Il SudEst

Monday
Jan 22nd
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Territorio

attualità

Barbara D’Urso e il picchetto d’onore

Barbara D’Urso e il picchetto d’onore

 


di ROSA MANNETTA

E’ successo: qualche giorno fa, Barbara D’Urso ha postato un video su Instagram dove, si notano alcuni agenti della polizia, schierati nel cortile della Questura di Milano, in occasione di una sua visita.

 

 

Leggi tutto...
 

Campania: La CGIL spaccata dalla lama della 107

 


di LUIGINA FAVALE

Che la scuola sia stata abbandonata dai sindacati forti è cosa risaputa. La sofferenza dei docenti precari usati per mandare avanti l'anno scolastico e poi dimenticati per anni nelle graduatorie, dei docenti di ruolo sempre più burocrati e meno maestri, delle famiglie incapaci di costruire un dialogo educativo con la scuola, dei bambini H ai quali spesso non viene garantito la presenza dei maestri specializzati , degli Ata sempre troppo pochi in scuole enormi, dei dirigenti scolastici sempre più investiti di responsabilità è muta per le orecchie di chi siede al tavolo contrattuale con il governo. La CGIL storica sigla sindacale istituita per difendere i diritti dei lavoratori è stata forse quella più colpevole della delusione e della sofferenza della scuola. Culla del ministro della pubblica istruzione, Valeria Fedeli, i signori della CGIL hanno firmato l'accordo per tutti i punti della 107 , la legge de "la buona scuola". Poche settimane fa, la segreteria regionale Campania  della Cgil aveva invitato proprio la signora Fedeli ad un convegno nella città di Benevento. In quella occasione le tensioni tra il ministro e gli esponenti del suo stesso sindacato si erano fatti sentire talmente forti   che il ministro fu costretta a lasciare la sala del convegno per uscire nella piazza. Ragazzi che manifestavano pacificamente contro il progetto di alternanza "scuola-lavoro" furono quindi ascoltati dal ministro (dopo aver superato la polizia antisommossa) all'aperto sotto i volti visibilmente imbarazzati di scorta e portaborse del ministro.

 

Leggi tutto...

La scuola dell’infanzia e il progetto 0-6

La scuola dell’infanzia e il progetto 0-6

 


di LUIGINA FAVALE

I risvolti sociali

 

Leggi tutto...

Rispetto, una parola sedotta e abbandonata

Rispetto, una parola sedotta e abbandonata

 


di ROSA MANNETTA

Pochi giorni fa, un bengalese è stato picchiato a Roma da un diciannovenne e da altri ragazzi italiani.

 

Leggi tutto...

D-SysCom, tre Comuni della Puglia diventano smart (32 of 33)

 


di ANTONIO MINOIA*

Arriva D-Syscom, piattaforma per l’innovazione tecnologica

Tre Comuni della Puglia diventano Smart

Leggi tutto...

Ai bambini ... con verità

Ai bambini ...  con verità

 


di LUIGINA FAVALE

Ci sono rapporti nella vita che vanno sempre protetti e difesi perché da essi si sviluppano le basi per la conoscenza e l'esperienza del sociale, come quello indissolubile tra genitori e figli. In questi rapporti la tendenza alla protezione del più fragile, del più debole è un processo naturale, o almeno, tranne casi eccezionali, dovrebbe essere tale.

Leggi tutto...

Scuola, università, conservatori, accademie: lo Snals Confsal si rinnova a Taranto l'11 congresso con il segr. naz. Elvira Serafini

 


di RAFFAELLA CAPRIGLIA*

 

"L'autonomia sindacale per la libertà e la qualità della scuola, dell'università, della ricerca e dell'Afam" è stato il tema dell'undicesimo congresso provinciale del sindacato Snals Confsal di Taranto, che si è svolto il 25 ottobre, nel salone di rappresentanza della Provincia di Taranto, in contemporanea con i congressi provinciali Snals di tutta Italia. Alle elezioni degli organi statutari provinciali, è stato affiancato un momento di confronto importante per lo stesso sindacato. Lo Snals  Confsal pone l'accento sui temi e sui problemi di tutto il sistema istruzione e formazione, rappresentato non solo dal mondo scolastico, ma anche dai settori universitari, della ricerca, della formazione musicale e delle accademie. In questo contesto, lo Snals Confsal si impegna a rappresentare tutti questi comparti e ne diventa la voce.

Leggi tutto...

Immigrati, profughi e clandestini tra stereotipi e pregiudizi nei libri di testo della scuola primaria

Immigrati, profughi e clandestini tra stereotipi e pregiudizi nei libri di testo della scuola primaria

 


di VALERIA BRUCCOLA

Accade anche questo, tra i banchi di scuola, che i bambini leggano su libri di testo a dir poco inadeguati.

Leggi tutto...

Mostra opere finaliste "Polo+"

 


di SILVIO RUBENS VIVONE*

Polo Positivo  | Immagini x la Calabria

Concorso per giovani artisti [ fotografia e video art ] under 40

CosenzaGalleria Nazionale di Cosenza - Palazzo Arnone - Fino al 26 novembre 2017

Leggi tutto...
Pagina 3 di 6