Il SudEst

Wednesday
Nov 21st
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Politica Politica "Tour dello stupro" nei bordelli legali colombiani

"Tour dello stupro" nei bordelli legali colombiani

Email Stampa PDF

di MADDALENA CELANO

La vendita di sesso con i suoi bordelli legali è lecita in Colombia e anche le piccole città hanno quartieri a luci rosse,

 

dove le autorità guardano dall'altra parte. Inoltre i bordelli legali sono tutti gestiti da tenutari o tenutarie (non prostituti e non prostitute). Ulteriormente i bordelli pullulano di povere immigrate squattrinate, madri nubili, donne nere, indie o meticce, spesso trafficate (soprattutto quando si tratta di native).  Così, mentre la polizia dell'immigrazione da attivamente caccia ai venezuelani che vendono cianfrusaglie e panhandling nella piazza centrale di Arauca, le “sex workers” dei bordelli colombiani denunciano molestie e abusi che raramente vengono perseguiti o presi sul serio.

Marta Muñoz gestisce la Casa de la Mujer, un programma municipale incentrato sulla salute e i diritti delle donne. Ha affermato che la prostituzione e i crimini inerenti il prossenetismo sono una sorta di punto cieco per le autorità locali che sono più concentrate su crimini palesi, come la tratta di bambini, lo stupro e l'abuso di minori. Inoltre in Colombia si considera inutile perseguire e denunciare reati commessi intorno ad un “lavoro” considerato legittimo e legale: trattasi di “incidenti sul lavoro” appunto.

"So che alcune di loro sono pagate ingiustamente e sono trattate molto male", ha detto Muñoz  parlando delle prostitute venezuelane che lavorano in Colombia. "Ma come le proteggiamo senza forti politiche pubbliche?"

Sánchez, tenutario di un bordello di Bogotá, dice che le venezuelani ora dominano il commercio sessuale in Colombia perché sono disposte a lavorare per una paga inferiore.

"Direi che i 99 percento delle prostitute in questa città è venezuelana", ha detto. Tutte le 12 donne che lavorano per lui provengono dall'altra parte del confine.

Non è solo un fenomeno di confine. Fidelia Suarez, presidentessa dell'Unione delle lavoratrici del sesso in Colombia, ha detto che la sua organizzazione ha visto un afflusso drammatico di "donne e uomini venezuelani che lavorano nel commercio sessuale" in tutto il paese.

Mentre è impossibile quantificare quanti potrebbero lavorare nel commercio, Suarez ha detto che la sua organizzazione sta cercando di salvaguardare i migranti vulnerabili.

"Vogliamo assicurarci che non siano molestate dalle autorità o sfruttate", ha detto. "Essere sessualmente sfruttati è molto diverso da essere una prostituta".

In un certo senso, la crisi economica del Venezuela è stata così severa da aver persino cancellato le norme sociali di vecchia data.

Marili, una nonna di 47 anni ed ex insegnante, ha detto che c'era un tempo in cui si sarebbe vergognata di ammettere di essere una prostituta. Ora dice di essere grata di avere un lavoro che le permetta di acquistare farmaci per l'ipertensione per sua madre a Caracas.

"Siamo tutte donne che stanno lavorando per sostenere le nostre famiglie", ha detto. "Mi rifiuto di criticare chiunque, inclusa me stessa”.

Nel frattempo, nel mese di marzo 2018, in Colombia, emerge una forte protesta, attraverso il programma radiofonico RCN, Nocturna RCN. Una donna che è stata presentata al pubblico con il nome di "Alma", ha affermato di aver assistito a numerosi stupri e molestie, in un lovale al di fuori di Cartagena, cui presumibilmente hanno partecipato una ventina di uomini per "cacciare" e violentare giovani ragazze prostituite.

La donna, che sostiene di dedicarsi alla prostituzione per anni, è stata invitata sul posto da un cliente per “godere” di una festa. "Nessuna di noi sapeva cosa fosse (…)", ha spiegato.

Nella testimonianza, riprodotta durante la mattina del 9 marzo 2018 dalla stazione di notizie locali La Cariñosa, anche una filiale di RCN Radio, "Alma", ha spiegato che nei bordelli “legali” colombiani si propongono forme di "business" aberranti, come il "Giro dello Stupro". “Il Giro dello Stupro” è un’usanza “folkloristica” proposta e richiesta da parte di cittadini Israeliani presenti in Colombia come “turisti”. I turisti mediorientali prendono contatto con minori e diciottenni a cui offrono di guadagnare denaro facile esercitando la prostituzione.

La testimone ha detto che le preparano durante il giorno per la "caccia". "Hanno un sacco di marijuana, questa erba produce molta fame e sete, ma non danno loro da mangiare. Offrono alle giovani prostitute solo acqua e inseriscono nel’ acqua un farmaco usato per stimolare l'appetito sessuale negli animali Essi sono consapevoli che l'acqua contiene tale sostanza. Quando sono fuori controllo, l'inseguimento inizia nel migliore stile di un safari".

La donna ha specificato che si tratta, in genere, di gruppi di cinque o dieci ragazze perseguitate da un numero di uomini che possono addirittura triplicarle in quantità. "Quando raggiungono una ragazza, la violentano, fanno tutto (…) mentre le ragazze sono fuori controllo a causa del farmaco che hanno preso tutto il giorno, la "caccia” spesso ha luogo nelle prime ore del mattino."

"Alma" ha espresso il suo desiderio di presentare denuncia per allertare le autorità sulle giovani donne che "si sottomettono" a lavorare come prostitute, ma non ha presentato una denuncia formale per paura. "Quando una giovane donna si sottomette, a decide di diventare una prostituta, è perché le manca qualcosa, ha bisogno di soldi per la sua famiglia, non deve essere violentata o drogata senza il suo consenso", ha detto.

Da parte sua, il giornalista ha spiegato che ottenere la testimonianza della donna non è stato facile, che ci sono stati circa due mesi di conversazioni e trattative per convincerla a parlare alla stazione radio della questione.

Il comandante della polizia metropolitana di Cartagena, il colonnello Juan Rivera, ha detto che la polizia non ha alcuna conoscenza di simili accadimenti ma, a testimonianza avvenuta, hanno cominciato ad indagare per chiarire, in linea di principio, la veridicità dei fatti. Purtroppo si appura che i fatti narrati sono tutti veri e le usanze aberranti narrate sono solo un piccolo assaggio di quanto accade nei bordelli “legali” colombiani.

Alma afferma chiaramente che il “Tour dello Stupro” è un pacchetto turistico che vendono a visitatori locali e stranieri. Il pacchetto permette loro di sottoporre delle ragazze, spesso minori, tra i 12 e i 15 anni, a frequenti stupri di gruppo presso fattorie vicino Cartagena. Il “Tour dello Stupro” è una sorta di “iniziazione” al “sex work”, usato anche per avvicinare giovani donne al mondo della prostituzione e renderle. tossicodipendenti, attraverso un mix di farmaci e droghe.

"Le portano in un'area di campagna, le rilasciano sul campo di notte e dietro di loro gli uomini escono per catturarle, come se fossero animali, e le stuprano in 2, 3, 5".

 

 


Fine modulo