Il SudEst

Friday
Jul 28th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Inchiesta Inchiesta Repressione Mediatica in Turchia: nostra intervista all’ attivista curdo Kazim Toptas

Repressione Mediatica in Turchia: nostra intervista all’ attivista curdo Kazim Toptas

Email Stampa PDF

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Sei da diversi anni attivo su più fronti, come coordinatore di MED Centro Culturale di Torino e del Centro Ararat di Roma. Nato nel 1980, da circa 16 anni vivi in Europa, principalmente tra Svizzera ed Italia (Roma e Torino). Laureato in Storia dell’ Arte, attualmente sostieni il partito curdo HDP.

Potresti parlarci della tua prospettiva sulla lotta di libertà kurda?


le lotte kurde per la libertà non sono partite dal Rojava. I cittadini kurdi lottano da centinaia di anni contro l'Impero Ottomano e lo Stato Turco. La nostra prospettiva si riferisce alle lotte di libertà delle persone. L'idea che le persone possano creare federazioni senza nazioni, stati e imperi. Lo Stato turco dice che il problema è la questione curda, ma per noi non è un problema essere curdi, semai il problema è delle politiche turche di assimilazione. È ovvio che fin dai primi anni della Repubblica Turca l'assimilazione del popolo curdo non si sia fermata. Possiamo notare ciò dall'ultimo massacro di Roboski [la morte di 34 commercianti transfrontalieri kurdi da parte dei turchi il 28 dicembre 2011] da parte dello stato Turco durante il «processo di pace». Possiamo vedere questo nella negazione dell'identità curda o nei ripetuti massacri. Rendere le persone assimilate, fare in modo che diventino turche è un modo per far propaganda al nazionalismo.


Eppure il Governo Turco afferma d’avervi concesso una relativa liberà linguistica e informativa.


L'AKP [il Partito di Giustizia e Sviluppo che governa] afferma di aver aperto dei canali televisivi curdi, ha permesso la lingua curda e dice che siamo tutti fratelli e sorelle, ma d'altra parte abbiamo avuto il massacro di Roboski che si è verificato durante il loro governo. Nel 2006 Erdogan affermò che donne e i bambini curdi dovranno essere puniti se vanno contro le politiche integrazioniste turche. Oltre 30 bambini sono stati uccisi dalla polizia e dall'esercito, decine di donne curde sono state stuprate.

Le parole cambiano ma l'agenda politica continua, proprio sotto il nuovo governo. Ci chiamano turchi. Veniamo da molte origini etniche e la curda è una di esse. Il nostro coinvolgimento nell’obiezione di coscienza è parte di questa prospettiva. Vogliamo parlare con le persone per impedire che la gente si arruoli nell’esercito per uccidere nostri fratelli e sorelle.

Puoi parlare del lavoro di Ararat e MED in solidarietà con il Rojava?

Dal luglio 2012, all'inizio della rivoluzione del Rojava, le persone cominciarono a dire che si trattò di un movimento senza Stato. Siamo stati solidali dal primo giorno della rivoluzione. Tre cantoni hanno dichiarato la loro rivoluzione in modo apolide. Cerchiamo di osservare e ottenere ulteriori informazioni. Questa non è una rivoluzione anarchica, ma è una rivoluzione sociale e civile. Rojava è un terzo fronte per la Siria contro il Daesh e altri gruppi islamisti. Ma questi non sono gli unici gruppi che la rivoluzione sta affrontando. La repubblica turca sta sostenendo il Daesh dalle sue frontiere. L'agenzia nazionale d’intelligence della repubblica turca sembra offrire armi a ISIS e ad altri gruppi islamici. I popoli curdi hanno portato avanti la loro rivoluzione in queste circostanze terribilmente complesse.


Dopo l'attacco dell'ISIS a Kobane [nel 2014] siamo andati a Suruç. Abbiamo aspettato al confine mentre le forze turche stavano attaccando le persone che lo attraversavano. Le persone che volevano attraversare il confine da o per Kobane, furono uccise. Siamo andati a Suruç per fornire protezione. 
Nel mese di ottobre, le persone si sono radunate vicino a Suruç e hanno rotto il confine. I serbatoi turchi hanno sparato gas di là dal confine.

Dal 6 al 8 ottobre si sono svolte dimostrazioni di solidarietà per Kobane in tutta la Turchia. Kader Ortakya, un sostenitore socialista turco di Kobane, è stato ucciso mentre cercava di attraversare il confine. 
Abbiamo aiutato le genti. Alcuni individui hanno attraversato il confine da Kobane e non avevano alcun riparo. Abbiamo preparato tende, cibo e vestiti per loro.  Lo  YPG e YPJ [People's Protection Units of Rojava, mentre lo YPJ è una milizia femminile] hanno respinto l'ISIS di giorno in giorno. La collina di Mıştenur era molto importante per Kobane. Dopo che la collina è stata presa da YPG e YPJ alcune persone sono tornate a Kobane. Quando sono tornate, le loro case furono distrutte dall'ISIS. Alcune case furono estirpate e alcune persone sono state uccise dalle mine antiuomo o da bombe.

Potresti parlarci della nuova ondata di repressione mediatica contro il popolo curdo in Turchia?

Secondo le informazioni reperite dall’Agenzia ARA News, L'Unione Media Libera (Yekîtiya Ragihandina Azad o YRA), con sede a Qamishli, ha condannato, lo scorso martedì, i tentativi della Turchia di esercitare pressioni sulla società francese Eutelsat per bloccare tre stazioni televisive kurde.

Sotto le pressioni del governo turco, Eutelsat tenta di chiudere i canali curdi, tra cui Ronahi, ha affermato Abdulkarim Omer, capo delle relazioni estere per Cezire Canton nella regione kurda della Siria, nel Rojava.

Il Consiglio Supremo della Radio e Televisione della Turchia (RTÜK) ha chiesto la scorsa settimana a Eutelsat, uno dei principali operatori satellitari del mondo, di arrestare Ronahi, Sterk e la News Channel, con sede in Europa. In risposta, Eutelsat ha inviato un 'avviso urgente' a Uplink che ospita i tre canali che offre servizi via satellite attraverso Hotbird ai tre canali.

È possibile che l'operatore satellitare interrompa questi canali curdi?

Ekrem Berekat, co-capo dell'Unione Media Libera (YRA), ha dichiarato lo scorso martedì che l'RTÜK ha chiesto questo divieto senza alcuno strumento legale.

L’RTÜK è responsabile solo dei media turchi e non ha nulla a che vedere con le trasmissioni di Ronahi, Sterk e il canale News.

La richiesta di Eutelsat di bloccare questi tre canali è una decisione politica che mostra la sottomissione di Eutelsat alle politiche turche del partito di Giustizia e Sviluppo (AKP). Queste pratiche sono arbitrarie,  antidemocratiche e contrarie alla libertà di parola.

L'8 ottobre 2016, Eutelsat ha bloccato Med Nuce TV, Newroz TV e il canale MMC in risposta alle richieste del governo turco.

Condanniamo fermamente questa decisione che è contro la voce della verità.

In risposta, tutti gli attivisti curdi hanno lanciato una campagna contro l'Eutelsat, #EutelsatAgainstKurdishPress.

Chiediamo a Eutelsat di fermare il tentativo di bloccare l’informazione e condizionare l'opinione pubblica.

La richiesta del governo turco di chiudere il canale è avvenuta dopo che la Turchia ha esteso i suoi attacchi alla popolazione kurda e ha ucciso 25 combattenti delle unità di protezione del popolo (YPG) nel nord-est della Siria il 25 aprile. La Turchia ha inoltre bombardato le stazioni radio curde questo  25 aprile.

Quali saranno le vostre ultime iniziative?

Kazim: Sosterremo l’iniziativa di News Channel, uno dei canali televisivi curdi di cui Eutelsat cerca di sospendere le trasmissioni su richiesta della Turchia. News Channel porta avanti una condanna legale verso le azioni repressive e ha progettato una reazione politica  al fine di scoraggiare l’ atto liberticida. Troverete maggiori informazioni su: http://www.uikionlus.com/news-channel-chiede-uniniziativa-contro-gli-attacchi-alla-stampa-curda/