Il SudEst

Sunday
Jul 22nd
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Sociale Sociale Rossella Casini, vittima del disonore mafioso

Rossella Casini, vittima del disonore mafioso

Email Stampa PDF

di PIERDOMENICO CORTE RUGGIERO

Questa vicenda, potrebbe portare alla mente Romeo e Giulietta di William Shakespeare. Un grande amore finito in tragedia, a causa dell'odio. In realtà, la vicenda di Rossella Casini è una storia di grande amore, ma è anche una storia di miserabili assassini. Molto diversa dal capolavoro di Shakespeare. Rossella Casini era una normale ragazza degli anni 70.

Viveva a Firenze con sua madre e suo padre. Figlia unica. Studiava psicologia. Una bella, bellissima ragazza. Con tanti ideali e tanta voglia di scoprire il mondo e le persone. Rossella era una di quelle persone, destinate a scrivere belle pagine nel libro della vita. Nel 1978, a Rossella succede una cosa bellissima. La più bella di tutte. Si innamora di Francesco Frisina, un giovane calabrese, venuto in Toscana per studiare Economia. Nasce un amore vero. Forte. Una cosa seria.  Tanto seria, che anche i rispettivi genitori si conoscono. Rossella Casini si reca spesso a Palmi, città dove vive la famiglia di Francesco. Nel luglio 1979, la bella storia d'amore, diventa un dramma. Viene ucciso, a Palmi, il padre di Francesco Frisina. Rossella scopre, così, che la famiglia del suo fidanzato era coinvolta in una guerra di 'ndrangheta. La ragione consigliava di troncare quel fidanzamento pericoloso. Rossella, invece, sceglie la via del cuore. Lei ama Francesco, e no, non lo avrebbe lasciato. Nel dicembre 1979, Francesco Frisina viene ferito in un agguato. Rossella corre in Calabria. Vuole, deve, salvarlo. Riesce a farlo trasferire in un reparto di neurochirurgia a Firenze. Francesco si salva. Durante la convalescenza, Rossella convince Francesco ad abbandonare la legge del disonore. Ad affidarsi alla legge dello Stato. Sia Francesco che Rossella, rilasciano dichiarazioni davanti al sostituto procuratore della Repubblica di Firenze Fleury. Francesco parla al magistrato della serie di omicidi che avevano coinvolto anche la sua famiglia. Rossella era convinta di poter salvare il suo fidanzato. Invece, come disse poi il pubblico ministero Giuseppe Bianco “Rossella era finita in un groviglio di vipere e non fuggì perché innamorata”. Gli atti vengono inviati per competenza territoriale da Firenze alla magistratura calabrese. Da tali atti scaturisce un processo. Prima dell'inizio del processo, però, succedono due cose. Francesco Frisina, ritratta le sue dichiarazioni. Mentre Rossella scompare nel nulla. La ragazza faceva continuamente la spola tra Firenze e Palmi. Voleva salvare il suo amore. Come disse, diversi anni dopo, il pubblico ministero durante il processo per la morte di Rossella “Non schiodava, non se ne andava, non mollava la presa, voleva salvargli l'anima dopo avergli salvato la vita”. Nel febbraio 1981, pochi giorni prima dell'inizio del processo legato agli atti provenienti da Firenze, Rossella si reca nuovamente a Palmi. Il 22 febbraio chiama il padre e lo avvisa che stava rientrando. Invece scompare nel nulla. Per molti anni, di Rossella Casini non  si saprà più nulla. I genitori di Rossella si consumano nella ricerca della figlia. Nel 1994 un pentito indica i due assassini di Rossella, che avrebbero agito su ordine della sorella di Francesco. Rossella, secondo il pentito, viene uccisa, fatta a pezzi e gettata in mare. Con queste dichiarazioni Rossella potrà avere giustizia. Invece. Il processo per la morte di Rossella inizia nel 1997 e dura in primo grado 9 anni. Un processo tormentato. Disse il PM durante il dibattimento “ perché il processo italiano è il processo di Azzeccagarbugli... perché oramai nei processi italiani si parla solo di questioni formali, e non di questioni formali importanti. E certamente non del fatto... perché nel processo di Azzeccagarbugli non si può avere fiducia. Perché è fatto apposta per non fare giustizia.” I tre imputati vengono assolti. Ora si potrebbe chiudere l'articolo con citazioni e frasi romantiche. No. Immaginiamo una ragazza innamorata che vuole salvare il suo uomo, immaginiamo il suo terrore nel vedere la morte, immaginiamo il suo dolore mentre viene uccisa. Immaginiamo tutto questo. Davanti a ciò , rimane solo il fiato per una preghiera per Rossella e per una imprecazione. Maledetti assassini senza onore.

Credit foto www.firenze.repubblica.it