Il SudEst

Sunday
Jan 21st
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Sociale Sociale Il buio oltre la valle, il libro sulla scomparsa di Ruggiero Giuseppe

Il buio oltre la valle, il libro sulla scomparsa di Ruggiero Giuseppe

Email Stampa PDF

di PIERDOMENICO CORTE RUGGIERO

Torniamo a parlare di un libro avente per argomento un caso di cronaca. Non una recensione.

 

 

Ci occupiamo del libro “Il buio oltre la valle “, di Antonio Ruggiero, Caramanica Editore. Libro scritto da Antonio Ruggiero per raccontare la misteriosa scomparsa di suo padre, Giuseppe Ruggiero. Scomparso il 15 maggio 2011, in località Vallauria, nel comune di Coreno Ausonio. Un libro che è un tributo di un figlio al padre, è anche il tentativo di tenere viva l'attenzione su una vicenda che rischia l'oblio. Giuseppe Ruggiero è stato cercato per settimane, mesi, anni. Di lui nessuna traccia. Arriva con la sua moto in località Vallauria, la parcheggia e scompare nel nulla. Per la Procura di Cassino, probabilmente, Giuseppe è finito in qualche crepaccio dopo essersi perso durante una escursione. Una versione che non ha mai convinto il figlio. Il libro si può dividere in tre parti. La prima è il racconto del giorno della scomparsa, delle ricerche, degli elementi sospetti. La seconda racconta di Giuseppe Ruggiero uomo, padre, marito e nonno. La terza affronta il dramma delle persone scomparse e l'attività dell'Associazione Penelope. Il tutto illustrato da decine di mappe e fotografie.

Oggettivamente qualche elemento di perplessità sulle modalità della scomparsa di Giuseppe, esiste. Parliamo di una persona che aveva oltre 80 anni al momento della scomparsa, in buona salute ma con seri problemi di deambulazione a causa di un problema ad una gamba, e problemi alle mani. Risulta quindi difficile pensare che possa essersi allontanato molto dai sentieri. Inoltre la motocicletta parcheggiata in un luogo difficile da raggiungere, dovendo affrontare una salita con molti sassi. Sotto il sellino della moto, vengono ritrovati i guanti e le chiavi della motocicletta. Giuseppe portava sempre i guanti a causa dei problemi che aveva alle mani. Non appare logico che per una escursione in montagna possa aver rinunciato alla indispensabile protezione dei guanti. Tutti i cani usati nelle ricerche, sono partiti da dove è stata lasciata la moto, dopo poche centinaia di metri si bloccano davanti ad una cisterna e non vanno oltre. La cisterna è stata controllata, ed era vuota. Se ci atteniamo ai risultati delle ricerche con i cani, dobbiamo concludere che il destino di Ruggiero Giuseppe si compie in 200 metri. Tre giorni prima di scomparire, Giuseppe era stato nella zona di Vallauria, è nata in quella circostanza la volontà o necessità di dover vedere qualcuno o qualcosa quel 15 maggio 2011 ? Nella vicenda trova spazio anche una lettera anonima, inviata molti mesi dopo la scomparsa. Lettera in cui si afferma che Giuseppe è rimasto vittima di una disgrazia, nella lettera viene riferito di un colpo di fucile. Lettera considerata poco attendibile. Eppure potrebbe avere la sua importanza, l'anonimo scrittore forse ha raccontato un episodio non accaduto il 15 maggio 2011, ma in altra epoca. Episodio che deve aver molto impressionato l'anonimo, talmente impressionato da pensare che Giuseppe sia stato vittima di un episodio simile.

Le ricerche di Giuseppe Ruggiero sono state imponenti e capillari. Tanto da far venire il dubbio che il corpo possa esser stato occultato. Non ci sono, ad oggi, elementi di prova ma una persona esperta dei luoghi e con ridotta mobilità, non può scomparire nel nulla. Le indagini sulla scomparsa di Giuseppe sono archiviate da 5 anni. Si può richiedere la riapertura delle indagini indicando nuove investigazioni da svolgere. La giurisprudenza della Corte di Cassazione, ha precisato che le nuove investigazioni sono nuove acquisizioni pervenute in un secondo momento, a seguito di nuovi apporti provenienti da fonti diverse rispetto a quelle valutate nel procedimento archiviato. La speranza è, ovviamente, che sia fatta luce sulla sorte di Giuseppe. La certezza è che vivrà in coloro che lo amano. Come testimonia il libro. La sabbia del tempo cancella molte cose, ma non le pagine scritte con l'inchiostro dell'amore.

Credit foto Caramanica Editore