Il SudEst

Wednesday
Feb 26th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Legalità Le lavoratrici precarie della Piaggio occupano nuovamente il “palazzo blu”

Le lavoratrici precarie della Piaggio occupano nuovamente il “palazzo blu”

Email Stampa PDF

Comunicato stampa

Basta discriminazioni: “Non scendiamo fino a quando non rientreremo in fabbrica”

COMUNICATO USB PIAGGIO

L'integrativo che i lavoratori e le lavoratrici Piaggio si apprestano a votare poteva essere l'occasione giusta per inserire la vertenza dei precari e delle precarie storiche ma azienda e sindacati confederali hanno deciso di abbandonarli al loro destino.

Al di là di quello che viene detto, in questi giorni, nell'accordo non c'è niente di certo e scritto rispetto al loro rientro in fabbrica. A dimostrazione di ciò recentemente sono stati assunti decine di lavoratori a termine.

Come USB, insieme alle precarie, abbiamo tentato tutte le strade possibili da oltre un anno, chiedendo confronti con l'azienda privilegiando il dialogo rivolgendosi alle istituzioni e al Prefetto. La Piaggio continua nella sua volontà di discriminare in maniera pesante queste lavoratrici.

Stiamo infatti parlando di lavoratrici licenziate sostanzialmente perché donne.

La discriminazione di genere nel nostro paese purtroppo non è una novità. Il divario salariale medio, tra uomo e donna, è di circa 3000 euro l'anno. A tutto ciò si aggiungono gli innumerevoli ricatti che migliaia di donne lavoratrici subiscono a causa del loro "status", della loro "colpa" di avere dei figli o una famiglia.

La multinazionale ha lasciato a casa decine di lavoratrici precarie dopo anni e anni di lavoro e sacrifici. Licenziate perché troppo "vecchie", licenziate perché dopo anni di catena di montaggio iniziano ad avere qualche "problema". Licenziate perché, a differenza dei nuovi operai assunti al loro posto, hanno dei figli e una famiglia.

Non siamo più disposti a credere alle menzogne della Piaggio che continua a scaricare la responsabilità sul Decreto Dignità. Gli strumenti normativi per permettere il rientro in fabbrica ci sarebbero. Soprattutto per una multinazionale che ha dichiarato a novembre 46 milioni di euro di utile.

Non scenderemo fino a quando non sarà trovata una soluzione. Invitiamo tutti i Sindaci della Valdera e le istituzioni a venire qui di fronte al Palazzo Blu a sostenere la vertenza dei lavoratori precari.

USB Piaggio