Il SudEst

Saturday
Sep 26th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Inchiesta Inchiesta Aree di crisi nel mondo n. 54 del 3-9-2020

Aree di crisi nel mondo n. 54 del 3-9-2020

Email Stampa PDF

 

di STEFANO ORSI

La “patata bollente”

Ci sono vari scenari caldi nel nostro settore di mondo.

Turchia e Grecia proseguono nelle reciproche minacce, in Bielorussia le proteste assumono sempre meno l'aspetto di pericoloso golpe per divenire sempre più delle piccole baruffe, e soprattutto è esploso il caso Navalny.

Berlino

Non erano nemmeno passate 24 ore dalle dichiarazioni della Merkel, che dichiarava intoccabile il North-Stream-2, nuovo collegamento per forniture energetiche, gas metano, ad ottimo e conveniente costo per la Germania che ecco levarsi l'annuncio delle autorità sanitarie sul caso Navalny.

Secondo loro il membro delle opposizioni russe, uno dei minori, sarebbe stato avvelenato niente popò di meno che con il famoso Novichok, si lo stesso che si riteneva disperso nei meandri delle fuffe a buon mercato propinate dai media e servizi britannici ai loro concittadini.

Ricorderete la saga degli Skripal, padre spia russa al soldo ed in servizio per l'MI6 che, raggiunto da sua figlia presso Salisbury, era stato avvelenato, ma nessuno dei due era deceduto, poi sparirono e del caso non si seppe più nulla, ne chi lo avesse portato, dissero due scappati di casa, forse persone non troppo  raccomandabili, capitati li in zona per motivi poco chiari, possibili malviventi, non avevano ne l'aspetto ne le caratteristiche delle spie russe, che in genere sono molto poco individuabili e non viaggiano di certo con scritto in faccia e sui documenti di essere russi.

Comunque ci spiegarono con dovizia d particolari l'estrema pericolosità dell'agente nervino, la sua persistenza nell'ambiente, la sua mortalità.

Nessuno finora è morto, di certo Salisbury è la sede dei laboratori per gli arsenali chimici e batteriologici militari inglesi, dove con ogni probabilità studiano e producono agenti nervini di ogni tipo, il centro di Porton Down, il Defence CBRN Centre, di cui abbiamo parlato più volte nei video di approfondimento con Leni Remedios, ( li trovate sul mio canale youtube https://www.youtube.com/channel/UCCSZh2za-6RQpHm2GCbHDIA ).

Ora rispunta, ma in Germania, a detta loro.

In un post sul mio profilo FB , ieri, ho provato un attimo a fare il punto sulla sequenza dei fatti: https://www.facebook.com/stefano.orsi.376/posts/1997947407006129

“Se fosse stato usato Novichok (новичок) nel bar dell'aeroporto, sarebbero morti in molti e di certo NON si sarebbe mai salvato Navalny, che sarebbe crollato a terra in pochi secondi per non rialzarsi mai più. (Impossibile)

Nemmeno sull'aereo un solo malessere di nessun altro passeggero. (Impossibile)
Il personale medico russo è intervenuto senza alcuna precauzione sul paziente ospedalizzandolo, anche li nessun malessere. (Impossibile)

I campioni prelevati ed analizzati senza alcuna precauzione in più del solito e nemmeno li si segnalano malesseri, nemmeno tra il personale medico tedesco che lo ha esaminato in Russia. (Impossibile)

Insomma per essere il più mortale agente nervino mai creato, risulta non riuscire ad uccidere nessuno. (Impossibile)

Usando il vero agente, risulterebbe incredibilmente complesso usarlo in luogo pubblico senza uccidere tutte le persone presenti nel luogo dove viene liberato. (Impossibile)
Quindi perchè crearsi tanto disturbo per fare ciò che una comune lama affilata può fare senza rumore o possibilità di errore in una comune toilette pubblica dell'aeroporto?
Diciamocelo chiaramente, non sarebbe mai stato fatto uscire dal paese se fosse stato usato su di lui e dai servizi russi un agente nervino.

Nella maniera più assoluta.

Aver indicato il Novichok , e la vittima prescelta, ci porta dritti ad un solo indiziato come responsabile di questo episodio: l'MI6 britannico, che già si è perfezionato nella simulazione nervina presso il teatro di Salisbury, e quando parlo di teatro mi riferisco alla messa in scena. (Incredibile)

Una volta scartate le ipotesi impossibili, ciò che rimane, per quanto incredibile, è la verità.
Elementare Watson”

Volendo esaminare politicamente la situazione, non appare meno contorta.

La Russia che utilità avrebbe mai nel cacciarsi in un guaio simile? Nessuna!

Navalny è un oppositore molto comodo, narcisista malato che non raccoglie che minimi consensi nel Paese, le sue proteste in una megalopoli come Mosca non raccolgono che qualche centinaio di persone nella migliore delle occasioni, pertanto a loro fa anche comodo averlo per frantumare gli schieramenti filo occidentali.

Oltretutto sul piano internazionale il colpo trova ampia risonanza e porta con se nuove sanzioni, no, a Mosca non serve e non lo hanno di certo nemmeno immaginato di commettere un errore simile.

Il caso  bielorusso è in pieno svolgimento, potrebbe essere stato Lukashenko per intimorire i suoi oppositori? E perchè mai dovrebbe farlo in Russia?

I suoi poliziotti fanno servizio disarmati da quando sono iniziate le manifestazioni, per evitare incidenti.

Stessa procedura seguita da Maduro in Venezuela, e funziona.

Gli arresti sono pochi e le manifestazioni non sono violente e sempre in calo di partecipanti.

L'ultima di domenica, giorno del compleanno del Presidente eletto, ha visto la partecipazione di circa 25 mila manifestanti, contro i 35 mila della settimana precedente.

Un netto calo.

Il primo giorno di scuola, che dagli anni 30 in tutta l'URSS è sempre stati il 1° settembre, giorno della Conoscenza, non ha visto proteste di massa degli studenti.

Ho seguito sul canale Telegram Nextalive, di Varsavia, i video delle numerose manifestazioni, tutte con 10, o 20 studenti, e loro scrivevano “gli studenti bielorussi...” come se fossero tutti e non un solo piccolo e sparuto gruppo affrontato da due poliziotti che li invitavano a rientrare a scuola.

Credo stiano divenendo sempre più ridicoli in questo, perchè gli stessi cittadini bielorussi che vedono i video e non vedono nessuno manifestare, si rendono conto della assurdità delle dichiarazioni fatte.

Quindi Lukashenko non è stato, oggi aveva in visita una delegazione al completo del governo della Russia, Primo Ministro, due vice, molti ministri, industria, energia ecc., siamo sui massimi livelli, presto ci sarà un vertice con Putin, si tratta su un ulteriore passo verso la riunificazione della Bielorussia con la Federazione Russa, un processo delicato che , come abbiamo spiegato in precedenti articoli, necessita di grande attenzione a causa delle sostanziali differenze nell'economia dei due paesi.

Nessun interesse per Lukashenko di uccidere un oppositore di Putin lasciandolo nell'imbarazzo in un momento tanto delicato soprattutto per lui stesso.

Con il tentato golpe in Bielorussia, l'Occidente ha accelerato in maniera notevole, il processo di riunificazione tra Russia e Bielorussia, che languiva, rianimandolo, la delegazione di grande peso serviva appunto a chiarire gli aspetti più problematici e garantire ampie rassicurazioni sul futuro di questo Paese nell'ambito di una Federazione allargata. Unificazione delle Forze Armate e della difesa dei confini sono emersi come primi punti, l'Occidente ha fallito di nuovo.

Bielorussia scartata.

I Polacchi?

Non credo abbiano servizi affinati a tal punto da colpire all'interno della Russia ma potrebbe essere, nel qual caso avrebbero agito per allontanare Putin dalla Merkel.

Si sta concludendo il lavoro del North Stream 2 che fornirà energia alla Germania sotto forma di gas, e questo ai danni sia del carbone polacco che del gas da scisto che producono e usano loro stessi non avendo sostanzialmente clienti e ne avranno di meno dopo l'ultimazione del tratto finale.

Per cui sono indiziati, ma hanno Novichock o agenti attivi in Russia e Germania?, difficile, son certamente attivi in Ucraina, e in Bielorussia, guidano di fatto le manifestazioni e organizzano il poco dissenso nel Paese. Ma lo fanno da soli? NON CREDO.

I servizi polacchi non agiscono da soli, devono farlo con la copertura dei loro mandanti e sospetto non si tratti della Germania.

Chi dunque guida l'operazione?

Come ho scritto nel post i sospetti ricadono sui Britannici dell'MI6 che da sempre curano anche per gli USA i dossier sulla URSS prima e sulla Russia poi.

Hanno esperienza nell'inscenare un dramma con arsenali chimici, dalla Siria con gli Elmetti Bianchi agli Skripal di Salisbury ed ora il caso Navalny.

Separare Germania e Russia, garantisce maggiore debolezza alla Germania e maggiore equilibrio con la GB, inoltre gli USA non hanno da anni un rapporto idilliaco con Berlino, dalle spese per la NATO, allo spostamento dei soldati ad est, al tratto di gasdotto appena citato, agli spionaggi dei tempi di Obama ai danni di Frau Merkel, non dimentichiamocelo, alle dichiarazioni della Nuland del 2014, il caso Volkswagen, le turbine Siemens scoperte in Russia nonostante le sanzioni ecc ecc una miriade di casi di dissidio evidente e crescente.

Ora Navalny è in Germania e si trovano per le mani un caso scottante, una vera “patata bollente” che è davvero difficile da risolvere.

A trarne vantaggi sono solo USA, GB e Polonia evidentemente.

Oggi Lukashenko si è lasciato sfuggire alcune dichiarazioni pesanti, ha riferito al Primo Ministro russo Mishustin di avere la registrazione di una telefonata tra Varsavia e Berlino in cui sostanzialmente dicono che la vicenda sia una montatura fatta per punire la Russia del mancato golpe in Bielorussia.

Non credo che per quanto stupidi possano essere i ministri o i presidenti tedesco e polacco, possano mai parlare di queste cose per telefono, di certo non dopo le intercettazioni USA dei tempi di Obama.

Credo sia una “sparata” di Lukashenko e che questa telefonata, se mai c'è stata resterà ben celata e non ne sentiremo più parlare, nel perfetto stile di Putin.

Ignorare le stupidaggini dette da altri.

Intanto due note politicanti italiane si sono recate presso Vilnius al capezzale della fu candidata alla presidenza bielorussa, sconfitta dalle urne, per sostenerla, si trattava, lo avrete capito di Laura Boldrini e della pasionaria pro UE e anti italiana Lia Quartapelle.

Non hanno fatto a tempo ad incontrarla, dimenticando peraltro le prudenze e gli obblighi legati alle misure antiCOVID19, non indossando alcuna mascherina in una stanza al chiuso della nostra ambasciata e con una cittadina straniera la Tykhanoskaya che non ci è dato di sapere se sia o no positiva al virus. Comunque sia avrebbero dovuto dare l'esempio e mostrasi con la mascherina e anche la loro beniamina avrebbe dovuto indossarla trovandosi su suolo italiano, la nostra ambasciata lo è.

Tanto hanno detto tanto hanno fatto che oramai il futuro politico della loro eroina è segnato, non erano nemmeno passate 24 ore che subito appariva la nuova eroina dei manifestanti, la leader emergente è una donna sulla quarantina abbondante, biondissima e con i capelli cortissimi, tale Maria Kolesnikova, che ha annunciato la formazione di un nuovo partito, unendone due piccoli precedenti e apparendo su molti video in prima linea durante le manifestazioni con le mani unite a cuore.

Unica rappresentante degli oppositori rimasta nel Paese, segno che anche gli altri non avrebbero rischiato nulla, ora sta prendendo tutto il palcoscenico disponibile a chi per paura e vigliaccheria è fuggito come la Tykhanoskaya.

Saranno mica state le due visitatrici ad aver portato male alla Svetlana?

Avrete notato che non sia stata presa in considerazione la UE, questo perchè essa esiste solo sulla carta mentre nella realtà è un mero strumento al servizio degli interessi e dell'arricchimento della Germania.

Le richieste di Mr PESC Borrell rivolte alla Russia, di sottoporsi ad indagine internazionale da parte dell'OPCW, di fatto strumento in mano USA e di alcuni Paesi UE, come i recenti scandali sulle manipolazioni delle indagini e dell'esito dei risultati inviate dagli esperti sul campo in Siria hanno dimostrato, suona come involontariamente comica.

Siria

Nuovo governo nominato dal Presidente siriano Assad proprio questa settimana e due attacchi israeliani il rimo il giorno 31 di agosto a sud di Damasco e vicino a Daraa nel sud del Paese e il secondo il giorno 2 presso la base T4.

https://www.youtube.com/watch?v=I6r9O_rRx8c

https://www.youtube.com/watch?v=LGScHkSgVUM&t=223s

I danni subiti dalla base T4, ho potuto verificare oggi dalle foto satellitare diffuse da una società israeliana, sono minimi, solo due ordigni, come abbiamo spiegato credo bene nel video, le difese siriane e iraniane ne hanno colpiti ed abbattuti molti, forse anche in maniera selettiva eliminando quelli diretti su alcuni particolari obbiettivi più importanti.

Una bomba o missile ha colpito un piazzale vuoto e un altro ha danneggiato molto lievemente la pista che oggi stesso è tornata attiva.

Se ci fossero stati altri danni, lo avrebbero mostrato.

Per il momento non ci sono ulteriori episodi di attacchi.

Nel Paese occupato , invece, ad est del fiume Eufrate la situazione per le forze di occupazione USA ed SDF (Curdi e ex ISIS) al servizio dei primi, la situazione si fa difficile e sono stati costretti dai tumulti della popolazione a ritirarsi da una città della provincia di Deir Ezzour, Al Shuail.

Segno di come sia sempre più forte la volontà della popolazione civile di ribellarsi alla presenza USA in Siria.

Proseguono invece le azioni anti ISIS nel deserto centrale siriano tra Palmira-Deir Ezzour e la zona sotto controllo USA dove si rifugiano e trovano aiuti i terroristi ISIS.

Grecia vs Turchia

Proseguono provocazioni e violazioni turche della sovranità greca.

La corsa agli armamenti scatenata da questa crisi ha fatto richiedere alla Grecia dei caccia francesi, che strano, vorrebbero acquistare i Rafale, per contrastare la superiorità aerea turca che ha una notevole flotta di F16.

I Turchi da parte loro avendo perso gli F35 americani, hanno richiesto alla Russia altre due batterie complete di S400 e i super caccia 4+++ SU35 e SU57, dubito che trattino per i secondi , ma i primi potrebbero venderglieli davvero.

La Russia sta alacremente lavorando al caccia di sesta generazione, avendo valutato come solo di passaggio ormai, i caccia di quinta, cosa che davvero farà molto piacere alle nostre tasche svenatesi per acquistare dei caccia  F35 che entro pochi anni potrebbero divenire del tutto o in gran parte visibili da un lato e costosissimi da tenere in volo, dall'altro, oltre che obsoleti.

Intanto Atene ha inviato piccoli contingenti di soldati nelle isole vicine alla costa turca e più a rischio di occupazione, come per esempio Castellorizo, famosa per il film, premio Oscar,  Mediterraneo, se la Turchia decidesse di invaderle lo farebbe comunque, ma dovrebbe almeno sparare per farlo e questo creerebbe delle pericolose motivazioni di aggressione armata ai danni di un Paese inserito in una alleanza militare, la NATO, che formalmente non prevederebbe l'attivazione da parte di un suo membro contro un altro ma non si sa mai cosa potrebbe capitare.

Cina vs India

Si riaccende la tensione sui confini a nord est tra Cina ed India,

L'India ha richiesto nuove forniture di caccia ed armamenti alla Russia, Caccia di nuova generazione, sistemi antiaerei , perfino il nuovo fucile d'assalto AK-203, vorrebbero acquisirlo e costruirlo su licenza in India, il contratto è per una fornitura di 800.000 pezzi.

Chiuso intanto l'accordo per produrre in massa anche negli stabilimenti indiani, il vaccino anti-COVID19 russo Sputnik V che, oltre che per l'efficacia, si avvia a divenire lo standard mondiale nella lotta al covid.

Nel contempo hanno firmato un impegno, da parte indiana ad acquistare diversi sistemi, e da parte russa a non fornire nuovi sistemi al Pakistan, troppo forte la rivalità tra i due Paesi.

L'avvicinamento ulteriore di Russia e India, cementa un'amicizia di lunga data che trova nuove ragioni d'essere e nuovi interessi comuni nel compensare nei numeri il vantaggio cinese.

Si prospettano affari d'oro per Mosca.