Il SudEst

Saturday
Oct 24th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Sociale Sociale Cerimonia di Premiazione “Lucchesi che si sono distinti all’estero” Anno 2020

Cerimonia di Premiazione “Lucchesi che si sono distinti all’estero” Anno 2020

Email Stampa PDF

di FRANCESCA SARGENTI*

La tradizionale cerimonia di premiazione dei “Lucchesi che si sono distinti all’estero“ si terrà domenica 13 settembre presso il Complesso monumentale di San Micheletto.

 

 

La Camera di Commercio e l'Associazione Lucchesi nel Mondo, nonostante le difficoltà del momento per le conseguenze della pandemia dovuta da Covid19, hanno ritenuto di assegnare anche per l’anno 2020 questo riconoscimento.

Saranno premiati conterranei che, operando nel campo dell'imprenditoria e del lavoro, delle professioni, della cultura e del volontariato, hanno contribuito alla crescita economica e sociale dei Paesi di accoglienza, tenendo alto il nome di Lucca e della sua provincia.

Il Premio “Lucchesi che si sono distinti all’estero” venne istituito nel 1970 quando, analizzando la lunga storia emigratoria dei lucchesi fu evidenziato come fossero spesso emersi personaggi importanti e famosi, sia durante il lungo periodo della Repubblica Lucchese, sia dopo l’Unità d’Italia.

La cerimonia di quest’anno non vedrà la presenza di tutti i premiati, viste le difficoltà dovute all’emergenza sanitaria, e pertanto la Camera di Commercio di Lucca e l’Associazione Lucchesi nel mondo hanno deciso di procedere alla consegna della medaglia e dell’attestato, a coloro che sono impossibilitati a partecipare all’edizione 2020, nel corso della cerimonia di assegnazione dei premi che si terrà nel 2021.

Di seguito le motivazioni dei premiati:

Menotti Bacci. - Nato nel 1938 a Bagni di Lucca, emigra nel 1955 a Ginevra.

dove si impiega nel settore del commercio lavorando nel settore dell’enogastronomia e riscuotendo successo ed apprezzamento negli importanti negozi del centro cittadino in cui ha prestato servizio.

Dal 1985 è membro dell’Associazione Lucchesi nel Mondo di Ginevra di cui diviene Presidente nel 2002. Con l’associazione ha organizzato serate ricreative nell'ambito della comunità italiana di Ginevra volte a promuovere le eccellenze culturali e gastronomiche del territorio lucchese e, più in generale, toscano. Tre le molte iniziative, è stato promotore di un importante progetto per erigere cinque monumenti dedicati all’emigrazione Italiana nel Cantone di Ginevra. Nel 2008 è tra i fondatori della Società delle Associazioni italiane di Ginevra (SAIG), un ente che svolge molteplici attività a favore della collettività italiana residente nel Cantone di Ginevra e sviluppando in particolare progetti a tutela delle categorie sociali più deboli. Nel 2007 è stato insignito del titolo di Cavaliere dell’Ordine della Stella d’Italia (già Stella della solidarietà italiana).

Molto affezionato alle tradizioni lucchesi, ogni anno torna con la moglie per sfilare alla processione di Santa Croce dietro il labaro di Ginevra.

Luiz Jr Gonzaga Bertoncini– Nato nel 1969 a Rio de Janeiro, il suo bisnonno era emigrato da Fosciandora nel 1880, stabilendosi a Florianopolis in Brasile.

Laureatosi in economia e successivamente in Giurisprudenza a Florianòpolis, inizia la sua professione occupandosi in modo particolare delle questioni legate a vertenze fiscali e finanziarie, aprendo poi un proprio studio privato Bertoncini&Advogados Associados. Molto legato alle proprie origini, ha effettuato ricerche approfondite stilando e pubblicando un vero e proprio rapporto genealogico integrato dalla storia dettagliata della propria famiglia, partendo dal capostipite Antonio Pietro Bertoncini e ricostruendone la vicenda, in cui spiccano i valori più caratteristici della nostra gente: l’etica del lavoro, l’onore e l’onestà, che lo stesso Luiz trasmette ai propri figli, con la passione per la lingua italiana che ha studiato privatamente. Dopo aver acquisito la cittadinanza italiana nel 2010, ha restaurato un importante cimelio di famiglia: un quadro di San Giuseppe con il bambin Gesù, di cui ha realizzato varie copie che ha donato ai suoi parenti ritrovati in Italia.

Per le sue attività a sostegno della collettività è stato insignito del premio “Amico della Polizia” dalla polizia militare dello Stato di Santa Catarina, del premio “Amico dei Pompieri” dal Comando Generale dei Pompieri dello Stato di Santa Catarina e di altri attestati benemerenza tra cui alcuni dei locali gruppi Scout

Mario Conti – Nato nel 1934 a Moray (Scozia), la famiglia era originaria di Barga.

Già Vescovo di Aberdeen, ha guidato l’Arcidiocesi di Glasgow di cui è attualmente Arcivescovo emerito

Fino al 2002 è stato membro dei Dicasteri Vaticani per la promozione dell’unità dei Cristiani e per i Beni Culturali della Chiesa.

Durante la sua presidenza della Commissione per la Dottrina Cristiana e Unità ed anche della Commissione Patrimonio della Conferenza episcopale della Scozia si è sviluppato il progetto che ha portato alla realizzazione dell’Italian Cloister Garden,  che ricorda tuti i caduti italiani nella tragedia dell’Arandora Star.

Commendatore all'Ordine al Merito della Repubblica Italiana nel 1981, Commendatore dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme e Cavaliere dell'Ordine di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta; nel 2002 è stato insignito del titolo di  Grande Ufficiale della Stella della Solidarietà Italiana.

Perry Di Girolamo – Originario di Lucca , nato 1964 a Cicero, Illinois, vive attualmente a Chicago.

Laureatosi all’università di Western Illinois nel 1986, avvia la sua attività nel commercio di vini pregiati, divenendo direttore della divisione composta da 29 manager di distretto, con vendite per 133 milioni di dollari.

Nel 1998 apre il primo negozio al dettaglio Wine and Spirit nel Midwest di 3500 mq, che giunge ad avere 5 milioni di dollari di vendite il primo anno. Nel 2002 inaugura il Chocolate Confection, negozio specializzato in cioccolatini e gelati.

Impegnato nel sociale, ricopre la carica di vicepresidente dell’associazione Lucchesi nel Mondo di Chicago, presidente della Bonne Vie, un’organizzazione enogastronomica fondata nel 1963, e la carica di vicepresidente della Jefferson Sportsman Society, ente per la raccolta di fondi a favore dei campi estivi per bambini.

Nel 2019 viene nominato uomo dell’anno dall’Associazione Lucchesi nel Mondo di Chicago.

James Michael Fanucchi– Nato nel 1957 a S. Francisco, dove tutt’ora vive, cresciuto in casa con i nonni lucchesi ha coltivato l’amore per la lingua italiana fin dall’infanzia.

Laureatosi in Business Administration all’Università di S. Francisco diviene responsabile per la LieffCabrasenHeimann & Bernstein di S. Francisco.

Da sempre attivo nella comunità italiana e nel mondo dell’associazionismo, ha ricoperto, tra gli altri ruoli, la carica di Presidente dell’Associazione Lucchesi nel Mondo di S. Francisco nel 2015-2016.

Membro del consiglio del San Francisco Italian Heritage Parade ne è stato Presidente per il biennio 2016 - 2018.

Fa inoltre parte del CIAO (Coalition of Italian American Organizations) della Bay Area di S. Francisc che attulamente è impegnata nella valorizzazione, della cultura italiana in San Francisco tramite l’organizzazione di molteplici e variegate attività che si svolgono nel mese di ottobre, in concomitanza con i festeggiamenti del Columbus Day.

Raymond Robert Isola - Nato a San Josè (California) nel 1954, i nonni emigrarono da Lucca e da Torre del Lago nel 1915.

Laureato in discipline pedagogiche e umanistiche si è specializzato in amministrazione educativa ed istruzione all’Università di Sacramento.

La sua carriera di educatore lo porta a diventare, nel 1999, preside della scuola Sanchez Elementary di San Francisco.

Ha pubblicato numerosi articoli su riviste specializzate affrontando diversi temi legati all’educazione ed alla gestione del corpo docente ed in particolare gli aspetti della continuità educativa tra la scuola d’infanzia e la primaria.

Sul tema ha anche pubblicato un libro specifico che ha goduto del patrocinio del Console Generale d’Italia a S. Francisco, Lorenzo Ortona.

Numerosissimi sono i  convegni e seminari all’estero e in Italia dedicati all’educazione cui ha partecipato come promotore e relatore. Nel 2019 a Lucca, su invito dell’assessore Vietina, è stato protagonista di una conferenza rivolta ai docenti della scuola primaria durante la quale ha illustrato l’esperienza da lui portata avanti nella scuola Sanchez di San Francisco.

Nicola Luisotti - Nato a Viareggio nel 1961 originario di Bargecchia (Massarosa) attualmente residente in San Francisco.

Inizia a studiare musica a 9 anni grazie agli insegnamenti del parroco del paese e già a 11 anni diventa direttore del coro della parrocchia di Bargecchia. All’Istituto Musicale Boccherini di Lucca studia pianoforte, organo, composizione, tromba e canto. Al Festival Puccini di Torre del Lago fa le prime esperienze in ogni settore, affiuncando i direttori d’orchestra nel ruolo di assistente. Vince poi, quasi contemporaneament, due audizioni: quella per Artista del Coro al Maggio Musicale Fiorentino e quella per Maestro Collaboratore al Teatro La Scala di Milano. Qui, nel 1989 alla Scala, inizia la sua attività  collaborando con grandi direttori d’orchestra come Riccardo Muti e Lorin Maazel. Dai quali trarrà fonte di ispirazione per la sua carriera futura.

Nel 1997 avvia la propria carriera direttoriale al Teatro Bellini di Catania. Da quel momento calca i palcoscenici dei più importanti teatri italiani e del mondo: Parigi, Londra, New York, Vienna, San Francisco.

Particolarmente apprezzato per le sue doti ha diretto alcune tra le Orchestre più importanti come Santa Cecilia di Roma, la Tokyo Symphony, la Russian National Orchestra, i Berliner Philharmoniker. Dal 2017 è Direttore dell’orchestra del  Teatro Reale di Madrid.

Rinaldo Manzini - Nato a Vico Pancellorum nel comune di Bagni di Lucca nel 1949, vive dal 1960 a Vilshofen, in Germania.

All’età di 11 anni si trasferisce a Norimberga dove già vivevano i suoi genitori dal 1954 e dove svolgevano l’attività di figurinai. Nel 1965 frequenta la scuola di auto-meccanica e durante il tempo libero aiuta nel negozio dei genitori. Dal 1971 al 1983 svolge l’attività di venditore ambulante in tutto il territorio tedesco, vendendo articoli comprati in Italia ed in particolare prodotti del territorio di Bagni di Lucca: i famosi Mammalucchi, ma anche candelabri e cornici. Nel 1984 si trasferisce a Vilshofen in bassa baviera, dove con la moglie apre una gelateria nella piazza principale accanto alla chiesa; il EisCafè-pizzeria Roma, gestita ancora oggi dalla famiglia e di grande successo con sedici impiegati. All’inizio Rinaldo produceva gelato secondo l’antica ricetta artigianale Italiana pastorizzando il latte e con le uova fresche. L’attaccamento alle proprie origini porta Rinaldo a rientrare ogni anno per diversi mesi a Bagni di Lucca.

Rolando Nardi – Nato a Lucca nel 1969 risiede a Monaco dove erano emigrati i genitori

Nel 1996 ottiene il diploma a Monaco di Maestro pasticcere e successivamente la Camera di commercio bavarese lo insigne de titolo di Maestro Gelatiere

Seguendo le orme dei genitori ha preso le redini della gelateria di famiglia la Nardi Eis Cafe Firenze a Haar in Baviera.

Docente alla VHS HAAR in materia di alimentazione, ha ricevuto numerosi premi, diplomi e riconoscimenti: I° classificato nell’albo d’oro Carlo Pozzi Longarone 1998/99, I° classificato al concorso Spatola d’Oro Bologna 2003, Maestro Gelatiere Carpigiani 2014, IV° classificato al campionato del mondo di gelateria Berlino 2014, II° classificato miglior gelato allo Yogurt alla mostra internazionale 1994.

La sua attività non si limita solo alla pruduzione artigianale di gelato ed alla gestione dell’impresa di famiglia: nel 2014 diventa assessore comunale e vice presidente della Camera di Commercio in Baviera, dove porta avanti con intraprendenza e passione alcune battaglie in favore della salvaguardia dei prodotti italiani, tra cui una proposta di legge antifalsificazione a tutela del Made in Italy ed alcuni progetti per la promozione della cultura italiana ed in particolar modo lucchese. Nel 2014 riceve la cittadinanza onoraria di Monaco di Baviera con medaglia al merito per aver salvato una bambina da un tentato rapimento a fini di stupro.

Stefano Rossi - Nasce a Lucca nel 1967 e si trasferisce a Bruxelles nel 1998.

Da sempre affascinato dalla storia dell’emigrazione lucchese, ne ha approfondito le vicende seguendo le orme della vicenda del bisnonno, Eustachio Tognucci, fa parte e dal quale Stefano ha tratto ispirazione ed insegnamento per la sua vita privata e professionale

Stefano, dopo aver svolto vari lavoretti per non gravare sulla famiglia, inizia la sua avventura nel mondo della carta e del cartone nel 1988 grazie ad un corso professionale per tecnici di cartiera svolto dalla SIVA di Fabriano. Grazie a questo corso entra in contatto con la cartiera Italcarta, dove trova impiego come turnista a fine corso, lo stesso giorno in cui questa viene venduta al Gruppo Svedese SCA.

Ancora  turnista, il CEO dell’azienda, Ing. Culicchi gli propone di frequentare la facoltà di Scienze e Tecniche Cartarie all’Università di Camerino. Inizia così un intenso periodo di lavoro e studio che si conclude con un Master in Ingegneria Chimica all’Università dell’Idaho. Parallelamente agli studi decolla la sua carriera raggiungendo prima la posizione di direttore di produzione di cartiera, poi  a responsabile tecnico di tutta la divisione carta della SCA Packaging, mansione  che svolgeva nella sede di Bruxelles.

Oggi Stefano è CEO della divisione Packaging Globale del gruppo DS Smith. Azienda con un fatturato di 6 miliardi di euro, 8,5 miliardi di mq di soluzioni di imballaggio, 25.000 dipendenti e circa 250 centri produttivi tra America e Europa

Lia Tolaini Banville– Nata a Virden in Canada, risiede tra Winnipeg, Manitoba, e New York dove ha sede la Banville Wine Merchant.

Suo padre, PierLuigi Tolaini, scomparso pochi mesi fa, era originario di Torrite in Garfagnana: emigrato in Canada è stato a sua volta insignito del premio ai Lucchesi che si sono distinti all’estero nel 2012.

Lia, seguendo le rome e gli insegnamenti del padre, è oggi imprenditrice di importanza internazionale nel settore della produzione e commercializzazione del vino. Proprietaria dell’Azienda Vinicola Tolaini a Castelnuovo Berardenga, produce vini tra i migliori del mondo e alcune etichette  della produzione, con la denominazione “Donna Laura”, sono dedicate alla famiglia originaria di Castelnuovo di Garfagnana.

Lia è coniugata con Michael Banville ed ha tre figli, Matteo coniugato con Karly, Alicia coniugata con Kyle e Alexander, ed è nonna di tre nipotini che sono i figli di Alicia, Karter, Klhoe e il piccolo Luigi.

Con l’Azienda Banville Wine Merchant, di cui è presidente, importa a livello nazionale in USA e Canada più di 30 aziende vitivinicole top Italiane. La Banville ha cinque aziende di distribuzione di vino a NY, NJ, DC, VA e Oregon. Lia, con la storia della sua famiglia e con le numerose attività, è una vera ambasciatrice dell’Italia e di Lucca nel mondo.

Miguel Angel D’Annibale – (27/03/1959 – 14/04/2020)

Originario di Castelvecchio di Compito (Capannori) nacque nel 1959 a Buenos Aires.

A 25 anni è stato nominato sacerdote e poi vicario generale a San Isidro, fino al 2011 quando Papa Benedetto XVI lo ha ordinato vescovo di Nasai e vicario della diocesi di Rio Gallegos, di cui è diventato Arcivescovo due anni dopo. Qui ha svolto il suo incarico pastorale con amore e passione fino al 2018, quando Papa Francesco lo ha chiamato alla guida della Diocesi di San Martin. Membro della Conferenza Episcopale Argentina, ha seguito in modo particolare la Pastorale della Liturgia, dei Laici e della Comunicazione.

Per le visite ad limina e per ogni altra occasione per la quale era chiamato in Vaticano  tornava nella nostra città, in visita ai parenti; poco dopo la sua investitura a Rio Gallegos , ebbe particolare piacere di visitare anche la sede dei Lucchesi nel Mondo, che lo aveva omaggiato di una riproduzione artistica del Volto Santo, per ringraziare del dono e dimostrandosi ancora una volta affezionato alla sua terra ed orgoglioso della sua origine.

A seguito di una gravissima malattia è scomparso il 14 aprile 2020, lasciando un grande vuoto nella Sua diocesi, che aveva arricchito di numerosi progetti per la tutela dei più deboli, e nella sua famiglia che aveva sempre nel cuore.

*Ufficio Stampa – Relazioni Esterne