Il SudEst

Thursday
Jun 21st
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Politica Politica La Bohéme, al Teatro dell’Opera di Roma

La Bohéme, al Teatro dell’Opera di Roma

Email Stampa PDF

di MARIO GIANFRATE

Speranze e  illusioni disperse nell’amore tra Mimì e Rodolfo


L’opera narra l’amore  un po’ stilnovista un po’ peccaminoso, tra Mimì giovane fioraia, e Rodolfo, di professione scrittore. Ma scrittore non affermato ancora e, quindi, proteso a trascinare una grama esistenza, assieme al gruppo di scapestrati intellettuali con cui condivide dimora e affanni.

E’ un amore giovanile, fresco, attraversato dalle inquietudini del tempo in una Parigi ottocentesca e dalla dura lotta per la sopravvivenza affrontata con spirito goliardico dall’allegra brigata e compensato proprio dall’amore tra i due giovani, amore a prima vista, quello che si definisce “colpo di fulmine”. E che si snoda attraverso promesse e sospiri, che si nutre di tramonti e di arcobaleni. Ma, anche, di sano e contenuto erotismo. Fino, però, all’irrompere in tutto il suo dramma di un destino a tinte fosche: Mimì si ammala di tisi, la malattia del secolo, e i due amanti sono costretti a lasciarsi, in uno straziante addio, perché Rodolfo non ha i soldi necessari per farla curare. Si ritrovano, infine, nella vecchia soffitta dove Mimì, ormai dilaniata dal morbo, accompagnata da Musetta spira nel lettino dove ha vissuto i suoi momenti – pochi – più belli della sua breve vita.

La melodia pucciniana, scorrevole e limpida anche se irta di difficoltà nella sua esecuzione musicale, prende per mano, accompagna fluida e coinvolgente, inebriando negli attimi briosi e sconvolgendo nei momenti laceranti della vita che si spegne in quella nota finale che Rodolfo, disperato urla e singhiozza, nella costernazione dei presenti, una nota sola: “Mimì”… E Puccini, con quella sola nota, commuove il mondo.

Teatro dell’Opera di Roma - Stagione 2017/2018

Dal 14 al 24 giugno

La bohème

Musica di Giacomo Puccini

Opera in quattro quadri
Libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica

DIRETTORE

Henrik Nánási e Pietro Rizzo (22, 23, 24)

REGIA

Àlex Ollé (La Fura dels Baus)

Maestro del Coro Roberto Gabbiani
Scene Alfons Flores
Costumi Lluc Castells
luci Urs Schönebaum

Principali interpreti


Mimì Anita Hartig / Vittoria Yeo 14, 17, 20, 22, 24 / Louise Kwong* 16, 21
Rodolfo Giorgio Berrugi / Ivan Ayon-Rivas 14, 16, 20, 22, 24
Musetta Olga Kulchynska / Valentina Naforniță 14, 16, 20, 22, 24
Marcello Massimo Cavalletti / Alessandro Luongo 14, 16, 20, 22, 24
Schaunard  Simone Del Savio / Enrico Marabelli 14, 16, 20, 22, 24
Colline Antonio di Matteo / Gabriele Sagona 14, 16, 20, 22, 24
Alcindoro Matteo Peirone
Benoît Matteo Peirone

* dal Progetto “Fabbrica” Young Artist Program del Teatro dell’Opera di Roma

Orchestra e Coro del Teatro dell’Opera di Roma
con la partecipazione della Scuola di Canto Corale del Teatro dell’Opera di Roma

Nuovo allestimento in coproduzione con Teatro Regio di Torino

con sovratitoli in italiano e inglese