Il SudEst

Wednesday
Mar 29th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Politica Politica La vocazione di voler essere “choosy”

La vocazione di voler essere “choosy”

Email Stampa PDF

alt

di LINO FAZIO

Se fossi un ingenuo mi sarei chiesto perché lo Stato debba intervenire, con le sue leggi, in situazioni della vita in cui ognuno di noi può incappare.

 

 

Per esempio, abbiamo visto scatenarsi una “guerra” tra i benpensanti ed autoproclamatisi moderati contro sedicenti diavoli in terra sul problema aborto, unioni civili ed altro. Abbiamo notato che tutti o quasi quelli che , armi in resta, sbraitavano contro l’applicazione delle relative leggi, avevano comunque il proprio scheletro nell’armadio e che grazie al proprio conto in banca erano riusciti ad ottenere legalmente e velocemente ciò che una coppia normalizzata economicamente non avrebbe potuto ottenere perché proprio i benpensanti avevano provveduto a bloccare con muri ideologici e non.

Qualche anno addietro abbiamo assistito alle traversie che hanno dovuto subire  persone che hanno scelto l’accompagnamento al fine vita in modo dignitoso contro l’indegnità di una vita da vegetale.  Traversie imposte da una parte di politici, personalità, pensatori ed immancabili mass media.

La vita va tutelata, conservata, rispettata! Certamente…

Mi chiedo invece che razza di paese è diventata questa nostra Italia in cui una persona non può decidere di porre fine alla misera condizione in cui è caduto perché dovrà sostenere con sacrificio ed abnegazione gli ultimi giorni della sua vita naturale mentre vengono letteralmente lasciate morire intere schiere di ammalati che non riescono più a curarsi per colpa degli alti costi delle cure e delle lungaggini a cui vengono sottoposte per ottenere esami ed interventi. Oppure gente che ha perso il lavoro nel giro di ventiquattr’ore e si ritrova con tre figli, un mutuo. Ed ancora: perché non viene fatta una politica seria sulle cure palliative ed i centri di accoglienza lasciando pochissime strutture insufficienti al bisogno?

Perché è stata concessa la possibilità ai “moderati” come Elsa Fornero di creare una lunga lista di “choosy” che lamentava la possibilità di perdere le proprie sicurezze mentre la stessa provvedeva direttamente alla sistemazione dei propri figli in posti chiave?

Mi si  accuserà di populismo? Sicuramente si, tanto è diventato di moda questo termine.

Prendiamone atto: da noi non si può dichiarare di voler morire in modo dignitoso ma ci si può affidare al boia di stato che chiameremo burocrazia che agisce in assoluto silenzio.