Il SudEst

Monday
Aug 20th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Politica Politica Lettera dall’interno del PSI

Lettera dall’interno del PSI

Email Stampa PDF

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

di ANGIOLETTA MASSIMINO

Cari Compagne e Compagni,

nel nostro amato PSI sta accadendo qualcosa di molto strano, oserei dire di pericoloso: si sta cercando di negare la libertà di stampa,

 

 

 

attraverso la quale si può manifestare l'espressione del proprio pensiero e delle proprie opinioni politiche, in quanto non corrispondenti ai dictat di chi crede di poter fare un proprio feudo del Partito in cui dovrebbe prestare servizio per il bene della collettività.
Avevo inviato un mio articolo al Direttore dell'Avanti! online, Mauro Del Bue, nel quale spiegavo i motivi del mio rifiuto a candidarmi alla Camera nella lista "INSIEME", nel mio collegio in Sicilia.
Coerente alla sua onestà morale e intellettuale, nonché alla sua trasparenza politica, il Direttore ha pubblicato il mio articolo, anche in ossequio all'art. 21 della Costituzione, di cui credo, a questo punto giunti, sia assolutamente necessario riportare qui di seguito il testo per chi non lo conoscesse, o pur conoscendolo l'avesse dimenticato:

Art. 21: "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure".

Ebbene, il mio articolo, già pubblicato, è stato censurato, poiché da qualche membro della Segreteria nazionale è partito "l'ordine" di eliminare dall'Avanti! online tale "pericoloso" articolo!
Così mi è stato riferito telefonando a Roma alla segreteria nazionale del PSI.

A questo punto mi appello al Segretario nazionale, Sen. Riccardo Nencini, al quale chiedo quale tipo di Partito stia diventando il nostro, nell'era delle libertà, dei diritti civili, dell'emancipazione delle Donne e della parità di genere.

Attendo una sua gradita risposta e da tale risposta dipenderanno le mie consequenziali decisioni in merito alla mia militanza nel PSI, quale membro del Consiglio Nazionale.

Almeno nella mia pagina di Fb sarò libera di esprimere le mie idee e le mie opinioni politiche e nessuno potrà censurarmi, pertanto pubblico qui di seguito l'articolo censurato dall'Avanti! online, offendendo in tal modo i principi e le ideologie socialiste in cui la libertà occupa il primo posto!

Grazie a quanti vorranno prestarvi attenzione.

Angioletta Massimino

TITOLO: VIA I MERCANTI DAL TEMPIO

Cari Compagni e Amici,

mi è stato chiesto di dare la mia disponibilità per la candidatura alla Camera dei Deputati nella lista “Insieme” per le prossime elezioni politiche del 4 Marzo, coalizione di cui fa parte il mio Partito, il PSI, insieme ai Verdi e ad Area Civica, detti prodiani, questi ultimi.

Anche questa volta, come per le precedenti elezioni politiche, la mia candidatura e quindi la scelta, per es., di candidare me alla Camera, o il secondo posto in lista offertomi, di grazia, anziché il quattordicesimo posto… come accaduto alle precedenti elezioni politiche… dopo che si parlava di terzo o quarto posto, vengono completamente gestiti dall’On. Nino Oddo, segretario regionale del PSI in Sicilia, anch’egli candidato alle politiche del 4 Marzo nel collegio di Trapani.
Tale soggetto, purtroppo, non è da me condiviso, né riconosciuto come segretario regionale del Psi in Sicilia, in quanto eletto da un discutibile congresso antidemocratico, a cui non hanno partecipato di proposito, per protesta, la maggior parte degli esponenti socialisti della Sicilia orientale, i quali, come me non condividono il suo modo di fare politica nel PSI.

In capo al predetto soggetto pare si addensino parecchie nubi, da quel che leggo in vari articoli su internet, come spesso anche in passato gli è già accaduto.

http://palermo.repubblica.it/…/pressioni_poltrone_nomine_s…/

Sia riguardo alle amministrative di Trapani dell’11 Giugno 2017, in cui ha fatto un’alleanza con Forza Italia per appoggiare il candidato Sindaco Antonio D’Alì, pur di garantirsi spazi di gestione del potere, alleanza nettamente in contrasto con l’ideologia socialista e con la linea politica espressa dal Segretario nazionale, Riccardo Nencini, il quale chiaramente aveva sottolineato che il PSI si colloca, al massimo, nell’area di centro-sinistra e mai di centro-destra.

http://livesicilia.it/…/dali-in-campo-a-trapani-nasce-lass…/

Anomala alleanza con il centro-destra miseramente fallita quando per il Sen. Antonio D’Alì è arrivata la richiesta di “soggiorno obbligato” da parte della DDA, in quanto il soggetto è stato definito “socialmente pericoloso”, il quale, pertanto, ha scelto di abbandonare la campagna elettorale.
http://siciliainformazioni.com/…/caso-dali-socialmente-peri…

Sia riguardo ad incarichi inutili dispensati durante il periodo in cui ha rivestito la carica di questore all’ARS, in ossequio ad una politica clientelare in cui è maestro, motivo per cui è stato citato in giudizio dalla Procura regionale della Corte dei conti, per un danno all’erario di Euro 102.938,54.
http://www.lasicilia.it/…/incarichi-inutili-per-200-mila-eu…

Dato che il PSI ha deciso di candidare indifferentemente sia la sottoscritta, sia l’On. Nino Oddo, fino a quando non si terrà in debita considerazione la questione morale dei candidati, mi dispiace deludere quanti, Compagni e non, si aspettino una mia candidatura, ma io non darò affatto la mia disponibilità a candidarmi, perché sono proprio episodi del genere che tolgono stima, fiducia, credibilità e quindi voti al PSI.

Perdonatemi tutti, Compagni e Amici, ma proprio adesso che finalmente il PSI ritorna sulle schede elettorali con il suo bellissimo simbolo, non desidero che il mio cognome di socialista da due generazioni, che rappresenta i valori socialisti difesi da mio padre e dalla sottoscritta da tutta la vita, sia accomunato a quello di soggetti da me non condivisi e che ben poco hanno a che spartire, a mio parere e non solo, con il Socialismo vero, quello alla Nenni e alla Pertini, tanto per intenderci.
Sono certa possiate comprendermi!

Pertanto… o il PSI cambia i propri criteri di scelta dei candidati e decide di distinguersi dagli altri Partiti che presentano gli “impresentabili”, o resterà purtroppo schiacciato da questo sistema in cui vengono valorizzati i furbi, che sono bravi a crearsi le clientele a spese di noi Socialisti Siciliani, ma meno bravi nel valorizzare le idee, i principi, i bisogni e i veri ideali socialisti da portare avanti per il bene di tutti e non solo di quei pochi amici che portano “clienti” e dunque voti.

Via i mercanti dal tempio, ma i Ponzio Pilato comincino a capire che non possono più lavarsene le mani, poiché 126 anni di storia del Partito Socialista Italiano vanno difesi e salvaguardati con la testa e con il cuore.

Angioletta Massimino

________

Conosco Angioletta da anni, e ne ho apprezzato la coerenza e la passione con le quali ha sempre difeso e affermato i valori del socialismo. Le ho espresso la mia piena solidarietà e la riconfermo con convinzione non solo per il rispetto che le si deve, ma, anche, per ribadire come nell’attuale Psi, a mio avviso subalterno al partito renziano, non ci sia spazio per un dissenso che, in assenza di argomenti validi da contrapporgli, viene censurato. (mario gianfrate)