Il SudEst

Saturday
Dec 15th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Politica Politica Intervista a Carlos Andres Balderra, leader contadino colombiano

Intervista a Carlos Andres Balderra, leader contadino colombiano

Email Stampa PDF

di MADDALENA CELANO

In collaborazione con il cooperante Alessandro Bonafede


Carlos Andres Balderra nasce nel 1988 nel Departamento del Caqueta, nel sud della Colombia , un luogo  che ha acquisito grande eco storico nella comunità internazionale per via del “Dialogos de paz en el Caguan”, molto citato per il suo contributo politico al paese.

1. Nel corso della sua storia, la Colombia ha conservato feroci conflitti sulla questione agraria con implicazioni nella sfera sociale, politica, economica e culturale del paese. La questione agraria è sempre stata al centro dello storico conflitto politico armato colombiano. Non c'è dubbio, il conflitto è stato attraversato dalla disputa sulla terra.

In questo paese, come in altri paesi dell'America Latina, l'esistenza e la permanenza della struttura latifondista di possesso della terra, porta a un atavico problema: a beneficiare delle politiche e dei programmi sono solo i signori della terra, cioè proprietari terrieri, latifondisti, élite agricole e investitori stranieri.

I dati ufficiali mostrano una tendenza inarrestabile verso la concentrazione della proprietà, l'aumento di terreni dedicati al vasto bestiame di produzione, il calo della produzione alimentare e l'aumento forzato dello spostamento di comunità agricole insediate nei dipartimenti di concentrazione della proprietà rurale (CODHES / UNICEF, 1998, Machado, 1998).

Durante il secolo scorso, i contadini colombiani peggiorarono le loro condizioni di vita e considerevoli estensioni di territori e importanti ecosistemi furono distrutti dai processi di colonizzazione che propiziavano le politiche agrarie.

La realtà è che la campagna colombiana, teatro del conflitto armato, ha subito importanti trasformazioni negli ultimi anni. C'è una tendenza regressiva delle colture transitorie, mentre quelle del ciclo lungo mostrano un rafforzamento. Questa tendenza è stata associata al conflitto sulla terra, al dislocamento, ai rapporti di lavoro precari, ai sussidi o sostegni statali. È il caso, oggi così in voga, delle piantagioni per la produzione di agrocombustibili dalla canna da zucchero e dalla palma da olio.

In Colombia, contadini, mezzadri, indigeni, lavoratori agricoli, neri, hanno una lunga e dura storia di lotta e di scontro con i proprietari terrieri, gli imprenditori agricoli e le multinazionali. Ci sono molti fatti che ricordano questa storia.

Potreste raccontarci vostri aneddoti ed esperienze circa questo lungo e sanguinoso conflitto?

Carlos Andres Balderra: Il luogo in cui io sono nato, il Departamento del Caqueta, nel sud della Colombia , ha acquisito grande eco storico nella comunità internazionale. per via del “Dialogos de paz en el Caguan”.

Ma la società non riconosce ciò giacché siamo una popolazione stigmatizzata dai media poiché etichettati come “guerriglieri” o narcotrafficanti, perché in questa zona era piantata gran parte della coca che poi veniva esportata. Quest’eco, più che politico, fu storico per cui ci lascia un cattivo gusto a causa dei molteplici genocidi perpetuati dal potere, come forma di repressione, contro tutto ciò che era ed è  diverso da ciò stabilito dal potere centrale. Nel nostro caso si trattava di un conflitto tra le élite e i nostri contadini in queste aree, poiché qui c'era la zona smilitarizzata che era culla del FARC, dove riposava tutto il loro potere bellicoso. Questo ci ha portato a diventare obiettivi militari perché, secondo il governo e la tesi di Alvaro Uribe, i contadini di queste aree erano membri di questa struttura (le FARC) e quindi si dovette ricorrere ai crimini contro l'umanità per reprimere la guerriglia.  Sin da bambino ho visto come vengono aggrediti i contadini, le donne e i bambini, mentre alcuni di loro scomparivano. Diversi corpi sono stati ritrovati smembrati con machete, asce e talvolta motoseghe, con lo spirito di generare panico nella società. Questo è quello che ha dovuto subire la nostra popolazione solo per aver richiesto di vivere in pace e in condizione di auto-rifornirsi per i loro bisogni di base. Ci sono molte cose che la nostra società, in questo momento, riconosce su questo genocidio perpetuato dal Dipartimento della Caqueta. Potrei dire che lo stato colombiano è in debito con questa popolazione. Ma il sistema è in grado di non permettere mai che siano approvate leggi che favoriscano la giustizia e il riscatto delle vittime di genocidio. I proprietari terrieri, gli uomini d'affari e politici hanno partecipato all’eccidio, attraverso il modello Plan Colombia, che era solo un'offensiva contro i ribelli e contro tutto ciò che era coinvolto nelle politiche di sviluppo sociale.

2. E 'nota la Strage delle Bananeras del 1928, durante il movimento di sciopero che ha portato alla ribalta l'eccezionale capo agrario Raul Mahecha, che Gabriel García Márquez ricorda magistralmente in Cent'anni di solitudine.  Ancora oggi, gli agricoltori, i movimenti indigeni e i farmworker continuano a inquadrare le loro richieste nella lotta per la terra e la riforma agraria.

La disputa e il controllo sulla terra sono stati permanenti. In Colombia, come in altri paesi, l'opposizione storica dei signori della terra (gli attori politici rappresentati da: proprietari terrieri e élite dominante) ha impedito l’avanzare di leggi sulla riforma agraria. I pochi progressi furono troncati da queste élite agrarie nazionali e straniere che cercarono di proteggere i loro interessi.

Durante il secolo precedente, le disuguaglianze sono cresciute e la concentrazione della terra in mani di pochi oggi è più grande; il supporto statale per modernizzare e meccanizzare le proprietà, attraverso crediti e infrastrutture è rimasto nelle mani di pochi.

Questo è il motivo per cui nel processo di pace la questione agraria è stata preponderante e lo sarà nel periodo di post-conflitto. Ci potreste illustrare le tappe di questo famigerato “processo di pace”, l’esito e le sue contraddizioni?

Carlos Andres Balderra: Il giorno in cui stavano per uccidere, Luis Plaza, sindacalista e leader sociale,  andò a un'assemblea di insegnanti a Cartagena de Indias. Aveva già ricevuto 15 minacce di morte e il governo colombiano gli aveva assegnato una scorta e un'auto blindata, anche se doveva condividerla con un'altra persona minacciata. Era segretario generale della Central Unitaria de Trabajadores (CUT) nel dipartimento di Bolívar, l'unione con più affiliazione del paese, con oltre 700 organizzazioni settoriali.

Sette proiettili hanno colpito la sua auto ma si salvò. Quando l'uomo incappucciato ha premuto il grilletto, Luis si era già raggomitolato a terra, pensava alla sua famiglia e pensava che il suo nome sarebbe stato aggiunto alla lunga lista di sindacalisti uccisi in Colombia. Chi voleva Luis morto è ancora un mistero, anche se si insiste che possa essere un uomo d'affari noto come El Turco Hilsaca che pagò 400 milioni di pesos (125.000 euro) per il suo omicidio. Dopo ciò, Luis trascorse alcuni mesi nelle Asturie grazie a un programma di benvenuto per i leader sociali minacciati in Colombia.

Minacce, estorsioni e uccisioni di sindacalisti, leader contadini, attivisti e difensori dei diritti umani sono aumentati nel paese mentre le FARC stavano già  abbandonando la propria attività armata. I massacri sono cresciuti così tanto che, per molti, la situazione ricorda loro un'altra era: quella del paramilitarismo impunito di  trent'anni fa, un déjà vú oscuro che adombra il processo di pace. Non c'è accordo riguardo le cifre. Il programma “Somos Defensores”  parla di 80 di questi omicidi l'anno scorso. Amnesty International ne ha contati 75. Altri collettivi come la Marcia patriottica - il collettivo con più morti all’attivo – ha aumentano il bilancio delle vittime a 125. Nel corso di questo rapporto sono stati segnalati almeno quattro omicidi. In realtà c’è  la mancanza di volontà politica di porre fine al paramilitarismo, assunto come killer e il traffico di droga. Fattori che, in molte occasioni, sono difficili da differenziare e mescolare con gli interessi di grandi imprenditori, proprietari terrieri e, persino, politici. Inoltre, questi gruppi stanno occupando i territori controllati dalle FARC prima del cessate il fuoco. È normale quando scompare l'unica vera autorità che ha operato in gran parte della Colombia rurale, dove lo Stato non è mai arrivato o lo ha fatto solo per attaccare l'insurrezione. Molti contadini si fidano poco o nulla della protezione di un governo che li ha ignorati per tutta la vita.

Secondo l'associazione degli insegnanti di ADEMACOR, più di mille insegnanti sono stati assassinati negli ultimi tre decenni in Colombia.  Queste sono le cifre ufficiali, ma ve ne sono altre.  Queste bande criminali hanno nomi, cognomi, scudo, logo e anche sito web, anche se il governo dice che non esistono, sono solo dei criminali il cui unico interesse è il denaro e non la pulizia ideologica, il genocidio politico. Le “forze di autodifesa colombiane” o le aquile nere sono  gruppi paramilitari di destra che firmano opuscoli e messaggi contro coloro che sono minacciati in buona parte del paese. Eredi degli estinti Autodefensas Unidas de Colombia (AUC), sono il gruppo attacca gli insegnanti a Monteria, per esempio, ma anche i contadini di Cauca e Magdalena Medio o sicari che utilizzano i proprietari terrieri per sfrattare i contadini dalle terre comunali. Nonostante tutto, il governo continua a mettere in discussione la loro autenticità. Forse alcuni  usano i loro loghi e simboli per spaventare, per ottenere denaro senza nemmeno appartenere a loro, insinua il Vice Ministro della Difesa.

3. La lotta politica dei contadini colombiani, nel secolo scorso, ha conosciuto l'influenza politica e intellettuale degli agrari, guidati da Erasmo Valencia. Il leader liberale Jorge Eliecer Gaitan ha affermato: "la sinistra ha difeso i contadini e ha messo radici in essi fin dalla sua nascita, attraverso le organizzazioni socialiste o marxiste, in particolare il Partito socialista rivoluzionario e poi il Partito comunista".

Le tesi centrali di queste tre correnti contadine ponevano:

  1. i.    i)          “il benessere nazionale dipende dall'agricoltura”: era lo slogan agrario di Erasmus Valencia.
  2. ii.   ii)         Gaitán propose un'economia regolamentata e un intervento statale con criteri sociali.
  3. iii.  iii)        Invece i comunisti chiedevano una rivoluzione agraria e antimperialista guidata dalla classe operaia.

Sebbene il programma comunista fosse più radicale ed esteso, coincise con il programma gaitanista riguardante il destino della proprietà fondiaria della riforma agraria, che sarebbe stata data gratuitamente ai contadini. La differenza più importante tra questi due programmi era che mentre Gaitán chiedeva l'incorporazione delle regioni indigene nell'economia nazionale, il Partito Comunista rivendicò il riconoscimento delle comunità indigene, la loro completa libertà e l'autodeterminazione dei loro governi.

La verità è che il programma dei contadini colombiani non ha mai incluso nei loro repertori di contesa la rivendicazione della proprietà della terra inalienabile e collettiva o comunale, per non parlare di nazionalizzazione. Per questo motivo, in base agli studi Héctor Mondragón (2003), in conformità con i programmi scritti, "un trionfo della rivoluzione agraria in Colombia nel ventesimo secolo sarebbe sembrato più la rivoluzione boliviana del 1952 che la rivoluzione messicana, russa, cinese o cubana."

Ciò nonostante, il movimento indigeno, tra cui il Quintin Lame e altri indigenisti socialisti come Blanca Ochoa de Molina e Antonio Garcia, nei loro programmi di contesa contemplano l’ inalienabilità delle terre delle comunità, da un punto di vista culturale (Mondragón, 2003). A che punto si trova la “questione indigena” e qual è stato il suo ruolo nel processo di pace?

Carlos Andres Balderra: Gli indigeni della Colombia, questo mese di maggio 2018, hanno denunciato alla Commissione Inter-Americana sui Diritti Umani (CIDH), una  maggiore aggressività subita, da attori armati, dopo aver firmato, alla fine del 2016, l' accordo di pace con le FARC. Secondo un rapporto pubblicato da quest’ organizzazione, a Bogotá, tra il 2016 e il 2017, sono stati registrati oltre 18.000 eventi violenti contro le popolazioni indigene, tra cui 67 omicidi e 11.455 casi di sfollamento forzato. Nonostante la firma di un accordo di pace con l'ex guerriglia comunista delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (FARC) nel novembre 2016, nel dipartimento di Nariño (al confine con l'Ecuador), i paramilitari sono tornati. É aumentata  la presenza di 17 gruppi armati al di fuori della legge. In aggiunta agli scontri tra i gruppi armati che provocano esodi al confine con l'Ecuador, va aggiunto che al confine con il Venezuela si stanno perdendo le terre ancestrali. É sempre più chiaro, che il conflitto armato aveva a che fare con le licenze ambientali per l'industria mineraria e di consultazione preventiva per l'esecuzione di estrazioni o progetti sul petrolio, perciò non sono per niente garantiti i diritti dei popoli indigeni. La Colombia vive un conflitto armato che dura più di mezzo secolo che vede come attori principali guerriglieri, paramilitari, trafficanti di droga e politici corrotti, con un saldo di circa otto milioni di morti e numerosi dispersi e sfollati, soprattutto tra gli indigeni.