Dura presa dell’ANPI contro la deriva antidemocratica in Ungheria

Venerdì 03 Aprile 2020 00:00
Stampa


di MICHELE PETTINATO

Nei giorni in cui L’Unione Europea si dimostra fragile e poco coesa nell’affrontare in maniera decisa l’emergenza del Covid-19, una nuova ferita alla democrazia sta facendo sanguinare il vecchio continente. In Ungheria, Viktor Orban, con il pretesto di affrontare la pandemia, si è attribuito pieni poteri. “Tutto questo rappresenta la nascita di un regime antidemocratico” – denuncia la Presidente nazionale ANPI Carla Nespolo la quale ha sottolineato quanto sia pericolosa la nascita di formazioni sovraniste che rischiano di sovvertire l’ordinamento democratico. “Anche Hitler e Mussolini presero il potere con una copertura di legittimità” – prosegue la Presidentessa.


Tutto questo rappresenta una intollerabile offesa ai cittadini europei e alle vittime delle dittature, nel 75esimo anniversario della liberazione” – denuncia la Nespolo. “L’Ungheria ha tradito il patto antinazista e antifascista da cui è nata l’idea di Europa. L’Unione Europea ha il dovere di svegliarsi e di prendere una netta posizione”

Fonte foto: Globalist.it