Il SudEst

Sunday
Jul 12th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Politica Politica L’Artigiano compositore. A Ennio Morricone

L’Artigiano compositore. A Ennio Morricone

Email Stampa PDF

di EZIO FORSANO

Esistono persone nella società che hanno tutti i connotati per apparire mistiche, quasi irreali.

 

Figure che addirittura, proprio per il loro essere umili e lontane dai clamori della cronaca, sembrano non esistere. Normalmente si è portati a pensare che alcuni di essi, in virtù del ruolo che rivestono nella società, debbano necessariamente essere spesso tra le prime pagine dei rotocalchi che parlano di spettacolo o di gossip.

 

Lui era tutt’altro. Legato al suo quartiere, a quella zona di Roma chiamata Trastevere che diede i natali a molti Artisti, si allontanava da esso solo quando era proprio necessario. O per dirigere la sua meravigliosa orchestra durante concerti prestigiosi, o per ritirare premi che giustamente e indiscutibilmente gli venivano riconosciuti.

Ennio Morricone , il Maestro Ennio Morricone era tutto questo. Il ritratto perfetto dell’umiltà e della grandezza di un uomo che per quanto grande sembrava non esistere. Schivo, poco amante dei riflettori si è sempre definito un “artigiano” a favore della musica. Le sue composizioni nascevano da illuminazioni improvvise, a volte generate da piccoli momenti della vita comune come il rumore del traffico, la pioggia. Addirittura si racconta in alcuni aneddoti che spesso componeva mentre si recava a pagare bollette della corrente elettrica. L’ispirazione dei grandi Maestri. Il suo percorso musicale, straordinario e unico, ha affascinato tutti. Dai grandi musicisti di famosi gruppi musicali alla gente comune. Si perché Ennio Morricone, tra le sue doti aveva anche questa. Quella di far avvicinare alle sue opere, chiunque. Come ovviamente tutti ora lo piangono.

Questo il perché di tanta giusta fama unita inevitabilmente alle sue composizioni. I grandi film che hanno avuto come basi le sue musiche sono diventati celebri proprio grazie alle sue composizioni. Paradossalmente ad esse si associa il film, il regista. Quasi mai il contrario. Nelle sue melodie indimenticabili ed eterne disegnava mondi ormai svaniti. A lui il ritratto perfetto di un America rude e maledettamente romantica. A lui la capacità di attenuare, con la sua musica la durezza della guerra. A lui la bravura di regalarci ricordi di epoche affascinanti ormai lontane. Comprendere di quali film si tratta non è difficile. Non basterebbero le colonne a mia disposizione per citarle. La bellezza e il fascino delle sue creazioni geniali sanno farti allontanare dalla realtà ed è sufficiente chiudere gli occhi per rivedere scene dei grandi film o sceneggiati che ha accompagnato aumentando il valore di essi. Ennio Morricone è stato un “grande uomo comune”. Legatissimo alla sua famiglia e alle cose vere delle sua Roma. Ci lascia un tassello importantissimo della nostra storia a cui dobbiamo molto. Se ne va chi ha saputo, con estrema umiltà, regalarci musiche che resteranno per sempre. Dote non di tutti. Ennio Morricone, per molti era il vicino di casa perfetto e chissà in quanti avrebbero davvero ambito ad averlo nello stesso condominio per avere la fortuna di ascoltarlo mentre creava. Lascia un’eredità importante a tutti noi. A chi ama la grande musica e i grandi film. Lascia un segno profondo nel mondo dell’Arte. Perché Ennio Morricone era Arte pura. Il suo essere discreto lo fa apparire ora, ancora più grande di quanto già fosse. Resterà immortale, contro le mode, i nuovi stili musicali e i registi che verranno. Sicuramente in molti continueranno ad ispirarsi alle sue composizioni, autentici capolavori di bellezza.

In quanti avremmo avuto il desideri o di incontrarlo almeno per una volta. In quanti siamo stati onorati di poterlo ascoltare nelle sue musiche.

Ciao Maestro e…GRAZIE!

Semplicemente, proprio come piaceva a te…