Il SudEst

Monday
Aug 03rd
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Inchiesta Inchiesta Turchia: Il Parlamento mette le mani sui social network

Turchia: Il Parlamento mette le mani sui social network

Email Stampa PDF

di MICHELE PETTINATO

Il Parlamento turco, con una controversa legge, mette le mani anche sui social media. Facebook, Twitter e Yuotube dovranno avere un referente locale che vigilerà sui contenuti stabilendo quando questi potranno essere rimossi. Si tratta di un nuovo capitolo della politica del Presidente Erdogan che, in questo modo, vuole prendere di mira i social network controllandone i contenuti. Più in particolare, questa legge prende di mira quei social network che hanno oltre 1 milione di visitatori al giorno. Tra le disposizioni previste, quella che i server che contengono i dati di utenti turchi siano conservati in Turchia. E’ allarme tra i gruppi per i diritti umani che temono le ripercussioni di un provvedimento che potrebbe dare un colpo ulteriore alla libertà di espressione. Sono infatti già diverse migliaia le persone accusate di aver insultato il Presidente Erdogan sui social media. Il rischio concreto è quello che il controllo dei principali social network possa impedire l’accesso ad una informazione indipendente e critica in un paese che sembra sempre più nella mani di un Presidente dittatore.

Fonte foto: starmag.it