Il SudEst

Saturday
Oct 31st
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Inchiesta Inchiesta Situazione operativa sui fronti siriani del 15-6-2018

Situazione operativa sui fronti siriani del 15-6-2018

Email Stampa PDF

 


di STEFANO ORSI

Stiamo trascorrendo un periodo in cui non vi sono grandi offensive, ma grandi preparativi.


La presenza costante delle forze ISIS non ancora eradicate, gli spostamenti di truppe a sud presso i settori di Quneitra e Daraa, la Siria occupata dalle forze filo USA in fermento di rivolta. Sono questi i fronti attuali e di cui oggi parleremo.

Siria del sud

Daraa e Quneitra

Proseguono i preparativi, nelle settimane scorse sono giunte molte unità di rinforzo che hanno occupato ognuna il settore di competenza, in vista o dell'offensiva finale per liberare il sud della Siria o la resa dei terroristi e la liberazione del sud della Siria.

Parallelamente alle unità di terra, sono state schierate anche unità di difesa antiaerea, diverse postazione Pantsir, recentemente consegnate dalla Russia e altre batteria, il tutto per scoraggiare eventuali incursioni israeliane o intercettare le salve di missili.

Proseguono nel frattempo i contatti tra Russia Israele e USA al fine di raggiungere un accordo che accontenti le varie parti e permetta di liberare i territori siriani.

Suweida

In questo settore poco ad est di Daraa, è rispuntata l'ISIS, la recente battaglia per Tal Barakat, altura di importanza strategica, ha visto l'esercito riconquistare alcune posizioni importanti e metterlo in grado di avanzare sulle altre alture attorno ad Al Kara, conquistate queste all'ISIS non resterebbero che alcune caverne dove nascondersi.

La cosa che ci incuriosisce è capire da dove siano sbucati questi miliziani, in quanto il confine giordano al momento è presidiato da diverse milizie locali legate alle NDF siriane mentre la fonte dei questi miliziani potrebbe essere la base di Al Tanf, occupata dagli USA, che risulta molto vicina e attiva nell'addestrare terroristi.

Sono giunte alcune milizie Hezbollah e Liwa al Fatemiyoun a dare manforte per contenere e attaccare il Califfato così duro a morire.

Sacca di al Suknah

Proseguono gli scontri tra i soldati siriani e l'ISIS, che nelle giornate passare ha attaccato in forze la città strategica di Al Abukamal, le forze siriane hanno subito decine di vittime, ma non sono indietreggiate e grazie ai rinforzi giunti da Deir Ezzour, hanno potuto respingere con forza ogni attacco e causato pesanti perdite in uomini e mezzi al Califfato nero.

Anche in questo settore stiamo assistendo ad un continuo arrivo di gruppi armati, milizie legate alle NDF, milizie tribali, che pur non essendo addestrate in maniera paragonabile alla Guardia Repubblicana o alla 4° divisione, svolgono con attenzione ed impegno il loro ruolo di contenimento.

Con la risoluzione definitiva della situazione nel sud, vedremo allora spostarsi qui quelle unità di prima linea, ben armate ed addestrate che porranno fine definitivamente alla presenza ISIS in terra siriana libera.

Siria Occupata.

Nei giorni scorsi si è diffusa la voce, riportata infatti da una agenzia turca, dello schieramento di forze speciali italiane nel settore occupato dalle SDF filoamericane, per la precisione in una base USA in costruzione presso i pozzi Omar, risorsa siriana rubata dalle forze di occupazione, inutile spiegare quanto sarebbe grave se mai venisse confermata questa presenza, per ora smentita dal ministero della difesa, ma abbiamo imparato che le forze speciali spesso operano in segreto e certamente non ci si può attendere delle conferme.

Hasakah

Nella provincia di Hasakah sono tre le notizie importanti, la prima riguarda la seconda colonna di soldati USA giunta nelle vicinanze di un settore ancora presidiato da truppe siriane, e il rifiuto di queste ultime a concedere il passaggio delle truppe USA, la colonna, anche questa volta è stata rispedita al mittente e ha dovuto compiere un lungo giro per raggiungere la sua destinazione.

Seconda notizia l'offensiva delle SDF con gli USA e le forze irachene dal loro lato di confine, che attaccano l'ISIS nella parte nord della sacca rimasta, dopo mesi di totale inattività e attesa non si sa di cosa.

Non sono avanzate travolgenti, come le farse di mesi fa, compiute solo per chiudere la strada ai siriani e impedire loro di recuperare il controllo dei vitali pozzi di petrolio, comunque questi attacchi sono una buona novità perchè avvengono contro il giusto avversario, al contrario del passato.

Terza notizia, nella città di Hasakah sono giunti via elicottero, per la prima volta dal 2015, decine di rinforzi siriani con carichi di materiale bellico per rinforzare significativamente le postazioni in questo capoluogo. Non è detta che siano le sole a giungere. L'atterraggio è avvenuto presso il campo sportivo cittadino, quindi al riparo da tiri diretti, ed è importante soprattutto se collegato ai recenti incontri delle tribù locali riunitesi a Dair Hafir, dove i loro capi hanno dichiarato il loro rifiuto di riconoscere l'occupazione americana e hanno annunciato l'inizio della resistenza armata. Movimento di resistenza dunque di cui vi avevamo già più volte annunciato l'esistenza ora palesato pubblicamente e perentoriamente. Ecco quindi che soldati e carichi bellici lasciano immaginare la creazione di una importante base difensiva in vista di moti insurrezionali nella regione.

Per oggi è quindi tutto vi invito a vedere anche la nostra videositrep diffusa sul nostro canale video.

https://www.youtube.com/watch?v=axKe8TCQ8ZQ