Il SudEst

Friday
Dec 15th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Politica Politica Il 3 dicembre a Roma assemblea nazionale del Coordinamento per la Democrazia Costituzionale

Il 3 dicembre a Roma assemblea nazionale del Coordinamento per la Democrazia Costituzionale

Email Stampa PDF

Redazionale

Il 3 dicembre si tiene a Roma l'assemblea nazionale del Coordinamento per la Democrazia Costituzionale

Domenica 3 dicembre si tiene l'assemblea Nazionale dei Comitati territoriali e delle Associazioni aderenti al Coordinamento Democrazia Costituzionale per celebrare ad un anno di distanza la vittoria del NO, e per discutere e rilanciare l’azione politica e civica del CDC, sempre nel quadro della difesa e dell’attuazione della Costituzione
Programma (in via di definizione):
– 10.00 – 13.00 Assemblea plenaria

– Rinfresco con un brindisi per festeggiare la ricorrenza.

– 14.30 Insediamento di tre gruppi di lavoro su:
1. Approfondimento sulla Legge elettorale
2. Due Leggi di Iniziativa Popolare su Art. 81 e Scuola
3. Costituzione, antifascismo e antirazzismo.


Coordinamento per la democrazia costituzionale

Trovate l'evento sul sito

PER SOSTENERE LE INIZIATIVE DEL COORDINAMENTO PER LA DEMOCRAZIA COSTITUZIONE ABBIAMO BISOGNO DEL TUO CONTRIBUTO ECONOMICO


Puoi donare:

tramite bonico all’iban: IT50H0101003201100000015772

intestato a : COORDINAMENTO per la DEMOCRAZIA COSTITUZIONALE

E' stato approvato il "Rosatellum bis", l'ennesima legge elettorale incostituzionale.

Non ci rassegneremo ad una legge elettorale approvata a colpi di fiducia; la questione per noi non è affatto chiusa. Prenderemo direttamente tutte le iniziative possibili, a partire dal pieno sostegno ai ricorsi alla Corte costituzionale, sui punti che giudichiamo incostituzionali e comunque inaccettabili di questa legge, con l’obiettivo di tentare di ottenere le modifiche nel tempo più breve possibile.

I cittadini dovranno giudicare e respingere il disegno che li vuole tenere fuori dalle scelte; la soluzione non deve essere l’astensione ma la partecipazione, non votando per quanti, partiti e parlamentari, hanno imposto questa Legge e votato la fiducia.

In parallelo ai ricorsi alla Corte costituzionale, riteniamo utile rilanciare la sottoscrizione del nostro appello affinché raggiunga un numero di sottoscrittori ancora più alto e promuovere iniziative come diffusione di materiale, dibattiti, manifestazioni nei quali motivare le ragioni della nostra ferma opposizione a questa legge elettorale.

Ma solo con l’abrogazione di norme fondamentali di questa legge sarà possibile affrontare alla radice la questione di fondo che per noi è il diritto delle elettrici e degli elettori di scegliere i parlamentari che li debbono rappresentare e risolvere la costrizione del voto unico e l’inganno delle false coalizioni.

Il Coordinamento chiede al comitato scientifico e in particolare ai Costituzionalisti di predisporre i quesiti per abrogare parti fondamentali della legge nuova elettorale.

Per questo dovremo generalizzare in tutto il territorio nazionale la promozione di quante iniziative possibili, a partire dal 4 dicembre 2017 (per ricordare la vittoria del NO) fino al 27 dicembre in cui cade il 70° anniversario della nostra Costituzione, data cui dovremo prestare particolare attenzione con iniziative specifiche, anche nazionali.

Il Coordinamento convoca per domenica 3 dicembre a Roma una Assemblea nazionale dei Comitati territoriali e delle Associazioni aderenti per discutere la situazione politica e per avviare le campagne decise.

L’assemblea inoltre valuterà le scelte da portare avanti nei territori, costruendo rapporti con forze sociali, associazioni, militanza civica, per avere voce nella campagna elettorale, difendendo i nostri principi costituzionali e rivendicandone l’attuazione nei programmi dei Partiti politici e nelle specifiche proposte economiche, sociali e civili.