Il SudEst

Saturday
Dec 15th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Territorio territorio Renzo Rubino ospite del Medimex 2018

Renzo Rubino ospite del Medimex 2018

Email Stampa PDF


di MARIA DEL ROSSO

Il cantautore Renzo Rubino è stato ospite dell’ incontro d’ autore al Medimex 2018 nella splendida cornice dei Giardini Peripato in una delle città più belle della Puglia, Taranto.

 

 

L’ artista di Martina Franca è stato intervistato da Maddalena Orlando nel primo pomeriggio  di una giornata di inizio estate tra la passione per la musica e la voglia di raccontare il rapporto con la propria terra d’ origine.

Rubino è conosciuto al grande pubblico per i suoi successi presentati sul palco del festival di Sanremo come “Custodire”, “Il postino”, “Ora”.

Rubino con ironia ed entusiasmo ha raccontato ai suoi fans e alla stampa il suo ritorno in Puglia a Martina Franca. Inoltre, ha ripercorso alcuni fammenti della sua adolescenza. Dopo il diploma al liceo artistico, ha sognato di diventare attore e faceva parte di una compagnia teatrale. Poi, ha lavorato in pizzeria e ha fatto tanti altri lavori con umiltà.

Un giorno decise di dedicarsi completamente alla sua passione per la musica nata dagli unici quattro tasti funzionanti del pianoforte dei nonni che lo ha portato a firmare il primo contratto con la sua band, i TKM in un night club a Fasano.

Non manca nella sua  vita la musica di Puccini e l’ omaggio a Lucio Dalla con

l’ interpretazione di “Cara”, brano che avrebbe voluto fortemente comporre il cantautore martinese.

Il musicista si è esibito con il suo pianoforte proponendo “Il Postino”, brano con il quale ha vinto il Premio della critica “Mia Martini” al festival di Sanremo 2013.

Inseguito, Rubino ha commosso ed emozionato con “Custodire”,  canzone  prodotta da Giuliano Sangiorgi de “I Negramaro”, presentata all’ ultimo festival di Sanremo che racconta il disagio di essere un figlio di genitori separati e li’ invita a dialogare e ad affrontare le difficoltà.

Inoltre,  ha evidenziato il suo rapporto profondo con i nonni e anche con il nonno malato di Alzheimer che non hai mai  dimenticato nonostante la sua malattia il suo grande amore per la compagna scomparsa, Lulù. L’ amore vero  trionfa anche sulla malattia che piano piano distrugge la persona e la sua memoria.

L’ incontro d’ autore si è concluso con il brano “Pop” in cui l’ artista pone l’ attenzione sul concetto di pop oggi e lo fà con  ironia e con intelligenza prendendo in giro quel mondo che vuole privarlo della sua originalità. Molti discografici preferiscono canzoni superficiali alla canzone impegnanta che possa far riflettere, emozionare, raccontare una storia.

E’ una canzone di protesta al mondo commerciale che punta alla leggerezza,

all’ omologazione, alla perdita di creatività. Invece, Renzo Rubino con la  sua musica fatta di studio, di ricerca e di profondità  propone un modo di fare arte diverso e intriso di cultura, di punti di riferimento importanti come Dalla, Puccini, Jannacci, Pino Daniele, Domenico Modugno e tanti altri maestri della buona musica, quella autentica.