudan".

Fonte: GARIWO La Foresta dei Giusti

 

Il successo dell’alfabetizzazione a Cuba? Il segreto fu Leonella Inés Relys Diaz

Il successo dell’alfabetizzazione a Cuba? Il segreto fu Leonella Inés Relys Diaz

 

di MADDALENA CELANO

 

Leonella Inés Relys Diaz, nata nel 1947 e deceduta all' Avana nel 2015, fu un' educatrice di gran successo internazionale.

Leggi tutto...

Lavoro, la Francia in piazza

Lavoro, la Francia in piazza

 

RSI news

 

Scioperi e manifestazioni in tutto il Paese contro la riforma "Loi travail" del presidente Hollande

Leggi tutto...

Crisi umanitaria in Grecia nel mezzo della paralisi dell'Unione Europea

Una petizione di Amnesty International

Leggi tutto...

Minaccia libica

Minaccia libica

 

di ROSSELLA PERA

La filiale libica del Daech, erroneamente chiamato “Stato islamico”, certamente non gode del radicamento dei rami egiziani e yemeniti.

Leggi tutto...

La figura mitica del Libertador e l’integrazione latino-americana

La figura mitica del Libertador e l’integrazione latino-americana

di MADDALENA CELANO

 

Il caso del Venezuela è uno dei più antichi esempi in termini di negazione "globale" delle sue origini e del suo presente storico.

Leggi tutto...

Mobilitiamoci contro le guerre

Mobilitiamoci contro le guerre

 

Redazionale

Nell'imminenza della guerra alla Libia, ordinataci dalla Nato, per tornare a distruggere e depredare quel paese e alla luce della sempre più massiccia aggressione della coalizione Nato-Israele-Golfo a Siria e Iraq, cui si oppone la vittoriosa resistenza del popolo siriano, assistito dalla Russia, il COMITATO NO GUERRA NO NATO diffonde questo volantino. Invitiamo a riprodurlo e a distribuirlo ovunque.

Leggi tutto...

Save Cizre! Save Aleppo! Save Lesvo! Save Gaza!

Save Cizre! Save Aleppo! Save Lesvo! Save Gaza!

 

di MARIO CENEDESE

Amuíllang Aukan - Il gelsomino di Cizre non appassisce.

Leggi tutto...

Da Hebron l'indignazione dilaga sul web

Da Hebron l'indignazione dilaga sul web

 

di ROSSELLA PERA

Da domenica 14 febbraio sul web impazza un discusso filmato che mostra un poliziotto israeliano rovesciare un uomo su una sedia a rotelle.

Leggi tutto...
Pagina 41 di 42