Il SudEst

Friday
Dec 15th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Territorio territorio Dj Fabo: Cappato chiede il giudizio immediato andando direttamente a processo

Dj Fabo: Cappato chiede il giudizio immediato andando direttamente a processo

Email Stampa PDF

 


Redazionale

Un comunicato dell’Associazione Luca Coscioni


Marco Cappato, Tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, chiede il giudizio immediato rinunciando all’udienza del GUP e andando direttamente a processo.

Il Tesoriere dell’associazione che si batte per le libertà civili dall’inizio alla fine della vita decide di saltare un passaggio dell’Iter giudiziario, per far crescere la consapevolezza dell’importanza del tema con l’obiettivo di fare chiarezza sul piano giuridico e  con la speranza di aiutare a sbloccare il Parlamento dagli ostruzionismi sul testamento biologico.

“C’è in gioco la libertà di scelta degli italiani, bisogna fare il prima possibile, a partire da Biotestamento.”

Il gip di Milano Luigi Gargiulo lo scorso luglio ha disposto l’imputazione coatta per Marco Cappato, tesoriere di ALC, che ha accompagnato in Svizzera Dj Fabo per la pratica del suicidio assistito.

L’udienza del Giudice per l’Udienza Preliminare, che era già stata fissata per il 15 novembre, avrebbe dovuto decidere definitivamente per il rinvio a giudizio oppure optare per “sentenza di non doversi procedere”. Un’ ipotesi volutamente accantonata oggi dallo stesso Cappato, che ha appena annunciato tramite il profilo twitter di aver chiesto il giudizio immediato, al fine di ottenere chiarezza e una assunzione di responsabilità da parte delle istituzioni che l’associazione Luca Coscioni chiede da molti anni:

“A luglio è stato chiesto il mio rinvio a giudizio per l’aiuto dato a Dj Fabo ad andare in Svizzera.
Oggi ho chiesto il giudizio immediato, cioè di andare immediatamente a processo, perché voglio che in Italia finalmente si possa discutere di come aiutare i malati a essere liberi di decidere fino alla fine. Sia quando lottano per vivere, sia quando decidono di fermarsi.

Il processo sarà un’occasione per discuterne ed è bene che sia il prima possibile.
Certo, dovrebbe occuparsene la politica, però la proposta di legge dell’Associazione Luca Coscioni, per l’eutanasia legale, è ferma da 4 anni in Parlamento.

E c’è il rischio che non riescano a decidere nemmeno sul testamento biologico. Fabo ha avuto il coraggio di rendere pubblica la propria richiesta. Io spero che ora i parlamentari abbiano il coraggio di assumersi le proprie responsabilità e di decidere finalmente.

In ogni caso, ci sarà il mio processo, senza ritardi. Grazie a chi vorrà dare una mano”.

Sul tema del fine vita in Senato attualmente sta prevalendo l’ostruzionismo. Il Biotestamento, dopo essere passato alla Camera è al momento bloccato in ostaggio da 3000 emendamenti, nonostante il pieno sostegno da parte dell’opinione pubblica, confermato da tutti i sondaggi, non solo sul biotestamento, ma anche sull’eutanasia (il 67% degli italiani secondo un’indagine SWG condotta da Associazione Luca Coscioni) e nonostante le oltre 121.000 persone che hanno sottoscritto la proposta di legge di iniziativa popolare Eutanasia legale.

Dopo anni di dibattiti c’è ora il dovere per ciascun parlamentare di assumersi la responsabilità di votare almeno quel testo o respingerlo così com’è, senza accampare inesistenti ostacoli procedurali.

Con la rinuncia all’udienza del GUP l’obiettivo è di aiutare attraverso il processo pubblico a fare piena chiarezza su di un divieto di legge che non tiene conto della volontà di persone che, per avere una morte senza dolore a causa di malattie, non possono procedere autonomamente attraverso la distensione delle terapie.

La speranza è anche quella di trasmettere ai Parlamentari il senso dell’urgenza di una decisione, per non restare ostaggio della politica degli eterni rinvii: a pochi mesi dalla morte di Dj Fabo e Davide Trentini, ad un anno dalla morte di Max Fanelli, a otto anni da quella di Eluana Englaro, a 11 da quella di Piergiorgio Welby, è giunto il momento di impegnarsi affinché anche l’Italia riconosca il diritto di ogni persona a decidere in autonomia sul proprio corpo, sulla propria vita e sul proprio fine vita.

Nel frattempo, sul sito della campagna Eutanasia Legale è attivo il sistema che dà la possibilità ad ogni cittadino di contattare il proprio parlamentare chiedendo spiegazioni su ciò che sta succedendo a Palazzo Montecitorio: http://www.eutanasialegale.it/contatta-il-tuo-parlamentare