Il SudEst

Sunday
Oct 20th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Sociale Sociale Cassino e il mistero di Mino Pecorelli

Cassino e il mistero di Mino Pecorelli

Email Stampa PDF

di PIERDOMENICO CORTE RUGGIERO

Mino Pecorelli, la sua morte è un mistero. La sua vita è legata ai più intrigati misteri italiani.

 

Il rapimento e la morte di Aldo Moro, Gladio, le tangenti, i legami tra politica e malavita, le trame eversive, il traffico di armi e petrolio con la Libia. Pecorelli aveva accesso ad importanti informazioni in ambienti dei servizi segreti, dell'economia, della politica, che poi pubblicava su O.P., la sua creatura. La vita professionale di Mino Pecorelli, è legata a due grandi personaggi della politica italiana. Aldo Moro e Giulio Andreotti. Pecorelli anticipa il rapimento di Aldo Moro, rivela particolari sconvolgenti sulla dinamica del rapimento e dell'omicidio del Presidente della DC. E altre rivelazioni aveva intenzione di fare. Come altre rivelazioni, su Giulio Andreotti. Il bersaglio preferito di Pecorelli. I famosi assegni del Presidente per esempio. Mino Pecorelli non riuscirà a fare altre rivelazioni, perché nel marzo 1979 viene ucciso. Proprio le indagini sulla sua morte, portano a Cassino. Perché nella Città Martire, viene letteralmente scritta una delle pagine del mistero Pecorelli. Tra Cassino e Villa Santa Lucia, aveva il suo impero editoriale e tipografico Giuseppe Ciarrapico. Le simpatie di Ciarrapico per il Movimento Sociale Italiano  erano note, come i suoi rapporti con Giorgio Almirante. Ma Ciarrapico aveva rapporti stretti anche con la Democrazia Cristiana, o meglio con l'area di Giulio Andreotti. Giuseppe Ciarrapico, aveva a Cassino la sua azienda tipografica. Dove stampava i manifesti per l' Msi, ma anche libri di storia con evidente intento revisionista. Ciarrapico sarà anche presidente della Roma e delle terme di Fiuggi. Ma è la sua tipografia di Cassino che ora ci interessa. Alla fine del 1978, Mino Pecorelli ha necessità di trovare una nuova tipografia per stampare il suo settimanale O.P. Tramite Franco Evangelisti, il braccio destro di Andreotti, Pecorelli ottiene di poter stampare, con un prezzo favorevole, il settimanale presso la tipografia di Ciarrapico a Villa Santa Lucia. La stampa sarebbe iniziata sul finire del marzo 1979. Proprio quando Pecorelli aveva promesso di pubblicare rivelazioni clamorose sul rapimento Moro e su Giulio Andreotti. Può sembrare strano che avendo simili intenzioni, Pecorelli scelga la tipografia di Ciarrapico, molto vicino ad Andreotti e alla destra. In realtà Pecorelli non riesce a stampare nulla a Villa Santa Lucia, visto che viene ucciso prima. Dopo la morte di Pecorelli, gli investigatori si interessano anche della tipografia di Ciarrapico a Villa Santa Lucia. Scoprono che uno dei collaboratori della tipografia di Ciarrapico, era, dal 1981, Guido Giannettini. Giornalista, agente dei nostri servizi segreti, molto vicino ad ambienti di destra. Giannettini aveva fatto parte della rete di sostegno del Oas francese, nel maggio 1965 era stato relatore del Convegno dell'Hotel Parco dei Principi di Roma, dove viene elaborato il profilo teorico della strategia della tensione. Venne processato per la strage di Piazza Fontana, ma venne assolto dopo una prima condanna. Nel 1990 Giannettini passa alle dipendenze di Ciociaria Oggi, giornale di proprietà di Giuseppe Ciarrapico. Nella tranquilla Cassino, passa quindi uno dei misteri d'Italia. Documenti esplosivi sono passati nella tipografia di Villa Santa Lucia per poi sparire? A Cassino è stata scritta qualche pagina della teoria della strategia della tensione? Forse. L'Italia rimane il paese dalle tante domande e dalle poche risposte. Risposte che forse non arriveranno mai, ma è doveroso continuare a fare domande.

Credit foto www.giovannipetta.eu