Il SudEst

Wednesday
Sep 19th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Inchiesta Inchiesta Situazione operativa sui fronti siriani del 1-3-2018

Situazione operativa sui fronti siriani del 1-3-2018

Email Stampa PDF

di STEFANO ORSI

Prosegue la guerra in Siria, ma prosegue anche la guerra fuori dalla Siria, se i combattimenti si svolgono fisicamente nelle province siriane, la guerra vera si sta svolgendo al di fuori.

Le grandi manovre per preparare un attacco delle potenze occidentali contro la repubblica araba di Damasco, sono in pieno svolgimento.

Francia e Stati Uniti hanno già detto e ripetuto più volte che in caso di eventuali prove di uso di armi chimiche da parte del governo siriano (loro si ostinano a riferirsi al governo siriano come ad un reigime) loro risponderanno.

Nei giorni scorsi, ad essi si è unita anche la Gran Bretania e così ritroviamo i carnefici della Libia al completo.

Cosa stanno preparando?

Chiaramente i loro movimenti non si limitano alle dichiarazioni, stanno preparando le cose per bene.

Qualche giorno fa abbiamo visto apparire la notizia di un rapporto dell'ONU sulla Siria ed un rischio all'orizzonte, che un Paese potrebbe aver fornito materiale per fabbricare armi chimiche, quale Paese?? La Corea del Nord, incredibile, due piccioni con una fava.

Vediam dei titoli:

http://www.lastampa.it/2018/02/28/esteri/il-rapporto-onu-la-corea-del-nord-vende-i-gas-ad-assad-rpGzlmmeATgUWTU8wXviKO/premium.html

http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/siria-onu-la-corea-del-nord-aiuta-assad-a-costruire-armi-chimiche_3125875-201802a.shtml

http://www.repubblica.it/esteri/2018/02/27/news/siria_armi_chimiche_corea_nord-189927606/

https://www.panorama.it/news/esteri/corea-del-nord-gli-aiuti-alla-siria-per-costruire-armi-chimiche/

E ve ne sono innumerevoli altri, ma coa c'è scritto negli articoli? Cosa avrà venduto la CdN alla Siria? Vediamo. Prendiamo quindi un articolo, quello della Stampa che apostrofa con un bel ...”vende i gas....” addirittura i gas, leggiamo...

“Un rapporto dell’Onu svela traffici sospetti fra la Corea del Nord e la Siria, che potrebbero aver collaborato nella produzioni di armi chimiche …..Il rapporto delle Nazioni Unite, anticipato dal New York Times, anche se non riporta prove definitive, mette in luce una serie di spedizioni sospette. “

Come? Potrebbero?? Sospette? Non riporta prove?? e il titolo?? Che genesi avrebbe?

Controlliamo un altro articolo e cerchiamo maggiori dettagli.

Articolo di Repubblica, che nel titolo appare comunque già meno categorica anche se esplicita...

“La denuncia in un rapporto finora inedito delle Nazioni Unite: gli ispettori incaricati di verificare il rispetto dell’embargo verso Assad indicano proprio il governo di Kim come provenienza di “pannelli, termometri e valvole resistenti all’acido”

Finora nessuna traccia di gas, materiali di comunissimo uso civile ed indistriale, sono del settore e ne so qualcosa. Proseguiamo.

“ In più, aggiunge il quotidiano americano, nel rapporto si parla anche di tecnici missilistici nordcoreani che sarebbero stati visti in Siria, impegnati in strutture “notoriamente dedicate alle armi chimiche”.  Ecnici nord coreani, li avrebbero visti.... strutture notoriamente dedicate... mi ricorda tanto i laboratori mobili per la preparazione delle armi chimiche irachene che aveva presentato Powell alle Nazioni Unite e di cui ancora ridono tutti.

E se invece fossero stati i tecnici cinesi che stanno ricostruendo e rimettendo in funzione diversi impianti termoelettrici e industrie chimiche per far ripartire l'economia e l'industria del Paese devasato da anni di guerra??

No, per loro è certo si tratti di nord coreani, in quanto paese già al centro delle attenzioni mediatiche e pertanto un valido supporto ad un fumosissimo costrutto mediatico.

“Secondo il Nyt, il documento riferisce che fra il 2012 e il 2017 ci sono state almeno 40 consegne di componenti missilistiche e materiali “doppio uso”. Gli esperti che fanno parte del panel incaricato dell’inchiesta vengono da Paesi diversi e posseggono competenze diverse, specifiche sull’argomento delle armi chimiche. Il loro rapporto non arriva a concludere in modo incontrovertibile che Damasco stia lavorando su arsenali proibiti “

Quindi si tratta di informazioni risalenti addirittura al 2012, ma l'ordine di pubblicare queste informazioni, che definire aria fritta è poco, è uscito solo ora.

Perchè?

L'operazione in corso nel Goutha est offre l'opportunità a chi ha organizzato, causat, fomentato, finanziato la guerra in Siria, di rifarsi delle tante sconfitte accumulate dal settembre 2015, data in cui su richiesta diretta del governo siriano, la Russia intervenne per fermare le formazioni jihadiste che stavano avendo la meglio sulla Siria e sull'Iraq.

Duma, Harasta, Jobar, Kafr Batna, sono tutte cittadine a ridosso di Damasco, fu qui che gli jihadisti lanciarono nel 2013 l'attacco chimico che subito le potenze occidentali coinvolte con il supporto del terrorismo, cercarono di scatenare un raid aereo su Damasco, poco importa se il MIT di Boston dimostrò incontrovertibilmente che furono proprio le formazioni jihadiste a lanciare le granate al gas, per la stampa occidentale , ancora oggi, i colpevoli sono i siriani.

Ricordate bene Aleppo immagino. I soldati siriani morivano per liberare la città est dal controllo e dal giogo dei terrooristi, che vi avevano instaurato un regime sanguinario basato sul terrore e la sharia, ma la Stampa occidentale gridava ad un inesistente “genocidio”, di chi mi chiedo io, combattere gli assassini può essere ritenuto un crimine? Dove sono le prove di queste vittime civili? Molti giornalisti , anche della RAI, si sono recati in Aleppo eppure i racconti da loro raccolti contrastavano in pieno con quanto la stampa di raccontava fino a poche settimane prima, raccontavano di uccisioni, violenze, rapine, e tutto celato ai nostri occhi per anni, coperti dai racconti favoleggianti dei vari de Grande che raccontavano un mondo immaginario di ribelli romantici e sognatori.

Ora la situazione è adatta alle potenze occidentali per creare o tentare di creare le condizioni adatte ad un colpo di mano che ribalti la loro sconfitta militare, e permetta di distruggere la Siria.

Tutta la macchina in moto, ci porta a creare il supporto mediatico perchè l'opinione pubblica sia preparata a giustificare un intervento militare diretto in Siria, per sostituire le milizie jihadiste di ISIS ed Al Qaeda con soldati ed aerei occidentali che riescano laddove i gruppi terroristici hanno fallito.

Un eventuale attacco chimico nel Goutha sarebbe quindi un'ottima occasione per farlo, e i tasselli si stanno infatti posizionando, prima le dichiarazioni di Napoleone Macron, poi gli USA, che hanno già attaccato a Deir Ezzour le truppe siriane dopo averle attirate in una trappola, ed ora anche la perfida Albione si muove contro il presidente Assad e contro la Siria.

Questo rapporto era atteso da noi, come prova evidente di questa macchina in moto, attendimo ora a giorni che questo finto attacco avvenga, dico finto, non perchè non verrà usato del gas, ma perchè a rilasciarlo ed uccidere anche moti civili, per essere efficace dovrà essere davvero di grandi dimensioni in modo da suscitare una ondata di indignazione dvvero forte, in modo che sarà “l'opinione pubblica” stessa a richiedere questo intervento contro la Siria.

Già ci immaginiamo i titoli dei telegiornali e dei quotidiani, i troll del web all'opera, quelli veri, non quelli accreditati ai famosi hacker russi...

Quando avverrà? Presto di certo, mancano due sole settimane al voto in Russia per le presidenziali, e nessun concorrente pare in grado di minare la grande popolarità ed sostegno che l'attuale presidente Vladimir Putin ha nel suo Paese, quindi prima di quel voto, nel momento più delicato per la Russia, quando un passo falso potrebbe anche spostare i favori degli elettori, momento in cui gli strateghi occidentali sperano che il Presidente d'acciaio, possa avere una esitazione o un tentennamento prima di impartire quegli ordini che porrebbero lo stop a tutti i giochetti criminali della riplice intesa criminale. Il tripartito May-Macron-Trump si dovrebbe arrestare di fronte all'inevitabile escalation nucleare.

Il Presidente Putin , oggi, ha tenuto infatti il suo discorso annuale sullo stato della Federazione russa, celebrando nel contempo gli incredibili successi della sua politica di governo che hanno permesso una crescita del benessere dei cittadini russi a tutti i livelli, dalle nascite, al lavoro, ai redditi, alla salute, all'aspettativa di vita, alla cultura, alla potenza militare.

Si perchè è grazie alla potenza militare se la Russia oggi può vantare tanti miglioramenti per la vita dei suoi cittadini, e a tal proposito il Presidente russo Putin è stato molto molto chiaro, ha presentato come pienamente operativi sistemi moderni e non intercettbili di vettori per testate nucleari e convenzionali in funzione antibunker, sottomarini drone nucleari, che trasportano testate in maniera totalmente furtiva din sul bagnasciuga degli stati canaglia, missili di tipo cruise non intercettabili e a propulsione nucleare ed ipersonici, che viaggiando a bassissima quota ad una velocità prossima ai mach 4 possono rilasciare più ordigni o uno solo molto potente.

Armi presentate per ricordare ai nemici che se insisteranno nel cercare di distruggere il suo Paese, pagheranno un prezzo che non si posssono permettere di pagare.

Non solo, la Russia crescerà a dispetto delle sanzioni, e arriverà entro breve ad essere la 5 potenza mondiale, obbiettivo non da poco se pensiamo a come era ridotta alla fine degli anni 90.

Non solo, anche un attacco nucleare contro un Paese alleato della Russia verrebbe considerato come un attacco diretto alla Russia e la risposta sarebbe diretta ed immediata.

Discorso inequivocabile e fermissimo.

Ora vedremo come si evolverà la guerra in Siria e fin dove cercheranno di spingersi le potenze criminali.

Esaminiamo ora cosa sta accadendo sui fronti di battaglia.

Ghouta est

L'attacco siriano, dopo le iniziali fasi di studio, che hanno portato all'isolamento della cittadina di Al Nashabiyah, si sta rivelando nel suo reale piano.

Da ovest le truppe di Damasco, tengono bloccate sui fronti urbano le truppe qaediste di HTS ( Hayat Tahrir al Sham), ferme su Harasta, mentre da est è partito l'attacco principale.

La stategia appare quella che, bontà nostra, avevamo ipotizzato all'alba dell'operazione di terra, ovvedo isolare le aree urbanizzate dal settore di campagna, in modo da ridurre drasticamente il perimetro della sacca e poi liberare un quartiere alla volta le cittadine roccafrti dei terroristi.

Qua non si tratta certo di applicare la risoluzione ONU votata all'unanimità dal Consiglio di Sicurezza in quanto essa stessa esclude dall'applicazione la lotta alle formazioni aderenti o affiliate ad ISIS o Al Qaeda, quindi quelle direttamente ingaggiate qui nella sacca del Ghouta est.

Su imposizione russa, sono stati istituiti alcuni orari, un intervallo di 5 ore  al mattino fino al primo pomeriggio , come trgua nei combattimenti, affinchè tutti i cittadini che ne avessero necessità, possano defluire attraverso i varchi umanitari attivati in zone e settori prestabiliti. Tutto è stato ben spiegato sui volantini lanciati sulle zone urbane della sacca, per informare i cittadini di questa possibilità.

Chiaramene è nell'interesse del governo siriano che il maggior numero possibile di civili possa mettersi in salvo attraverso questi varchi e dar modo all'esercito di impiegare liberamente le sue capacità di combattimento, mentre i terroristi ne hanno un duplice svantaggio, il primo, perdono i prezioni scudi umani, di cui fanno ampio uso dall'inizio dell'occupazione, il secondo che se tutti riuscissero a fuggire, non avrebbero che se stessi da gasare quando insceneranno il finto attacco chimico che servirà ad accusare i siriani di aver attaccato e alle potenze occidentali per attaccare la Siria.

Ricordiamocene bene e chiediamoci sempre Cui Prodest??

https://www.youtube.com/watch?v=l5VccAsCvVw

Come vedete ora nella mappa ad est i siriani stanno avanzando bene, Jaish al Islam ha tentato due contrattacchi entrambi falliti, ora dovrebbero, secomdp oò mpstro modesto parere , occupare quella caserma alla destra del fronte in avanzata, proprio sotto al Shaffoniyah.

Se tutto andrà bene procederanno in direzione di Jisreen, dove si riuniranno al fronte sud ed elimineranno ogni resistenza ad est, poi potranno rischierarsi a ridosso delle aree urbane e liberarle come ad Aleppo est.

Probabile che lasceranno , come d'uso abituale , la scela di resa e trasferimento presso Idlib.

Tornando al discorso dei varchi umanitari, è notizia di oggi che vi siano stati diversi scontri a fuoco all'interno di Douma, dove la popolazione si sarebbe scontrata con gli jihadisti a causa dell'assassinio di alcuni cittadini che volevano scappare approfittando dei varchi umanitari, come spiegato, i terroristi vogliono tenere segregata la popolazione per usarla sia come scudo che come carne da macello nel prossimo finto attacco chimico.

Idlib

al momento qui non si stanno svolgendo combattimenti tra truppe siriane e jihadisti, ma tra i gruppi legati ad Al Qaeda, che si stanno anche ribrandizzando con altre sigle di fantasia, e le forze legate ad Ankara, come i sanguinari jihadisti di Nourredine al Zinki. A cosa mirano? Al totale controllo sulla rimanente sacca di Idlib, impedendo quindi alle truppe siriane di liberarle, forti della sconfitta , eventuale di Al qaeda e dell'appoggio militare di Ankara.

Muovendosi da Kafr Yahmoule, i miliziani jihadisti della alleanza raccolta sotto il nomen di Jabhat Tahrir Souriya ha combaattuto e vinto a Kafr Aleppo, Kafr Shayk Ali, Kafr Yum, più a sud a Ma'rat al Numan,

Gli scontri sono violenti e stanno pertando anche alla disgregazione di alcune formazioni, che cambiano nome pensando di venir risparmiate dalla resa dei conti.

Afrin

Si sta chiudendo la morsa attorno all'ultima fetta di frontiera siroturca in mano ai curdi, Shayk al Adid ormai è chiusa da vicino dalle forze filoturche e presto cadrà in mano turca.

In questi due giorni abbiamo visto una quiete apparente nelle operazioni, i Curdi, approfittando dei rinforzi giunti dalla provincia di Aleppo, alcune milizie locali inquadrate nelle NDF poco più di mille combattenti, hanno portato un paio di controffensive per cercare di illudersi di recuperare l'iniziativa, peccato che le forze di invasione si stiano solo preparando ad un secondo step di Olive Branch.

Oggi è entrato in afrin un convoglio umanitario composto di numerosi camion di aiuti umanitari. Cibo, medicine, forniture invernali, per i civili e gli sfollati. Nei prossimi giorni arriverà un secondo convoglio.

Quanto alla fasw due dell'operazione ramoscello d'ulivo , mi pare evidente che chiusi i confini di afrin e posto i fronti nei preessi di alcune cittadine, ora l'attenzione si concentrerà nel giungere ad afrn da tre direzioni differenti.

La risoluzione ONU del 27-2-2018, per i Turchi è ufficialmente lettera morta, essendo per loro l'YPG siriano una formazione terrorista.

Al Tanf

Le forze armate americane proseguono l'occupazione illegare di territorio siriano, altri 600 soldati sarebbero stati inviati presso la base e nonostante che i comandi USA avessero dichiarato più volte che intendessero abbandonarla.

Ora invece, in vista dell'attacco chimico programmato, rafforzano i loro dispositivi sul campo.